A Ciambra (2017)
Happy End (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Country Focus: Bulgaria

Calo dell’85,6% della produzione domestica ai botteghini 2013

di 

Calo dell’85,6% della produzione domestica ai botteghini 2013

- Poche uscite hanno portato i botteghini domestici in Bulgaria ad un significativo calo di incassi e spettatori, con una diminuzione dell’85.6% e dell’83.3% rispettivamente.

La produzione locale di maggiore successo del 2013 è stata The Color of the Chameleon [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Emil Christov
scheda film
]
di Emil Christov con 11.210 spettatori, seguita da Roseville (6.491), Faith, Love and Whisky (6.373), July (6.273) e Stoichkov (4.722). Gli spettatori totali sono stati 41.133 e gli incassi 119.541€ secondo i dati del National Film Centre. Nel 2012, le uscite domestiche avevano portato nelle sale 245.250 spettatori con incassi per 829.500€, e tre film sono stati visti da più di 40.000 appassionati bulgari (The Foreigner, Rapid Reaction Corps e Pistol, Briefcase and Three Stinking Barrels).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)


Lo share del mercato domestico è sceso dal 4,76% del 2012 allo 0,6% del 2013.

Secondo Marin Martschewski, direttore esecutivo del Bulgarian National Film Centre, il crollo è stato causato dalla riduzione di film domestici nelle sale nel 2013 rispetto al 2012 (da 26 a 16), risultato della cancellazione di due sessioni di finanziamento nel 2010 e 2011. Martschewski ha aggiunto inoltre che tra le cause ci sono anche l’alto numero di film d’autore del 2013 e l’assenza delle popolari produzioni indipendenti che avevano impressionato il pubblico locale negli anni precedenti. Metà dei film usciti lo scorso anno erano inoltre documentari. 

Il debole share di mercato è dato anche dal fatto che il 50% dei bulgari non hanno accesso ai cinema, ha commentato Martschewski, e le sale maggiori sono restie a proporre film locali, preferendo titoli hollywoodiani di maggiore successo. Lo share di mercato dei film americani è stato dell’85,19% nel 2013 e dell’81,48% nel 2012.

Newsletter

Cannes NEXT

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017