Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

La isla mínima: In terra ostile

di 

- L'indagine su un crimine si trasforma nel ritratto febbrile di un’epoca oscura e violenta. Girato con cura, precisione e buoni mezzi, il film è stato presentato in concorso a San Sebastian

Recensione
Jesús Castro e Raúl Arévalo in La isla mínima

Il 1980 è stato decisivo per la storia della Spagna, un paese allora machista, in crisi (come oggi) e sconvolto. A un anno dal tentativo di colpo di Stato di Tejero, in una democrazia fragile, si scontrano due mondi - il vecchio e il nuovo – che convivono male, e promettono di farlo ancora per molto tempo. In questo arco temporale Alberto Rodríguez situa l’intreccio poliziesco di La isla mínima [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
, suo sesto film, scritto insieme al suo fedele collaboratore Rafael Cobos, con cui ha già firmato Grupo 7 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, After
 [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e 7 vírgenes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il luogo dove si svolge l’azione ci viene subito presentato: si tratta delle rive del Guadalquivir, una enclave unica, umida e paludosa dove si coltiva il riso su terreni percorsi da strade, acqua e barche. Vista dall’alto, questa terra sembra un puzzle, un universo magnetico dove uccelli e uomini condividono lo stesso spazio. Le riprese aeree del film, girate con l’uso di droni e ritoccate in digitale, punteggiano il racconto e svelano la misteriosa bellezza di un paesaggio che via via si trasforma in personaggio, o quantomeno in uno stato d’animo che percorre tutto il film.

In questo luogo, due adolescenti scompaiono durante le celebrazioni di una festa locale. Due poliziotti vengono chiamati da Madrid per condurre le indagini: l’uno giovane idealista aperto al rinnovamento e che diventerà presto padre; l’altro della vecchia guardia e bon vivant che nasconde segreti inconfessabili. Il film riprende chiaramente uno dei grandi ingredienti di un genere ben conosciuto: due uomini complessi che non sarebbero mai diventati amici o compagni d’avventure se non si fossero ritrovati in missione insieme, ma che condivideranno molto più di quanto avrebbero immaginato e che, tra una perquisizione e un interrogatorio, arriveranno a rimettere in discussione le loro convinzioni, i loro metodi e i loro principi. Il fatto è che il confine tra la legalità e l’illecito è più facile da superare di quanto si pensi, soprattutto quando si tratta di catturare un serial killer.

Come suggerisce questa breve descrizione, La isla mínima evoca quel cinema americano tanto amato che va dalle atmosfere malsane di David Fincher alla serie True detective, passando perDavid Lynch, in quanto ritrae un microcosmo soffocante che pullula di presenze inquietanti, in cui dei giovani spariscono e genitori e vicini di casa sono spesso i primi sospettati. L'atmosfera del film è piuttosto viziata. La corruzione, la dominazione e il fatto che non ci si possa fidare di nessuno prevalgono su questa sedicente democrazia, che avrebbe dovuto far soffiare un vento di rinnovamento su un paese che invece, in luoghi tanto isolati, rimane ancorato ai quarant’anni di oscurità precedenti.

Come in Grupo 7, Rodríguez si mostra a suo agio nelle scene d’azione girate rapidamente su terreni difficili. In compenso, si fa fatica a identificarsi con i personaggi. Sebbene ciò che ci viene raccontato sia molto forte, non sentiamo mai davvero l’emozione corrispondente. Gli attori contribuiscono a questa debolezza giacché la coppia protagonista Javier Gutiérrez/Raúl Arévalo manca di quella torbidezza che dovrebbe rispecchiare, in teoria, le correnti sotterranee che animano simili personalità.

A parte questo, si prevede che La isla mínima sarà uno dei grandi appuntamenti del cinema spagnolo di questa stagione, soprattutto perché beneficia del sostegno promozionale del gruppo mediatico cui appartiene Atresmedia Cine, che ha coprodotto il film con Atípica Films e Sacromonte Films

photogallery

titolo internazionale: Marshland
titolo originale: La isla mínima
paese: Spagna
rivenditore estero: Film Factory Entertainment
anno: 2014
NOTFOUND_filmregia_it: Alberto Rodríguez
NOTFOUND_filmsceneggiatura_it: Alberto Rodríguez, Rafael Cobos
NOTFOUND_filmattori_it: Raúl Arévalo, Javier Gutiérrez, Jesús Carroza, Nerea Barros, Antonio de la Torre

premi/partecipazioni principali

San Sebastián International Festival 2014 
Goyas 2015
Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Actor (Javier Gutiérrez), Miglior attrice rivelazione (Nerea Barros), Miglior sceneggiatura originale, Miglior fotografia, Miglior Montaggio
Beaune International Thriller Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Gijon_Home

Newsletter

Odessa site
Film Business Course