Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Il profeta

email print share on facebook share on twitter share on google+

Crimine e ricompense

di 

- Un film di genere sul carcere e la criminalità trasformato in un'opera complessa che mischia un potente realismo, il sensibile ritratto di un percorso umano e una sottile dimensione metaforica

Prendere un film di genere sul carcere e la criminalità e trasformarlo in un'opera complessa che mischia tra loro un potente realismo, il sensibile ritratto di un percorso umano e una sottile dimensione metaforica della società: questo è il sorprendente risultato raggiunto da Jacques Audiard con Il profeta [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Jacques Audiard
intervista: Jacques Audiard e Tahar Ra…
scheda film
]
, Gran Premio al Festival di Cannes 2009.

Già ricompensato sulla Croisette con il premio della sceneggiatura nel 1996 per Un héros très discret, il cineasta francese firma con il suo quinto lungometraggio da regista un vero capolavoro che conferma la sua inarrestabile ascesa cominciata con Sulle mie labbra [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Tutti i battiti del mio cuore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Appassionante per tutti i suoi 149 minuti, Il profeta è un film di una ricchezza estrema e dalla sceneggiatura sofisticata (alla quale hanno lavorato per tre anni il regista e Thomas Bidegain a partire da uno script originale di Abdel Raouf Dafri e Nicolas Peufaillit), oltre a essere diretto in modo brillante facendo uso di una vasta gamma tecnica, dal ritmo del montaggio al fondamentale lavoro sul suono e sulla musica composta dal talentuoso Alexandre Desplat.

Spalmata su poco più di cinque anni, la trama racconta l'iniziazione e l'ascesa criminale di Malik El Djebena (la rivelazione Tahar Rahim), un francese di origine magrebina di 18 anni condannato a sei anni di carcere per violenza. Senza famiglia, analfabeta, isolato dietro le sbarre quanto lo era fuori, il giovane uomo è costretto a commettere un omicidio ("credi di resistere tanto senza protezione?") per conto di César Luciani, il padrino corso della prigione (un ottimo Niels Arestrup). Dai laboratori alla passeggiata, dal parlatorio alla cella, passando per regolamenti di conti, traffici e permessi d'uscita: il film traccia un ritratto quasi documentario dell'ordinaria violenza della vita carceraria.

Ma il film si concentra soprattutto sulla progressiva emancipazione di Malik, che impara a leggere e a scrivere, si fa qualche amico (ad eccezione dei corsi e dei musulmani che non lo accettano), sale di grado presso Luciani ("tu sarai i miei occhi e le mie orecchie") e allestisce il proprio traffico sia all'interno che all'esterno del carcere, tornando allo stesso tempo alle sue radici arabe. Un'ascesa non priva di violenza, che Jacques Audiard accompagna con la moltiplicazione di dialoghi minimalisti e sequenze suggestive, alle quali si aggiungono due scene oniriche e anche l'apparizione regolare di una fantasma. Un miscuglio che fa di Il profeta un film fuori dal comune, simboleggiato dalla permeabilità tra il fuori e il dentro della prigione, così come tra i confini cinematografici magistralmente esplorati da Jacques Audiard.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: A Prophet
titolo originale: Un prophète
paese: Francia
rivenditore estero: Celluloid Dreams
anno: 2008
regia: Jacques Audiard
sceneggiatura: Jacques Audiard, Abdel Raouf Dafri, Nicolas Peufaillit, Thomas Bidegain
cast: Tahar Rahim, Niels Arestrup, Adel Bencherif, Reda Kateb, Hichem Yacoubi

premi/partecipazioni principali

European Film Awards 2009 Miglior Attore Europeo - Tahar Rahim
Prix d’Excellence per il Sound Design
Cannes 2009 Concorso ufficiale
Gran premio
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01