Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Black Ice

email print share on facebook share on twitter share on google+

Un piatto che va servito freddo

di 

- Amore, tradimento e vendetta nel secondo lungometraggio del finlandese Petri Kotwica, acclamato nel suo paese e presentato in competizione alla Berlinale 2008

Recensione: Black Ice

Acclamato nel suo paese, il secondo film di Petri Kotwica, Black Ice [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Kai Nordberg
intervista: Petri Kotwica
scheda film
]
, è stato presentato a febbraio in competizione alla Berlinale, dove il pubblico è rimasto piacevolmente sorpreso da questa complessa storia d'amore, tradimento e vendetta.

La scena iniziale carica di erotismo e la tensione psicologica che ne segue danno il la ai successivi 100 minuti di tempesta emotiva, dove si vede la bella Saara, 40 anni, prendersi la sua vendetta sulla giovane amante del marito Leo. Da quando scopre che Leo, architetto di successo, la tradisce, lei decide di lasciare il tetto coniugale e di mettere in atto il suo piano. Spacciandosi per un'altra, fa amicizia con la sua rivale Tuuli che la sera, dopo i corsi di architettura, insegna arti marziali. Saara diventa la confidente di Tuuli e un affetto autentico nasce tra le due donne, fino a quando la situazione non precipita: una gravidanza imprevista farà uscir fuori la vera natura dei tre personaggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Vincitrice del Premio Jussi come migliore interprete per il ruolo di Saara, la navigata attrice Outi Mäenpää recita con convinzione e profondità notevoli la parte della donna tradita, vulnerabile ed esplosiva allo stesso tempo. Dal canto suo, la nuova arrivata sulla scena internazionale, Ria Kataja, dispiega un ricco ventaglio di emozioni e dimostra una grande presenza fisica. La performance di Martti Suosalo, habitué dei film di Timo Koivusalo, è altrettanto efficace.

Al contrario del film precedente di Kotwica, Homesick, Black Ice è stato girato in cinemascope con una cinepresa che sembra fluttuare. Il romanticismo dei paesaggi invernali si alterna alle immagini metropolitane di Helsinki. Gli effetti sonori sono pienamente sfruttati per sottolineare il pathos del racconto.

Dopo la proiezione in concorso a Berlino, il film è stato venduto da Bavaria Film International in numerosi territori, tra cui la Francia (Surreal Film), la Bulgaria (Multivision) e i paesi baltici (Plan 2 Real). In Finlandia, Black Ice ha venduto più di 121 000 biglietti.

photogallery

titolo internazionale: Black Ice
titolo originale: Musta jää
paese: Finlandia, Germania
rivenditore estero: Global Screen GmbH
anno: 2007
regia: Petri Kotwica
cast: Outi Mäenpää, Ria Kataja, Martti Suosalo, Ville Virtanen, Sara Paavolainen

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2008 In Concorso
Jussi Awards 2008 Miglior Film
Miglior Regista
Migliore Sceneggiatura
Migliore Attrice (Outi Mäenpää)
Miglior Montaggio
Miglior Musica
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01