Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: R U There

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il grado 2.0 della presenza

di 

- Disavventure reali e virtuali di un campione europeo del videogioco professionistico in viaggio a Taiwan. Un film sorprendente dell'olandese David Verbeek, presentato a Cannes 2010

Recensione: R U There

In tempi in cui il virtuale guadagna sempre più terreno, il cinema non poteva fare a meno di esplorare questa dimensione e, con essa, una generazione informatizzata e cosmopolita che ha con il mondo un approccio tutto nuovo. La 63ma edizione del Festival di Cannes ne ha preso atto nella Selezione ufficiale, con Chatroom [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(in concorso), L'Autre monde [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Gilles Marchand, regista d…
scheda film
]
di Gilles Marchand (fuori concorso) e, nella sezione Un Certain Regard, il film olandese che porta un titolo che, già per come è scritto, evoca i nuovi mezzi di comunicazione istantanea: R U There [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: David Verbeek, regista di …
scheda film
]
, terzo lungometraggio di David Verbeek, sceneggiato dal suo fedele collaboratore Rogier de Blok.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film segue da vicino, attraverso molti primi piani (in particolare sul suo sguardo fisso, come sotto ipnosi), un campione di videogiochi professionale, Jitze (Stijn Koomen), giunto a Taipei per una gara. La sua specialità è attivare a colpi di clic il percorso omicida di un soldato infallibile con cui s'identifica nella vita: dalla scena iniziale, lo vediamo in aeroporto fare flessioni, allenarsi a mirare bersagli e controllare la sua alimentazione, vivendo un'esistenza parallela, con le cuffie perennemente all'orecchio.

E così, testimone di un incidente, Jitze non reagisce, è assente. Poi succede qualcosa di inspiegabile: viene ferito, sbaglia "focus", perde la concentrazione e nota che "qualcosa è cambiato" nel suo universo perfettamente controllato, cosa che lo costringe a stabilire un contatto con il mondo e a trovare la calma, dapprima virtualmente nell'ambito di Second Life, poi a Taiwan, che oltre al caos delle città, offre una natura altrettanto lussureggiante e magica di quella in cui si muove il suo avatar.

Verbeek si diverte a opporre e sovrapporre i contrari, in una cultura in cui la contraddizione non ha lo stesso significato che in Occidente. Così come virtuale e reale si confondono nello spirito di Jitze, le divisioni binarie (anima e corpo, caos urbano che assale lo spettatore quasi fisicamente e silenzio bucolico...) sono sempre conciliabili per gli indigeni, con i quali cerca di stabilire un contatto attraverso la sua "guida" Min Min. E ciò che all'inizio sembra confusione si trasforma poco a poco in serena fusione.

Il trattamento che Verbeek riserva a questo tema ultra-attuale è soddisfacente, grazie al contesto asiatico in cui è ambientato e al dialogo tra immagini filmate e immagini disegnate, attraverso cui rappresenta il paesaggio mentale del suo personaggio, dalle palme su fondo bianco dell'aeroporto, a inizio film, a quelle sotto le quali si distende alla fine, rasserenato come se, lasciando il suo joystick, si fosse infine abbandonato tranquillamente all'armonia dei tempi moderni.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: R U There
titolo originale: R U There
paese: Paesi Bassi, Francia
rivenditore estero: Films Boutique
anno: 2010
regia: David Verbeek
sceneggiatura: Rogier de Blok
cast: Stijn Koomen, Huan-Ru Ke, Tom De Hoog, Phi Nguyen, David Eugene Callegari

premi/partecipazioni principali

Cannes 2010 Un Certain Regard
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01