Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Three Many Weddings, Bridget Jones in versione mediterranea

di 

- Il film diretto dallo spagnolo Javier Ruiz Caldera è una divertente commedia romantica con protagonista Inma Cuesta

Recensione

Essere scaricata dal proprio fidanzato è già un duro colpo, se poi accade a un pranzo di matrimonio, si sfiora il paradosso. Ma per Ruth, è solo il primo di una lunga serie: single, sarà invitata ad altri tre matrimoni nel giro di un mese… e gli sposi sono tutti suoi ex. Dopo due grandi successi di pubblico in Spagna (Spanish Movie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Promoción fantasma [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Javier Ruiz Caldera firma una divertente commedia romantica, Three Many Weddings [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Javier Ruiz Caldera
scheda film
]
(Tres bodas de más, lett. tre matrimoni di troppo)), scelta per chiudere in risata la 10ma edizione delle Giornate degli Autori di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ruth (interpretata con grande naturalezza da Inma Cuesta) è una biologa marina dalla tormentata vita sentimentale. Decide che sì, parteciperà ai matrimoni dei suoi ex per non apparire una zitella acida, ma l'unica persona che riesce a convincere ad accompagnarla è il suo stagista (Martín Rivas). Ogni matrimonio offrirà situazioni tragicomiche: il primo è del suo ex surfista, divoratore di torte allucinogene; il secondo è di un ex fidanzato che nel frattempo è diventato una bellissima donna; il terzo è dell'uomo che l'ha scaricata a inizio film, apparentemente allergico ai legami stabili, e che invece in poche settimane ha trovato la donna della sua vita. A uno di questi, Ruth incontra un uomo che le piace, un chirurgo plastico un po' imbranato (Quim Gutiérrez): sembra la volta buona. Ma immancabili colpi di scena rimetteranno tutto in discussione.

Inma Cuesta (vista, fra gli altri, in Blancanieves [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Pablo Berger
scheda film
]
di Pablo Berger) è al suo primo ruolo comico, e offre una riuscitissima versione di Bridget Jones in chiave mediterranea: è buffa, al terzo bicchiere di vino finisce a letto con personaggi improbabili (e non ricorda niente), canta a squarciagola canzoni strappalacrime anni '80. Esilaranti i duetti con la madre, drogata di palestra e mangiatrice di uomini (a pagamento), interpretata dall'indimenticabile "chica Almodóvar" Rossy de Palma. Come la storia andrà a finire lo si intuisce sin dall'inizio, nella migliore tradizione delle commedie romantiche, ma ciò non esclude guizzi sorprendenti, anche politicamente scorretti, e trovate che avrebbero potuto risultare triviali se non fossero state così ben inserite nella vertiginosa concatenazione di eventi (vedi la scena dell'attacco di dissenteria).

Gli sceneggiatori del film (Breixo Corral e Pablo Alén) provengono dalla televisione, hanno scritto diverse puntate della serie di successo El Internado, che aveva tra i suoi protagonisti proprio Martín Rivas. Non c'è un dialogo sbagliato, il ritmo è incalzante, e alla fine del film – prodotto da Think Studio, Ciudadano Ciskul Apaches Entertainment e A3 Media Cine, e venduto nel mondo da Film Factory Entertainment – viene voglia di rivedere al più presto Inma Cuesta nei panni di eroina di commedia.

photogallery

titolo internazionale: 3 Many Weddings
titolo originale: Tres bodas de más
paese: Spagna
rivenditore estero: Film Factory Entertainment
anno: 2013
regia: Javier Ruiz Caldera
sceneggiatura: Breixo Corral, Pablo Alén
cast: Inma Cuesta, Martín Rivas, Quim Gutiérrez, Paco León, Rossy de Palma, María Botto, Laura Sánchez, Berto Romero

premi/partecipazioni principali

Venezia 2013 Giornate degli Autori - Venice Days
Seville European Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

EFA

Newsletter

Bridging_the_dragon_Home
ArteKino