Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Holy Motors

email print share on facebook share on twitter share on google+

Vivere e rivivere

di 

- L’enfant terrible del cinema francese torna con un'opera metaforica visivamente eccezionale che passa dal sublime all'abietto

Recensione: Holy Motors

Un sognatore spinge una porta segreta attraverso un muro e penetra in fondo a un corridoio, in un'altra dimensione dove un altro uomo, forse il suo doppio o probabilmente l'essere umano in generale, intraprende un viaggio ricco di incarnazioni in molteplici avatar simbolici. Con Holy Motors [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Leos Carax
scheda film
]
, presentato in concorso al 65mo Festival di Cannes, Leos Carax, l’enfant terrible del cinema francese, proietta lo spettatore in scenari metaforici in cui il meglio affianca il peggio, in cui la folgoranza visiva e immaginativa si scatena fino all'eccesso, in cui la misantropia tenta di unirsi alla filosofia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Che questo film concept abbia suscitato pareri discordanti tra i giornalisti internazionali è evidente, come è evidente come il cineasta (caduto in una mitica disgrazia con Les amants du Pont Neuf nel 1991 e che non aveva più fatto film da Pola X, in concorso a Cannes nel 1999) cerchi con ardore quella sottile linea rossa, nella reazione dello spettatore, che separa l'ammirazione dall'odio. Questo nichilismo suicida rivendicato così intensamente attraverso alcune scene provocatorie (gratuite, direbbero alcuni) e il bombardamento simbolico e metaforico che il regista si concede non deve pertanto far dimenticare che Holy Motors è un film di una ricchezza eccezionale, sostenuto da un attore eclettico all'altezza della follia del suo demiurgo: Denis Lavant.

Il crogiolo di alchimista di M. Oscar (Lavant) è una limousine bianca lunghissima, dove il suo assistente e autista gli ha preparato i dossier dei suoi appuntamenti. Per ognuno di essi, sarà un personaggio differente, truccandosi in questa auto che sembra un camerino di teatro, pieno di accessori. A un uomo d'affari sotto scorta che inanella una serie di cifre assurde e progetta (specchio del regista "perseguitato") di acquistare armi ("vogliono la nostra pelle. Siamo il capro espiatorio della miseria. Questo eccita il popolo. Stasera al Fouquet’s!") segue un vecchio uomo malandato e ripugnante che mendica per le strade di Parigi. Poi M. Oscar indossa una tuta piena di sensori per le riprese in capture motion di combattimenti e "alieni" (sequenza affascinante nel mondo informatico con un'inaspettata metamorfosi bestiale debordante sessualità).

Il tempo di una pausa camaleontica nella limousine, ed ecco Oscar trasformato in Monsieur Merde (già visto nell'episodio firmato da Carax del film collettivo Tokyo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), un essere umano allo stato brado che emerge da fognature e catacombe per rapire una modella (Eva Mendes) impegnata in uno shooting in un cimitero e portarla nel suo rifugio sotterraneo per una vita di coppia molto frenetica (con tanto di sesso in erezione). L’avatar seguente calma un po' le acque: un padre pseudo-cool alle prese con le bugie bianche di sua figlia adolescente, a disagio nei panni di ragazza. Compare poi sullo schermo la parola "Intervallo": una pausa durante la quale Denis Lavant conduce, con la fisarmonica, una vertiginosa farandola di musicisti dentro una chiesa.

Quindi M. Oscar riparte nella sua esistenza multipla: assassino del suo doppio in un parcheggio (giallo), assassino di un banchiere sulla terrazza del Fouquet’s (un cerchio che si chiude, tra tanti altri), vecchio che muore in una stanza d'albergo con sua nipote al capezzale (melodramma) e, nel ruolo di se stesso, incontro fortuito con un'altra attrice, una ex (Kylie Minogue) che canta una canzonetta prima di suicidarsi dal tetto della Samaritana. E' la vita, è la commedia ed è anche il cinema. M. Oscar è stanco e finisce la notte a casa sua, in una nuova vita (una famiglia di scimmie, il karma collettivo). Da vette a precipizi, dal sublime all'abietto, dal profondo all'ampolloso, dall'umorismo alla solennità, Holy Motors e il suo gioco di specchi infinito sulla vita e sul desiderio di rivivere incessantemente è il riflesso del suo regista, che perpetua la sua figura di artista maledetto facendo dire al suo prodigioso attore trasformista: "Continuo come ho cominciato, per la bellezza del gesto!".

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Holy Motors
titolo originale: Holy Motors
paese: Francia, Germania
rivenditore estero: Wild Bunch
anno: 2012
regia: Leos Carax
sceneggiatura: Leos Carax
cast: Denis Lavant, Edith Scob, Eva Mendes, Kylie Minogue, Michel Piccoli, Jean-François Balmer, Elise Lhomeau

premi/partecipazioni principali

Festival de Cannes 2012 In concorso
Sydney International Film Festival 2012 
La Rochelle Film Festival 2012 
Munich Film Festival 2012 
Karlovy Vary International Film Festival 2012 
New Horizons Film Festival 2012 
Locarno Film Festival 2012 
Austin Fantastic Fest 2012 
Rio de Janeiro International Film Festival 2012 
Sitges Film Festival 2012 
New York Film Festival 2012 
Vancouver International Film Festival 2012 
CPHDOX Festival 2012 
Thessaloniki International Film Festival 2012 
Seville European Film Festival 2012 
Taipei Golden Horse Film Festival 2012 
Stockholm International Film Festival 2012 
Ottawa European Union Film Festival 2012 
Turin Film Festival 2012 
FAF Belgrade 2012 
European Film Week (Argentina) 2012 
Bergamo Film Meeting 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01