Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Francia

Produzione 2014: il finanziamento sotto la lente

di 

Produzione 2014: il finanziamento sotto la lente

- Se la leggera decelerazione nel 2014 della produzione cinematografica francese a 258 lungometraggi (contro i 270 del 2013) di cui 106 coproduzioni internazionali, e la netta flessione del 20,2 % degli investimenti a 994,13 M€ sono state già annunciate a inizio febbraio (leggi la news), ora il CNC svela nel suo bilancio annuale tutti i dettagli che permettono di analizzare questa tendenza alla contrazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’analisi del finanziamento 2014 è soprattutto segnata dal crollo del 45 % dei mandati (distribuzione nelle sale, edizione video, esercizio all’estero) che sono ammontati l’anno scorso a 155,86 M€ e che hanno coperto il 17,2 % del finanziamento delle produzioni maggioritarie francesi (contro il 24,5% nel 2013). Sono da segnalare i mandati cross-laterali (che inglobano diverse categorie di diritti di esercizio) che hanno raggiunto i 65,56 M€ (per 99 film) contro i 90,93 M€ del 2013, gli acconti dei distributori nelle sale francesi (11,69 M€ per 68 film), quelli degli editori video (6,93 M€ per 30 film) e i MG (Minimo Garantito) di vendite internazionali (71,23 M€ per 86 film – di cui 67 FIF - contro i 158,27 M€ per 92 titoli nel 2013).

Le televisioni hanno investito 291,17 M€ in 143 film (di cui 126 FIF – film d’iniziativa francese), un volume d'investimento stabile per un numero di opere in calo (-18). I canali a pagamento si sono impegnati in 136 film (di cui 122 FIF) per un totale di 177,96 M€ (-6,4%), con Canal+ (135,88 M€ di pre-acquisto per 103 film, contro 160,44M€ per 126 film l’anno precedente), Ciné+ (14,87 M€ per 83 film, ossia 22 lungometraggi in meno rispetto al 2013) e OCS (27,15 M€ per 41 lungometraggi, 23 titoli in più dell’anno precedente). I canali in chiaro hanno investito 113,22 M€ (un cifra in crescita dell’11,5 %) su 104 film (di cui 11 minoritari), con TF1 (27,72 M€ - in netto calo del 25,9 % - su 13 film, tutti FIF), France 2 (26,85 M€ a + 16,9% per 27 titoli di cui 25 FIF), France 3 (23,67 M€ in crescita del 24,3%, per 33 film di cui 30 FIF), M6 (23,08 M€, in crescita spettacolare del 120,2 %, su 11 film), Arte France (6,6 M€ - 15 lungometraggi – dieci film in meno rispetto al 2013, di cui 10 coproduzioni minoritarie francesi) e i più giovani canali del DT gratuito (5,3 M€ per 28 FIF pre-acquistati – contro i 17 dell’anno precedente – di cui 10 film per Direct 8 e 10 per TMC). Da notare che il 37,9 % dei film d’iniziativa francese non sono finanziati da alcuna televisione, ma che quest’ultima resta di gran lunga il finanziatore n°1 delle produzioni maggioritarie fracesi di cui copre il 34,6% dei budget.

I produttori francesi investono direttamente 238,65 M€ (ossia il 29,9 % del finanziamento dei FIF), appoggiati da 45,94 M€ di apporti stranieri (5,7% dei budget delle FIF). Vi si aggiungono gli impegni delle Sofica (società d’investimento nella produzione cinematogafica e audiovisiva) che ammontano a 33,99 M€ su 103 film (ossia il 3,9% del finanziamento delle FIF).

I finanziamenti pubblici rappresentano l’8,9 % del finanziamento dei FIF attraverso il sostegno automatico (26,37 M€) e gli aiuti selettivi (25,7 M€ per l’anticipo sugli incassi) del CNC, così come gli aiuti regionali (2% del finanziamento globale dei FIF). Da notare infine che il beneficio del credito d’imposta è stato chiesto per 128 FIF.

 

in questo country focus

Newsletter

Emilia Romagna_site IT
Film Business Course

Follow us on

facebook twitter rss