Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: The Poll Diaries

email print share on facebook share on twitter share on google+

Libertà ed eugenetica all'alba di un nuovo impero

di 

- Una ragazza coraggiosa, un medico che studia il cervello e un anarchico ricercato all'alba della Prima guerra mondiale. Il nuovo film del tedesco Chris Kraus dopo Quattro minuti

Recensione: The Poll Diaries

La cosa che rimane più impressa di The Poll Diaries [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Chris Kraus
scheda film
]
, nuovo film del tedesco Chris Kraus presentato in concorso al Festival di Roma, è senz'altro la location suggestiva: una strana casa padronale, a metà tra un edificio palladiano e una palafitta, che svetta sulla spiaggia di una remota riserva naturale in Estonia. L'autore del pluripremiato Quattro minuti [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
ha infatti scelto questa ambientazione, decadente e al limite dell'onirico, per raccontare la fine di un'era e l'inizio dell'età moderna, al crocevia tra l'impero tedesco e quello russo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia si svolge alla vigilia della Prima guerra mondiale e ha come protagonista la quattordicenne Oda (Paula Beer), che torna nella sua casa natale sul Mar Baltico, regione dove convivono in un delicato equilibrio tedeschi, russi ed estoni. Ad attenderla, il padre Ebbo (Edgar Selge), medico alle prese con bizzarri studi sul cervello di stampo eugenetico, e membri di un'aristocrazia aggrappata ai propri privilegi, ma sull'orlo del baratro. Passionale e impavida, Oda incontra un anarchico estone rimasto ferito (Tambet Tuisk), lo nasconde e si prende cura di lui. Un giovane scrittore che le farà scoprire l'amore e il rischio.

"Oltre a essere un personaggio realmente esistito, Oda Schaefer era anche una mia prozia", ha spiegato Kraus. "Una poetessa nota in Germania negli anni '50, ma poi caduta nel dimenticatoio". Per le sue idee comuniste, i familiari del regista, conservatori, non potevano nemmeno pronunciare il suo nome: "Quando l'ho scoperta studiando letteratura tedesca, mi sono chiesto come fosse riuscita a compiere scelte così radicali e indipendenti, nonostante le sue origini". E il suo film-omaggio, un melodramma servito da buoni interpreti e da una fotografia crepuscolare, ne è la risposta.

Prodotto dalla tedesca Kordes & Kordes Film, e co-prodotto da Dor Film (Austria) e Amrion (Estonia), The Poll Diaries è venduto nel mondo da Bavaria Film International.

photogallery

titolo internazionale: The Poll Diaries
titolo originale: The Poll Diaries
paese: Germania, Austria, Estonia
rivenditore estero: Global Screen GmbH
anno: 2009
regia: Chris Kraus
sceneggiatura: Chris Kraus
cast: Paula Beer, Tambet Tuisk, Edgar Selge, Jeanette Hain, Richy Müller, Erwin Steinhauer, Susi Stach

premi/partecipazioni principali

Festival Internazionale del film di Roma 2010 In Concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01