Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Francia

258 lungometraggi prodotti nel 2014

di 

258 lungometraggi prodotti nel 2014

- Un po’ meno film con molti meno soldi: è questa la conclusione lapidaria che si può trarre dal bilancio della produzione cinematografica francese nel 2014 svelato dal CNC.

258 film sono stati prodotti l’anno scorso (contro 270 nel 2013 e 279 – numero record – nel 2012) di cui 203 d’iniziativa francese (FIF - sei in  meno rispetto al 2013) e 55 coproduzioni minoritarie (-6). Se il numero di film 100% francesi resta più o meno stabile (152 l'anno passato contro 154 nel 2013 e 150 nel 2012), la tendenza al ribasso prosegue sul fronte delle coproduzioni internazionali con 106 lungometraggi nel 2014 (116 nel 2013 e 129 nel 2012) prodotti con almeno un paese straniero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Per il terzo anno consecutivo, gli investimenti calano, ma stavolta in maniera molto significativa. Dopo la diminuzione del 3,4% nel 2012 e del 7,2% nel 2013, sono infatti crollati del 20,2% l'anno scorso a 994,13 M€. Nel dettaglio, i FIF hanno captato 799,18 Md€ (-21,7 %) nel 2014 e i film d’iniziativa straniera 194,95 M€ (-13,6 %). Da notare che il budget medio dei FIF ammonta ormai a 3,94 M€, e la differenza salta all’occhio rispetto al 2013 (4,88 M€).

 

Questa severa contrazione degli investimenti ha avuto impatto soprattutto sui lungometraggi di grosso budget giacché 17 FIF hanno superato i 10M€ di budget nel 2014 contro 19 nel 2013 e 33 nel 2012. Un quadro che si spiega con la rarefazione dei budget più alti, con soli tre film di oltre 15M€ l'anno scorso (12 l'anno precedente e tra i 9 e i 18 ogni anno durante il decennio passato). In compenso, i lungometraggi che rientrano nella tranche di budget 2-4 M€ sono nettamente cresciuti, con 61 film (contro 47 nel 2013).

La riduzione degli investimenti, che sembra aver subito un’accelerazione nel secondo semestre 2014 (leggi la news), è dovuta a diversi fattori: una congiuntura economica nazionale tesa, un panorama meno favorevole per le televisioni (principali fonti di finanziamento del cinema), le conseguenze del nuovo contratto collettivo del cinema che ha rincarato i costi di produzione, una maggiore prudenza dei distributori nei loro impegni in MG (minimo garantito), un’autoregolamentazione del settore dopo certe derive in materia di cachet artistici sopravvalutati e di produzioni sovrafinanziate... Resta ora da sapere se la produzione francese (che non manca di assi nella manica e beneficia di una solidissima rete di protezione che assicura un volume conseguente di finanziamenti) potrà continuare a produrre altrettanti film con risorse in così netta flessione. Una questione che dovrebbe trovare una prima risposta nel risultato della rinegoziazione, quest’anno, degli accordi con Canal+ (finanziatore numero uno del cinema francese). 

 

in questo country focus

Newsletter

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno

Follow us on

facebook twitter rss