Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Habemus papam

email print share on facebook share on twitter share on google+

Sua Santità soffre lo stress

di 

- Un Papa schiacciato dalle sue nuove responsabilità e uno psicanalista chiamato a soccorrerlo nel nuovo film del maestro italiano Nanni Moretti, protagonista con Michel Piccoli.

Recensione: Habemus papam

In una Cappella Sistina rimasta accidentalmente al buio, i cardinali chiamati a eleggere il nuovo Papa inciampano e sospirano nervosi. Di solenne c'è ben poco, anzi. Mentre fuori, in piazza San Pietro, i fedeli con le candele in mano e i media di tutto il mondo sono in attesa della fumata bianca, tra i porporati domina un manifesto terrore. “Signore, ti prego, non io” è l'intima invocazione che aleggia per la stanza, tra facce preoccupate e occhiate alla scheda del vicino.

Nessuno vuole essere il nuovo pontefice, troppa responsabilità, altro che competizione. È con questa scena, grottesca e suggestiva allo stesso tempo, in cui i cardinali “disobbedienti” recitano le loro preghiere e i loro “non io” in tutte le lingue del mondo, sovrapponendosi l'uno all'altro, che prende il via il dramma al centro del nuovo, attesissimo, film di Nanni Moretti, Habemus papam [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Nanni Moretti
intervista: Nanni Moretti
scheda film
]
: quello di un uomo di Chiesa che, una volta eletto pontefice, entra nel panico, incapace di gestire il carico di un miliardo di fedeli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Fresco di selezione in concorso al Festival di Cannes, Habemus papam racconta il senso di smarrimento e di inadeguatezza dinanzi al potere, e ha come protagonisti uno stanco e sofferente Michel Piccoli nei panni del Papa triste, e un Moretti, che più “morettiano" non si può, in quelli dello psicanalista che lo prende in cura (“il più bravo di tutti: una condanna”, è un leit motiv del film). “Difficile dire in chi io mi sia identificato”, ha detto il regista, Palma d'oro a Cannes nel 2001 con La stanza del figlio, “probabilmente sia nello psicanalista che nello stesso Papa depresso. Un Papa che non a caso ho voluto veder girare in borghese per Roma, prendere un autobus, andare a teatro”.

I due sono affiancati da un nutrito gruppo di pittoreschi prelati provenienti da tutti e cinque i continenti, un melting pot che tornerà utile al momento di metter su un torneo di pallavolo nei cortili della Santa Sede, arbitrato da Moretti stesso, in una sequenza destinata a diventare un cult. Di questi prelati viene mostrato il lato più umano: c'è chi fuma, chi gioca a briscola, chi anela a una bomba alla crema, in un susseguirsi di trovate e battute pungenti che i fan del regista sapranno apprezzare, e in un alternarsi di commedia e dramma, di scene di massa e di solitudine, sullo sfondo di una scenografia sontuosa: il lungometraggio è stato girato tra Palazzo Farnese, sede dell'ambasciata francese a Roma, e Villa Medici (Accademia di Francia), mentre Cappella Sistina e Sala Regia sono state ricostruite a Cinecittà. Costo del film: otto milioni di euro.

Prodotto da Sacher Film e Fandango in collaborazione con Rai Cinema e in associazione con Le Pacte, Habemus papam è uscito nelle sale italiane il 15 aprile distribuito in 460 copie da 01 con la collaborazione di Sacher Distribuzione.

photogallery

titolo internazionale: Habemus Papam
titolo originale: Habemus Papam
paese: Italia, Francia
rivenditore estero: Fandango
anno: 2011
regia: Nanni Moretti
sceneggiatura: Nanni Moretti, Francesco Piccolo, Federica Pontremoli
cast: Nanni Moretti, Michel Piccoli, Jerzy Stuhr, Renato Scarpa, Margherita Buy, Franco Graziosi

premi/partecipazioni principali

Cannes 2011 In Concorso
David di Donatello 2012 Migliore Attore Protagonista (Michel Piccoli)
Migliore Scenografo
Migliore Costumista
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01