Il mio Godard (2017)
The Square (2017)
Loving Vincent (2016)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

Rapporto industria: Focus: Asia & Oceania

L'industria cinematografica russa ritrova l'ottimismo

di 

- La rapida crescita dell'industria cinematografica russa ha subito un colpo d'arresto nella prima metà del 2009, a causa della crisi finanziaria e della pirateria che hanno minato le aree chiave di crescita. Ma le cifre di tutto il 2009 e i dati della prima metà del 2010 mostrano che l'industria sta tornando in pista.

Queste sono le conclusioni a cui è giunta l'industria cinematografica della Federazione Russa, attraverso l'ultima relazione commissionata dall'Osservatorio Europeo dell'Audiovisivo della società leader di ricerca Nevafilm, con contributi da parte di RFilms e Groteck Business Media.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La relazione evidenzia sviluppi nelle seguenti aree: L'investimento nella produzione al dettaglio ha mostrato segni di ripresa nel 2010, con il consolidamento tra i maggiori partecipanti e investimenti statali ristrutturati, sebbene il settore produttivo televisivo sia rimasto arretrato.

La vendita di biglietti di ingresso ai cinema russi continua ad aumentare (a una media del 14% annuo). La continua crescita è dovuta al crescente numero di film 3D in circolazione - 15 nel 2009 e circa 40 nel 2010 - e alla crescita del numero di schermi digitali. Per le stesse ragioni i profitti dei box office, in valuta locale, sono cresciuti del 13% nel 2009, sebbene i profitti calcolati in dollari siano crollati a causa della svalutazione del rublo durante la crisi.

La quota di mercato nazionale è leggermente diminuita passando dal 26 al 24% nel 2009, tuttavia è rimasta forte. I titoli popolari nazionali tendono a fatturare poco fuori dalla Russia, poiché il pubblico europeo preferisce i film d'autore in distribuzione limitata o incluso film non destinati alla distribuzione cinematografica sul mercato russo.

La crescita di schermi è rallentata significativamente nel 2009, poiché la crisi ha colpito il settore della proprietà. Al +5%, i dati della prima metà del 2010 sono modesti in paragone agli aumenti annuali registrati prima del 2009. È stato il motore principale per la crescita delle attrezzature di proiezione digitale, con 100 nuovi schermi aggiunti verso la fine del 2009 per il lancio di Avatar e ulteriori 80 schermi per Shrek e vissero felici e contenti, hanno portato la penetrazione totale degli schermi moderni in Russia al 23% nel luglio 2010.

• Invaso dalla pirateria, il settore dell'home video russo è sempre stato debole. Comunque, all'inizio del 2010, la rinascita del volume di vendita per i DVD con licenza ha indicato che la crisi che ha toccato il settore nel 2009, poteva essere ormai finita.

I servizi di Video- on- demand hanno promesso anche nuovi canali di profitto ai fornitori di contenuti russi. Dopo una prima ondata di servizi via cavo e di reti IPTV nel 2007-2008, la metà del 2009 ha visto l'arrivo dei primi servizi via internet, con numerose nuove entrate nel mercato durante il secondo e il terzo quadrimestre del 2010. Ostacolato da un'offerta limitata di contenuti, il mercato è rimasto ad una forma embrionale, mentre la crescente penetrazione della banda larga di internet attraverso le regioni della Russia ha teso ad esacerbare il fondamento della sfida: non autorizzare la condivisione di file attraverso le reti peer-to-peer.

L'industria cinematografica nella Federazione Russa

Una relazione di Nevafilm Research in collaborazione con RFilms e Groteck Business Media.
Pubblicata dall'Osservatorio Europeo dell'Audiovisivo

Questa relazione è un'edizione aggiornata e ampliata di un innovativo studio pubblicato per la prima volta nel 2009. Comprende una descrizione del quadro istituzionale dell'industria cinematografica russa e una panoramica del suo funzionamento. Delle sezioni separate forniscono un'analisi dettagliata dei diversi rami: produzione cinematografica per cinema e televisione, il settore dei servizi di produzione, rassegne cinematografiche e teatrali e distribuzione di DVD. Fornisce inoltre nuovi dettagli sullo sviluppo del settore del video-on-demand e della pirateria via internet.

Gli argomenti che sono stati aggiornati nell'edizione del 2010 della relazione dell'industria cinematografica russa comprendono:

• Recenti sviluppi nella politica statalee sostegno per la cinematografia russa;
• Struttura e volume di mercato della produzione cinematografica per cinema e televisione dal 2006 al 2009, che comprende l'analisi della produzione di film per la televisione e serie, lungometraggi e film d'animazione e primi risultati 2010;
• Assetto e fatturato del settore delle strutture di produzione cinematografica che comprende le società di servizio, studi cinematografici e informazioni su nuovi progetti nella costruzione degli studi;
• Mostra del cinema moderno in Russia dal 2004 alla prima metà del 2010 (cinema e spettacoli teatrali in centri commerciali e strutture di intrattenimento, multiplex, schermi digitali, teatri IMAX, e SimEx 4D);
Distribuzione teatrale in Russia, i volumi di mercato dal 2004 al 2009;
• Circolazione di film russi in Europa;
Il mercato per i video con licenza in Russia; volume di mercato per la distribuzione di DVD dal 2008 al 2009;
Principali partecipanti in tutti i rami sono elencati e descritti: produzione per cinema e televisione, strutture di produzione, mostra del cinema, distribuzione cinematografica e televisiva, è delineato il recente consolidamento tra i partecipanti

 

in questo dossier

Newsletter

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01

Follow us on

facebook twitter rss