La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Orpheline (2016)
Félicité (2017)
Paris La Blanche (2016)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Spagna

Il settore dell’animazione crescerà in media del 19% nei prossimi cinque anni

di 

Il settore dell’animazione crescerà in media del 19% nei prossimi cinque anni

- L’animazione prodotta in Spagna, sia per il cinema che per la tv e altri canali, si è rivelata nel 2012 uno dei principali motori del settore audiovisivo. Secondo lo studio realizzato dalla società di consulenza Rooter su incarico di Diboos (la federazione delle associazioni di produttori di animazione) pubblicato con il titolo Libro bianco dell’animazione 2012, il settore prevede di aumentare la sua fatturazione nei prossimi cinque anni a un ritmo medio del 19% annuale, fino a toccare 879 milioni di euro nel 2017 (in confronto ai 306 del 2011).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’impatto complessivo dell’animazione sull’economia spagnola è di 729 milioni di euro e oltre 5 000 impieghi diretti (sommando gli indiretti si raggiungono gli 8 599). Secondo le previsioni di crescita, la cifra totale di posti di lavoro aumenterà fino a 21 000 nel 2017.

Il cinema d’animazione di produzione spagnola si caratterizza per la sua grande capacità di internazionalizzazione. Il 62% dei produttori di animazione esportano i loro contenuti all’estero e ottengono da esso tra il 38% e il 70% dei suoi ingressi. Altra caratteristica di questa proiezione verso l’estero è il gran numero di coproduzioni realizzate, che ammonta al 70%, principalmente con paesi dell’Unione europea.

Esempi di questa forte internazionalizzazione sono il lungometraggio Las aventuras de Tadeo Jones [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(foto - venduto in 35 paesi, tra cui la Cina) o le serie Pocoyó (presente in più di 150 paesi) e Jelly Jamm (in 165).

Inoltre, l’animazione spicca per il forte investimento in ricerca e sviluppo. Il 67% delle imprese vi dedicano tra il 12% e il 30% della loro forza lavoro, contro la media delle imprese spagnole, che è del 2%.

Le notizie, però, non sono tutte buone. Il più grande neo dell’animazione è la formazione. Secondo lo studio, c’è un’evidente scarsezza di capitale umano formato, causata in parte dalla mancanza di formazione pubblica regolamentata, il che provoca una considerevole fuga di talenti.

E’ possibile scaricare il Libro bianco dell’animazione 2012 qui.

 

in questo country focus

Newsletter

Bridging the Dragon

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home