Scegli la lingua en | es | fr | it

Articolo: Belga Films • Distributore

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tutti dietro ai bambini del paese

di 

- Attesissimo dal pubblico, Cowboy beneficia del sostegno pressoché unanime dell’industria

Articolo: Belga Films • Distributore

Distribuito da Belga Film, Cowboy [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Benoît Mariage
scheda film
]
esce in Vallonia, a Bruxelles e in Lussemburgo in 21 copie, 3 delle quali sottotitolate in olandese per la capitale. Come accade frequentemente in Belgio, dove la promozione francese sostiene quella belga — grazie alla diffusione locale dei media francesi — il film esce nelle sale francesi lo stesso giorno, con 111 distribuite da UGC Distribution. Nessuna uscita è però ancora prevista nelle Fiandre, nonostante la curiosità della stampa fiamminga.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Noto al grande pubblico grazie agli episodi diretti per la serie documentaristica di culto "Striptease", Benoît Mariage aveva già incontrato il favore del pubblico col suo primo film, Les Convoyeurs attendent (1999), commedia acida con Benoît Poelvoorde. Nel 2003, il pubblico non aveva gradito L’Autre, pellicola più intimista e difficile, ma Cowboy, le cui riprese erano iniziate nel 2005, è molto atteso, poiché segna il ritorno della coppia Mariage-Poelvoorde. E annuncia anche la formazione di un’altra coppia: quella formata da Poelvoorde e François Damiens (OSS 117 , Taxi 4 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Dikkenek), comico assai popolare in Belgio. Cowboy tocca inoltre la storia collettiva del Belgio, ispirandosi apertamente ad un fatto di cronaca che aveva commosso le coscienze nel 1980. Tutti questi elementi fanno di Cowboy un vero prodotto di casa, un film del paese che sia gli esercenti che la stampa sembrano voler difendere.

Dopo aver fatto scorrere fiumi d'inchiostro durante le riprese (leggi la news), a causa della curiosità della stampa, la promozione di Cowboy è partita seriamente al Festival International du Film Francophone di Namur (leggi la news). In apertura, il film ha ottenuto il tutto esaurito, ed è stato proiettato in contemporanea in tre sale. La copertura mediatica del festival ha portato, peraltro, molti benefici al film. Il cast, assai disponibile, ha concesso numerose interviste. La curiosità già ben attizzata non ha cessato di crescere: dopo la sua presentazione in anteprima internazionale a Montréal (leggi la news), subito dopo Namur, un’altra anteprima prestigiosa è stata organizzata la settimana scorsa al Palais des Beaux Arts di Bruxelles, che ha ottenuto il tutto esaurito. Nel frattempo, Cowboy è stato lanciato in altri festival come Virton in Belgio e Arras e Auxerre in Francia. In Vallonia, dove tre città hanno organizzato anch’esse anteprime, il film ha fatto nuovamente registrare il tutto esaurito. Belga Films ha lanciato anch’essa una campagna di manifesti nei cinema e nelle metropolitane, organizzato la pubblicazione di inserzioni pubblicitarie sulla stampa una settimana prima dell’uscita del film e una campagna televisiva e radiofonica della durata di una decina di giorni che precede di poco l’uscita. Numerose trasmissioni hanno messo i due Benoît sotto i riflettori: quelli della televisione pubblica RTBF e di quella privata, RTL, assieme a Belga films. I due canali televisivi, evento piuttosto raro, sono co-produttori.

Prodotto da Dominique Janne per la sua società K2 Productions con la RTBF, RTL-TVI, in coproduzione con K-Star, antenna francese di K2, e UGC Images, che ne detiene anche i diritti internazionali, Cowboyha beneficiato del sostegno del Centro del Cinema della Comunità francese del Belgio, di Wallimage, del CNC, dell'investimento di Canal +, oltre alla tax shelter attraverso la società Scope Invest.

(Tradotto dal francese)

photogallery

cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01