Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Il caimano

email print share on facebook share on twitter share on google+

Le tre passioni di Nanni

di 

- Ora che le elezioni si sono svolte e Silvio Berlusconi ha perso, è più semplice, fuori dalle polemiche politiche e i pregiudizi, vedere il decimo film di Nanni Moretti per quello che è

Recensione: Il caimano

Il caimano [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Jean Labadie
intervista: Nanni Moretti
scheda film
]
non è un film su Berlusconi, il quale ha certamente un ruolo importante, in quanto fenomeno italiano. Protagonista del film è un Paese che ha smarrito un po' la sua strada, come Cappuccetto rosso, costretto a vivere un teatrino dai colpi di scena tragici. Protagonisti del film sono tutti i cittadini, con le loro storie personali. Gli italiani, riflessi nello specchio grottesco dell'immaginario morettiano. L'immagine non sarà lusinghiera, ma ci somiglia molto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Proprio per questo, il film di Moretti è attraversato dalle tre grandi passioni dell'autore: il cinema, la politica e ovviamente la vita. Si intersecano e si sovrappongono, come accade nella vita reale.

Racconta intanto una storia intima. Della fine, difficile da accettare, di un matrimonio, e del rapporto profondo tra padre e figli. Racconta poi di cosa è fatto il cinema: riti, nostalgie, luoghi, storie, budget, incassi, fallimenti anche. E racconta infine di un'anomalia che ha condizionato e diviso un'intera popolazione.

L'attore-feticcio Silvio Orlando è una figura buffa e lacerata. A lui, che ha sempre prodotto film trash dai titoli improbabili, si rivolge una giovane regista debuttante (Jasmine Trinca) che vuoi fare un film anti-Berlusconi. Lui è titubante, ma sa che è l'ultima chance per lui, disoccupato da dieci anni, senza un soldo, afflitto da una grave crisi coniugale. Attraverso le necessità del film, la sua sceneggiatura e il produttore straniero (un magnifico Jerzy Stuhrz che dice: "Mi diverte l'idea di raccontare l'Italietta berlusconiana, il vostro andare sempre più a fondo"), si ricostruiscono i momenti più noti e discussi della vita del personaggio Berlusconi: la sua ricchezza, le televisioni private con le ballerine seminude, le banche svizzere, la "discesa in campo" politico ("L'Italia è il Paese che amo").

Per raccontare il cinema, Moretti si serve di veri registi nei ruoli più disparati: Giuliano Montaldo, Paolo Virzì, Carlo Mazzacurati, Paolo Sorrentino, Matteo Garrone. Per raccontare Berlusconi, il regista utilizza ben 4 volti diversi. E' un pupazzo dal sorriso tutto denti quando è interpretato da Elio De Capitani, quasi sosia del leader politico, è una narcisistica caricatura quando lo impersona Michele Placido, ha il volto della realtà quando appare Berlusconi in persona, nel suo show davanti alla Parlamento europeo o davanti ai giudici di Milano. Ed ha infine il volto inquietante di un Nanni Moretti gelido e diabolico nell'epilogo, fuori dal tribunale dove dopo un processo durato cinque anni, Berlusconi è stato condannato a sette anni per corruzione. Qui Moretti riflette sulla deriva morale, culturale e politica del suo Paese. Sul suo lato più oscuro e spaventoso, esprimendo una cupa dichiarazione di sfiducia nella dimensione pubblica.

Lo fa con rabbia ma senza sicurezze, cospargendo il film di dubbi e incertezze, e sconfinando nella metafora: come quella nevrotica ricerca che i bambini fanno di un introvabile pezzo del Lego senza il quale non potranno mai essere felici.

photogallery

titolo internazionale: The Caiman
titolo originale: Il Caimano
paese: Italia
rivenditore estero: Wild Bunch
anno: 2005
regia: Nanni Moretti
sceneggiatura: Nanni Moretti, Francesco Piccolo, Federica Pontremoli
cast: Silvio Orlando, Jasmine Trinca, Margherita Buy, Michele Placido, Paolo Sorrentino, Giuliano Montaldo, Antonio Luigi Grimaldi

premi/partecipazioni principali

EFA 2006 selezione
Cannes 2006 In Concorso
Premi David di Donatello 2006 Miglior film, Miglior regista, Miglior attore, Miglior produttore
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01