Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Solo dio perdona

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il cuore sanguinante di Bangkok

di 

- Il regista di Drive torna sulla Croisette con un film allucinato, poetico e violento che disorienterà il suo nuovo pubblico e rassicurerà i fan della prima ora.

Recensione: Solo dio perdona

Il regista danese Nicolas Winding Refn torna sulla Croisette appena due anni dopo avervi conquistato il Premio della regia con Drive. Solo Dio perdona [+leggi anche:
trailer
making of
film focus
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
segna la sua seconda collaborazione con Ryan Gosling per un progetto che ha richiesto una gestazione importante. Quando Wild Bunch e Gaumont sono salite a bordo di questa produzione lanciata dalla compagnia fondata da Lene Borglum e Refn (Space Rocket Nation), il progetto non era altro che un film di lotta "facile da vendere". Passato il ciclone mediatico di Drive, Refn si è rituffato nella scrittura della sceneggiatura immergendosi nella mistica notturna di Bangkok. La storia evolve, si spoglia e la geometria del film prende forma. L'aspetto spigoloso delle inquadrature, come la violenza crassa e ruvida, sono preponderanti nel risultato finale a metà tra universo lynchiano (Lost Highway, Twin Peaks, Mulholland Drive) e melvilliano (Frank Costello faccia d'angelo). Meno convenzionale della sua opera precedente, Solo Dio perdona si riallaccia a esercizi di stile come Valhalla Rising [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nicolas Winding Refn
scheda film
]
, Bronson [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
o Pusher senza pertanto rappresentare un passo indietro in una delle filmografie più interessanti del cinema europeo contemporaneo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia è minimalista. Billy (Tom Burke) gestisce un club di boxe a Bangkok con i suoi fratelli, in realtà una copertura per il traffico di droga familiare. Una sera, viene selvaggiamente mutilato per aver picchiato a morte una prostituta. Suo fratello Julian (Ryan Gosling) dovrà affrontare sua madre (Kristin Scott Thomas, glaciale) venuta dagli Stati Uniti per rimpatriare il corpo di suo figlio e assicurarsi una vendetta degna di questo nome. Julian dovrà vedersela anche con uno strano giustiziere legato alla polizia: il cosiddetto Chang si è posto la missione quasi sacra di sradicare la famiglia di trafficanti americani.  

Come i suoi personaggi che si spostano lentamente su traiettorie lineari, Refn monta la sua cinepresa su carrelli per un viaggio al ralenti fino al termine dell'inferno, territorio pervaso dalla musica originale di Cliff Martinez, sempre in perfetto accordo con l'immagine. Bangkok irradia una luce rossa che illumina i volti, incontra il blu, l'arancio e il verde a seconda delle sfumature. E' decisamente la messa in scena che parla al posto dei personaggi. Gosling è un campione di ermetismo, in un archetipo che gli è cucito addosso di film in film, specchio occidentale della sua perfetta nemesi asiatica interpretata dall'attore thailandese Vithaya Pansringarm. Solo Kristin Scott Thomas beneficia di dialoghi che scalfiscono come un rompighiccio la struttura emotiva di questa madre, originale e onnipotente. Questa dea nera non è al riparo del vero angelo sterminatore, quello che probabilmente evoca il titolo del film.

Refn e Gosling hanno intrapreso una strada tutt'altro che facile con questo film d'autore poco chiaro e ancor meno mainstream. La dedica finale ad Alejandro Jodorowsky chiude una riflessione poetica particolarmente oscura. Refn rivendica uno degli insegnamenti del suo maestro spirituale franco-cileno: restare fedele al proprio desiderio fino a che tutto non si aggiusti. Partito da un modello commerciale facile da monetizzare, Solo Dio perdona è diventato un'opera radicale di difficile accesso. Testimonia tanto l'accettazione di un mondo magico quanto la paura del mondo reale. Delle due, l'una: o Refn ha tentato di filmare il misticismo in modo realistico, o ha offerto uno sguardo metaforico sul reale. Come il dio Chang, a decidere sarà lo spettatore.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Only God Forgives
titolo originale: Only God Forgives
paese: Danimarca, Francia
rivenditore estero: Wild Bunch, Gaumont
anno: 2013
regia: Nicolas Winding Refn
sceneggiatura: Nicolas Winding Refn
cast: Ryan Gosling, Kristin Scott Thomas, Vithaya Pansringarm, Gordon Brown, Tom Burke

premi/partecipazioni principali

Cannes 2013 In concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01