Valley of Shadows (2017)
On Body and Soul (2017)
The Line di Peter Bebjak
God's Own Country (2017)
Absence of Closeness (2017)
Handia (2017)
I Am Not a Witch (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Ungheria

Il cinema ungherese torna in forze all'EFM

di 

Il cinema ungherese torna in forze all'EFM

- Dopo un difficile periodo di magra, la produzione cinematografica ungherese si è rimessa in moto e il 2014 vedrà arrivare un buon numero di titoli magiari nelle sale e/o ai festival. Un ritorno in salute che si manifesta alla 64ma Berlinale, al via da oggi con A Land of Storms [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Adam Csaszi
festival scope
scheda film
]
di Ádám Császi al Panorama (leggi l'articolo) e un solido contingente di titoli all'European Film Market.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quattro lungometraggi della line-up dell'Hungarian National Film Fund Sales debutteranno sul mercato: Heavenly Shift [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mark Bodzsar (leggi l'articolo), Coming Out di Denes Orosz (il film ungherese n°1 al box-office nazionale 2013 - news), Liza, the Fox-Fairy [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Karoly Ujj Mészáros
scheda film
]
di Károly Ujj Mészáros (articolo) e il film fantastico Aura di Zsolt Bernáth.

Tra le prevendite si distinguono White God di Kornel Mundruczó (articolo) e Mirage di Szabolcs Hajdu (articolo), le nuove opere di due cineasti apprezzati nei grandi festival.

Sono attesi con curiosità anche Weekend di Aron Mátyássy (articolo), Swing di Csaba Fazekas (articolo) e Zero di Gyula Nemes (articolo).

Si segnalano inoltre tre opere prime che arriveranno nelle sale quest'anno: Afterlife di Virag Zomborácz (articolo e vedi il making of), Whatever Happened to Timi di Attila Herczeg e The Wednesday Child di Lili Horváth.

Questa ondata di titoli ungheresi in post-produzione include anche Paw di Robert Adrian Pejo (articolo), No Man's Island di Ferenc Török, Car Park di Bence Miklauzic (articolo), la commedia Argo 2 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Attila Árpa e la docufiction sperimentale Picturesque Epochs di Péter Forgács.

Infine, due progetti ungheresi figurano tra i 39 selezionati all'11mo Berlinale Co-Production Market: House of Isaura di Bence Fliegauf (la cui sceneggiatura racconta le disavventure di un "alieno" che sbarca in campagna) e Ginko del duo Mónika Mécs - Gábor Rohonyi (centrato su un irlandese che investe due bambini in Ungheria e sul padre di questi che cerca di far mettere in prigione il pirata della strada, tra il clamore dei media e una crisi diplomatica tra i due paesi).

Newsletter

Astra
EPI Distribution
LIM

Follow us on

facebook twitter rss