Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Atomic Age

email print share on facebook share on twitter share on google+

Due giovani anime alla deriva

di 

- Due giovani attraversano la notte parigina. Un'opera prima d'atmosfera ammirata al Panorama della Berlinale e Premio Jean Vigo.

Atomic Age [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Héléna Klotz
scheda film
]
, opera prima di 67 minuti che Héléna Klotz ha presentato al Festival Premiers Plans di Angers prima di essere invitata nella sezione Panorama del 62mo Festival di Berlino, è un film d'atmosfera intriso di accordi elettro-spaziali su due giovani anime alla deriva nell'arco di una notte che comincia come un'uscita parigina piena di promesse e finisce all'alba nei boschi sull'immagine di due ragazzi inseparabili che camminano l'uno accanto all'altro verso una direzione sconosciuta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

All'inizio, lo sfrontato e loquace Victor (Eliott Paquet) e il più silenzioso e protettivo Rainer (Dominik Wojcik), a metà tra un giovane Werther e una figura fassbinderiana (l'immaginario della regista affonda in parte le sue radici negli anni '80), sono felici di stare insieme e sono pieni di aspettative per il futuro. Ma una certa inquietudine malinconica colora già i loro dialoghi, recitati un po' meccanicamente come se fossero monologhi teatrali, una sorta di racconto beckettiano per adolescenti. Aiutati da qualche sorso d'alcol a buon mercato di cui si sono riempiti le tasche, entrano in un locale notturno dove Victor cerca la fantasmagorica ragazza che lo starebbe aspettando senza saperlo. Ma la trance dura poco e presto i nostri eroi picareschi si ritrovano per strada, con Victor che affronta in "duello" prima uno snob aggressivo e pieno di soldi che ha i boccoli biondi, qui ben poco angelici, dell'attore Niels Schneider (l'efebo di Les Amours imaginaires di Xavier Dolan), poi un buttafuori al quale i due ragazzi dicono di sapere che moriranno.

Parigi, scandita circolarmente dalla luce di una Tour Eiffel che sembra qui una minacciosa torre di guardia, diventa uno spazio sempre più ostile in cui i ragazzi esprimono la loro angoscia e i loro rimpianti come se la loro vita fosse già alle loro spalle, come se fossero "in sospeso". Da un posto equivoco all'altro, percorrono attraverso la loro avventura notturna e onirica tutti gli interrogativi esistenziali di due personaggi che sono ancora bambini e che vedono davanti a sé soltanto ombra. Il resto della loro vita è un punto interrogativo, non vi distinguono una strada, ma soltanto un sentiero incolto. L'Âge atomique racconta la penombra di questo momento di transizione della vita, ne restituisce la stranezza, la bellezza, la speranza e il disagio. E ci fa, per dirla con le parole di Rainer, "tornare alla notte".

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Atomic Age
titolo originale: L'Age atomique
paese: Francia
rivenditore estero: Rendez-vous Pictures
anno: 2012
regia: Héléna Klotz
sceneggiatura: Héléna Klotz, Elisabeth Perceval
cast: Eliott Paquet, Dominik Wojcik, Mathilde Bisson, Niels Schneider, Clémence Boisnard

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2012 Panorama
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01