La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Repubblica Ceca

Le sfide della produzione locale

di 

- I rappresentanti della Czech Audiovisual Producers Association (APA) hanno rivelato ai giornalisti i dati dei volumi di produzione del 2007 nel corso del Karlovy Vary International Film Festival.

La spesa per i lungometraggi è scesa del 23% (613 milioni dei corone ceche), in confronto al 2006, nel quale figurava però l'imponente investimento (324 milioni) per il thriller storico di Juraj Jakubisko Bathory [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Fondo Statale per il Supporto e lo Sviluppo del Cinema Ceco si è attestato negli ultimi anni intorno ai 4-6 milioni di corone.

Come risultato, la quantità di film è cresciuta enormemente: lo share del mercato domestico ai botteghini è del 41%. Nei primi cinque mesi dell'anno, gli spettatori locali hanno speso 185 milioni per vedere film cechi.

Il numero di spettatori per film è però diminuito, solo un titolo — la commedia di Tomas Barina Bobule — ha raccolto più di 400.000 biglietti venduti (standard locale per una pellicola di successo).

Il Presidente dell'APA, Pavel Strnad, rifiuta di accettare che siano troppi i film cechi nelle sale: "Dal mio punto di vista, non è mai andata meglio", ha commentato.

I produttori stranieri hanno speso 2.1 miliardi di corone nel paese nel 2007, con una crescita del 56% nel 2006. I rappresentanti dell'APA dicono però che il 70% della somma proviene da una sola produzione americana, The Chronicles of Narnia: Prince Caspian. I produttori sostengono infatti che sono ancora poche le pellicole girate a Praga a causa della valuta locale forte e della mancanza di incentivi del governo.

I rappresentanti dell'APA hanno comunque ammesso che il flusso di produzioni in uscita verso paesi più a est ha significato perdita di denaro e di talenti: Petr Keller, Vice-Presidente dell'APA, ha citato come esempio Hellboy II: The Golden Army, girato in Ungheria. "Ho visitato il set e più della metà della troupe era di Praga", ha commentato.

I leader politici cechi hanno rifiutato, in passato, di creare un sistema di incentivi come quello ungherese, che aiuterebbe tutti i filmmaker — cechi e non. I rappresentanti dell'APA si sono detti disponibili a supportare il governo, da settembre, per creare un sistema simile a quello del German Federal Film Fund.

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring