Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Our Children

email print share on facebook share on twitter share on google+

L’orrore della maternità

di 

- Il quinto lungometraggio di Joachim Lafosse porta avanti l’esplorazione del regista belga sui limiti e le fratture familiari.

Recensione: Our Children

Il quinto lungometraggio del belga Joachim Lafosse, Our Children [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
, porta avanti l’esplorazione del regista sui limiti e le fratture familiari dopo la sua trilogia sulla privacy composta da Private Madness, Private Property [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Private Lessons [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jacques-Henri Bronckart
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
.

Our Children è stato presentato in Un Certain Regard al Festival di Cannes, ed è la seconda volta che il regista arriva con un film sulla Croisette dopo Private Lessons, proposto nel 2008 in Quinzaine des Réalizateurs.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ispirato al famoso caso, realmente accaduto, di una madre belga, Genevieve Lhermitte, che uccise i suoi cinque bambini nel 2007, il film, scritto da Lafosse, Matthieu Reynaert e Thomas Bidegain, trasforma in fiction solo parte della storia di Lhermitte (nel film ha quattro figli) e ne cambia i nomi attenendosi però strettamente ad altri dettagli. L’obiettivo del film è chiaro: condurre per mano lo spettatore e guidarlo verso la comprensione (che è ben diversa dall’apprezzamento) di ciò che spinge una persona a commettere atti indicibili verso i propri figli.

La cosa che distingue il film dagli altri che hanno trattato temi simili è la sua costruzione, che rifiuta l’idea della causa unica: sono tante, piccole concause che si accumulano e spingono la donna oltre i suoi limiti.

Dopo un prologo nel quale la madre, Murielle (Emilie Dequenne), in un letto d’ospedale, chiede che ‘loro’ vengano sepolti in Marocco, e la scena di quattro piccole bare che vengono caricate su un aereo, la storia torna indietro al momento in cui Murielle ed il bel fidanzato marocchino Mounir (Tahar Rahim) sono ancora nella fase della passione più accesa, forse scambiata dai due per amore.

Mounir arriva in Belgio come mantenuto del dottor Pinget (Niels Arestrup), per il quale lavora come assistente. La natura esatta di questa relazione di dipendenza non viene mai specificata, ma si spiega con l’emergere graduale del fatto che il film è davvero incentrato su Murielle e su come cerca di fermare tutti i problemi della sua vita per poter sopravvivere.

I quattro figli della coppia, nati in rapida successione, non fanno che aggiungere tensioni al matrimonio, che è in qualche modo una relazione a tre, dato che la coppia e i bambini vivono con Pinget nella stessa casa e dipendono finanziariamente da lui — oltre a questo, Murielle inizia a dipendere anche dalle medicine prescritte dall’uomo contro ansia e depressione.

Scena dopo scena, nulla di straordinario sembra accadere ai personaggi nella loro insolita convivenza. Ma tutti i dettagli apparentemente insignificanti che opprimono Murielle sono solo passi avanti verso l’atto indicibile, illustrati assai bene da Lafosse: piccole cose possono diventare una palla di neve così grande da non poter essere più contenuta.

Le riprese, del direttore della fotografia Jean-Francois Hensgens, tengono sempre qualcosa fuori fuoco, sullo sfondo (o spesso ai margini) di ogni scena, a suggerire l’oppressione che sente Murielle (e lo spettatore) e la sua incapacità a vedere l’intero quadro, poiché blocca alcune cose e insieme visualizza il punto cieco nella sua mente, che la porterà dove le persone normali di solito non vanno.

Rahim e Arestrup tornano a lavorare insieme dopo Il profeta [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jacques Audiard
intervista: Jacques Audiard e Tahar Ra…
scheda film
]
di Audiard (scritto insieme a Bidegain), sono ottimi, ma il film è della Dequenne. Rosetta non aveva avuto ruoli così sostanziosi dal suo debutto, e la grande profondità del film risiede proprio nei primi piani del suo viso, progressivamente più smunto e privo di emozioni. Un vero tour de force in un film raggelante.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Our Children
titolo originale: A perdre la raison
paese: Belgio, Francia, Lussemburgo, Svizzera
rivenditore estero: Les Films du Losange
anno: 2012
regia: Joachim Lafosse
sceneggiatura: Thomas Bidegain, Joachim Lafosse, Matthieu Reynaert
cast: Émilie Dequenne, Niels Arestrup, Tahar Rahim, Stéphane Bissot, Mounia Raoui, Baya Belal, Nathalie Boutefeu

premi/partecipazioni principali

Festival de Cannes 2012 Un Certain Regard
Premio per l'interpretazione femminile (Emilie Dequenne)
Cabourg Film Festival 2012 
Karlovy Vary Film Festival 2012 
La Rochelle Film Festival 2012 
Paris Cinéma 2012 
New Horizons Film Festival 2012 
Zurich Film Festival 2012 
Hamburg Film Festival 2012 
New York Film Festival 2012 
São Paulo International Film Festival 2012 
Taipei Golden Horse Film Festival 2012 
Göteborg International Film Festival 2013 
Portland International Film Festival 2013 
CPH PIX 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01