Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: A Stranger

email print share on facebook share on twitter share on google+

Attraversare frontiere invisibili

di 

- Il debutto di Bobo Jelcic è il ritratto sfaccettato di un uomo e di una città, sostenuto da una eccezionale performance di Bogdan Diklic.

Recensione: A Stranger

A Stranger [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Bobo Jelcic
festival scope
scheda film
]
, debutto del croato Bobo Jelcic, è stato proposto in prima mondiale alla Berlinale nella sezione Forum. Il dramma, sottile e sfaccettato, parla della vita nella città divisa di Mostar attraverso l’incredibile performance del serbo Bogdan Diklic.

Diklic (attore in 130 film, e di recente in Night Boats [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Igor Mirković
scheda film
]
) è Slavko, sessantenne che vive con la moglie (Nada Djurevska) nella zona croata di Mostar, in Herzegovina, che, a 15 anni dalla guerra in Bosnia, è ancora divisa fra fazione bosniaca (musulmana) e croata (cattolica). Non è facile arrivare dall’altra parte della città: per molti, l’invisibile barriera psicologica del fiume Neretva è un vero e proprio filo spinato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un vecchio amico musulmano di Slavko muore all’inizio del film, e l’uomo è preoccupato dagli effetti che la sua partecipazione al funerale potrà avere sulla comunità croata. Slavko sembra sempre tormentato, e Diklic ne fa un uomo che porta sempre con sé un grosso peso sulle spalle. Ed è questa anche la generale atmosfera della città, dove tutti sembrano stare insieme ma una forte tensione ribolle dietro le apparenze delle normali attività quotidiane.

Il plot è piuttosto semplice, e non accade quasi nulla, ma la performance di Diklic è variegata e intensa, illustra in maniera vivida la vita nella città ed il tumultuoso stato psicologico di un uomo in costante angoscia — sia essa basata su circostanze reali o su come l’uomo percepisce il condizionamento sociale della sua situazione.

Lo strumento fondamentale che Jelcic utilizza per costruire il mondo di Slavko è la macchina da presa di Erol Zubcevic, tenuta a mano come un passante curioso, che riprende le teste dei personaggi da dietro, o ne esamina le rughe, lasciando l’immagine ferma per qualche secondo quando i personaggi escono di scena.

A Stranger è co-prodotto dalla croata Spiritus Movens e dalla Kadar di Mostar.

photogallery

titolo internazionale: A Stranger
titolo originale: Obrana i zaštita
paese: Croazia, Bosnia-Erzegovina
anno: 2013
regia: Bobo Jelčić
sceneggiatura: Bobo Jelčić
cast: Bogdan Diklić, Nada Djurevska

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2013 Forum
Pula Film Festival 2013 
Motovun Film Festival 2013 
Sarajevo Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs report

Newsletter

WTW Men on the Edge
Unwanted_Square_Cineuropa_01