Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Francia

Definire nuove regole del gioco eque

di 

Definire nuove regole del gioco eque

- Netflix e YouTube oggi, HBO e altri domani: il rafforzamento sul mercato europeo di nuovi servizi di diffusione delle opere ha fattto entrare il solidissimo modello cinematografico francese in una spirale potenzialmente generatrice di seri squilibri a venire. Passato sotto la lente ai 24mi Incontri Cinematografici organizzati dall’ARP a Digione, il tema ha posto sotto i riflettori l’attuale regolamentazione basata, su scala europea, sul principio del paese di emissione e che permette ai giganti del web di affrancarsi dalle regole della concorrenza e della fiscalità, ma anche dagli obblighi di sostegno alla creazione e di esposizione delle opere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Reclamando un trattamento equo, i diffusori e finanziatori della settima arte in Francia predicano a favore di un sistema che riposi sul consumo misurato nel paese di destinazione. "Si dice spesso che questi attori sono inafferrabili. Ma non è affatto così!", ha spiegato Rodolphe Belmer, direttore generale di Canal+ (chiave di volta del finanziamento dei film in Francia). "La diffusione Internet è fisica. Netflix e YouTube hanno un terminale a Parigi. Bisogna definire gli obblighi e la fiscalità rispetto a queste infrastrutture fisiche". Questa misura tecnicamente facile da mettere in atto e che ha fatto l’unanimità tra tutti i partecipanti a Digione (in particolare Vincent Grimond di Wild Bunch) deve ora essere discussa a livello di Unione europea.

Secondo Frédérique Bredin, presidente del CNC, la questione di questi "giganti che giocano con l’ottimizzazione fiscale riguarda tutti". La Francia e la Germania stanno già reagendo, e l’Italia è sul punto di unirsi al movimento. Un dibattito cruciale si annuncia quindi su questo tema del consumo nel paese destinatario e non nel paese d’origine, un capovolgimento della logica attuale che sarà vitale per la preservazione delle industrie cinematografiche e audiovisive europee in una rivoluzione digitale che rende le filiere più porose, tendendo a spostare il potere economico verso il basso e complicando la regolamentazione (leggi l’analisi prospettica di Nicolas Colin su "Le industrie culturali dopo la rivoluzione digitale").

 

in questo country focus

Newsletter

courgette oscar shortlist

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250