Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

email print share on facebook share on twitter share on google+

I HAD NOWHERE TO GO

di Douglas Gordon

sinossi

«Il film è quasi senza immagini, non è un errore se vedete uno schermo nero. Il ventesimo secolo ha prodotto milioni di profughi, esuli e apolidi. Alcuni di questi a un certo punto riescono a trovare una nuova casa e a radicarsi, altri continuano a muoversi, aspettando e sognando di far ritorno alla casa originaria. Nato in Lituania, Jonas Mekas ha trascorso cinque anni in accampamenti per sfollati a Wiesbaden e a Kassel alla fine della Seconda guerra mondiale, prima di riuscire ad approdare a Brooklyn. Lì ha cominciato a girare, soprattutto “diari” in cui documentava la sua vita quotidiana di giovane immigrato. Poi è diventato il “padrino dell’avanguardia americana”. La gioventù di questo cineasta fondamentale che era appena riuscito a sfuggire al peggior incubo del secolo rappresenta la storia di un emigrato che non potrà mai tornare a casa e la cui solitudine nel Nuovo Mondo è emblematica di ciò che Freud aveva definito “l’ordinaria infelicità” nelle metropoli» (Douglas Gordon).

titolo internazionale: I Had Nowhere to Go
titolo originale: I Had Nowhere to Go
paese: Germania
anno: 2016
genere: documentario
regia: Douglas Gordon
durata: 100'
montaggio: Ninon Liotet
produttore: Douglas Gordon, Sigrid Hoerner, Zeynep Yuecel
produzione: Moneypenny Filmproduktion GmbH, Olddognewtricks

photogallery

premi/partecipazioni principali

Festival del film Locarno 2016

Concorso Cineasti del presente
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Film Business Course

Newsletter

WBImages Locarno