Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Uomini di Dio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Otto monaci di fronte alla morte

di 

- Un raffinato film francese su un gruppo di monaci ben integrati nel mondo musulmano e che, minacciati di morte, si confrontano con la propria fede. Grand Prix al Festival di Cannes 2010

Recensione: Uomini di Dio

Xavier Beauvois ha fatto un brillante ritorno in concorso al Festival di Cannes con Uomini di Dio [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Xavier Beauvois
scheda film
]
. Ispirato all'uccisione nel 1999 in Algeria dei monaci di Tibhirine, il film supera felicemente le difficoltà legate all'austerità del soggetto e porta lo spettatore a provare empatia per questi cristiani ben integrati nel cuore del mondo musulmano e messi a confronto con la propria fede dinanzi a una minaccia di morte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Preghiere e canti, studi religiosi, lavori manuali: la vita di otto monaci del Monastero dell'Atlas scorre in una routine in cui dominano silenzio e frugalità. Ma la piccola comunità diretta da padre Christian (Lambert Wilson) è anche molto apprezzata dagli abitanti del villaggio che si presentano in massa alle visite mediche di padre Luc (Michael Lonsdale), si fanno aiutare per le pratiche amministrative, chiedono consigli. Si scopre così un'armonia che va al di là delle religioni, grazie al contrasto tra la disciplina monacale e l'animazione del mondo esterno, e attraverso una lentezza resa digeribile da una bellissima regia, che comprende sublimi panoramiche su un paesaggio che si estende a perdita d'occhio.

Il clima si scalda improvvisamente quando un gruppo di integralisti islamici sgozza alcuni operai croati a 20 chilometri da lì, prima di fare irruzione, armati, al monastero di notte. Non cedendo loro nulla, padre Luc scongiura il pericolo, ma deve ormai gestire la paura di diversi monaci, che s'interrogano sull'opportunità di lasciare la regione, o anche il paese. Il pericolo cresce, aggravato dai militari che, nel tentativo di proteggerli, accusano i monaci di troppa indulgenza nei confronti del nemico.

Partire o restare? La tormentata questione comincia a entrare nel campo della fede. Ognuno degli otto monaci reagisce a modo suo, alcuni sfiorando la crisi di vocazione, altri assumendosi le proprie responsabilità ("Non temo la morte, suono un uomo libero"), sotto la guida di un padre Christian che cerca di tenere unita la comunità ("La nostra missione è essere fratelli di tutti"). Ma poi la situazione precipita.

Sostenuto da un ottimo cast, Uomini di Dio sfiora la perfezione, ma pecca di qualche lungaggine e soprattutto di un finale che dà una versione discutibile della storia (i monaci vengono uccisi dagli islamici, quando in realtà non è da escludere un'azione dei militari), mentre la magnifica sequenza del pasto che la precede, accompagnata da Il lago dei cigni di Tchaikovsky, sarebbe stata una chiusura ideale.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Of Gods and Men
titolo originale: Des hommes et des dieux
paese: Francia
rivenditore estero: Wild Bunch
anno: 2010
regia: Xavier Beauvois
sceneggiatura: Etienne Comar, Xavier Beauvois
cast: Lambert Wilson, Michael Lonsdale, Olivier Rabourdin, Roschdy Zem, Jacques Herlin, Sabrina Ouazani

premi/partecipazioni principali

Cannes 2010 Selezione ufficiale
Gran Premio
BFI London Film Festival 2010 
César 2011 Miglior film
Miglior attore non protagonista (Michael Lonsdale)
Migliore fotographia
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01