Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Magical Girl: tre esseri posseduti

di 

- L'opera di Carlos Vermut, in concorso a San Sebastián dopo essere stata presentata a Toronto, è un'accattivante tragicommedia su tre storie intrecciate che sfociano in dramma

Recensione
Bárbara Lennie in Magical Girl

Carlos Vermut, regista del film, appassionato di fanzine e fumetti, afferma che da bambino gli era stato diagnosticato un deficit di attenzione: tuttora non riesce a seguire un film se vengono narrate più storie contemporaneamente e se la trama è intricata. Per questo motivo, i suoi unici due film sono divisi in capitoli, che hanno la funzione - confessa il regista - di dare un ordine alla narrazione. In Diamond Flash le trame erano tre: famiglia, identità e sangue. In Magical Girl [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Carlos Vermut
scheda film
]
, la storia è suddivisa in tre sezioni e segue le vicende dei vari personaggi, cambiando il punto di vista di volta in volta, e con frequenti ellissi. Le tre sezioni si intitolano come il disco di Los Brincos, una band degli anni ‘60: Mondo, Diavolo e Carne. Secondo il catechismo che il regista - ateo dichiarato - ha dovuto studiare a scuola, i tre nemici dell'anima sono i soldi, il sesso e Satana. I titoli delle sezioni rappresentano i tre ostacoli che affrontano i protagonisti. Per il padre di una ragazza malata terminale (Luis Bermejo), il nemico è il mondo, dal momento che non ha soldi. Nel caso della femme fatale (Bárbara Lennie), il diavolo è il suo squilibrio interiore. Infine, è stata la carne a far condannare l'insegnante appena uscito di prigione (Jose Sacristan). 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Siamo quindi di fronte ad un film che gioca sul simbolismo, sull'irrazionalità e sull'intuizione. Un film che confida nelle capacità dello spettatore non solo per colmare il non detto, i vuoti narrativi e i silenzi, ma anche per svelare i misteri che, alimentati dalla fantasia del pubblico, diventano qualcosa di terrificante. Vermut - simpatico soprannome del regista madrileno – preferisce concentrarsi sui personaggi piuttosto che sulla trama. I volti degli attori sono quindi spesso al centro delle inquadrature, struccati e privi di ornamenti inutili. Il regista vuole farci provare l'intensità di uno sguardo, di una conversazione o di un gesto e mostrarci il suo mondo, dove si può apprezzare la bellezza anche in uno squallido bar di quartiere. È proprio qui che si svolge uno dei momenti più emozionanti del film. 

La sfortuna perseguita i personaggi di Magical Girl, come accadrebbe a chiunque se venisse spinto a superare i propri limiti. È ciò che succede al padre di famiglia che si è messo nei guai - un po’ come avviene in Fargo, al quale il regista si ispira per il black humour a tratti patetico. In Magical Girl, la rovina è causata dalla passione più estrema che si possa immaginare: l'eccessivo amore di un padre nei confronti della figlia che genera una terribile situazione, impossibile da gestire. È sempre la passione (sebbene celata e innominabile) a far perdere il controllo a un maestro che decide di intraprendere la strada del crimine. Come viene detto nel film, sono gli eventi a farci diventare potenziali assassini. 

Tutto questo - e molto altro - rende Magical Girl uno dei film più sorprendenti, originali e inquietanti della stagione cinematografica spagnola che sta per iniziare. Una tragicommedia divertente all’inizio, ma che, poco a poco, fa rimanere il pubblico con il sorriso pietrificato sul volto. È ormai certo che stiamo assistendo all'inizio di un’opera brillante e atipica, alla consacrazione di un regista che possiede un linguaggio e un’estetica propri. Un regista che, con soli due film, è diventato un punto di riferimento per il nuovo cinema spagnolo, e che segna una rottura con i vecchi principi del precedente. Speriamo che al Festival di San Sebastián – dove Vermut sarà in gara con altri nomi già consacrati - vengano premiati il suo coraggio e il suo talento.

(Tradotto dallo spagnolo)

photogallery

titolo internazionale: Magical Girl
titolo originale: Magical Girl
paese: Spagna, Francia
rivenditore estero: Films Distribution
anno: 2014
regia: Carlos Vermut
sceneggiatura: Carlos Vermut
cast: Bárbara Lennie, José Sacristán, Luis Bermejo, Israel Elejalde, Alberto Chaves

premi/partecipazioni principali

Toronto International Film Festival 2014 
San Sebastián International Festival 2014 Conchiglia d’oro
Goyas 2015Miglior attrice
Beaune International Thriller Film Festival 2015 
Brussels Mediterranean Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

courgette oscar shortlist
suspi_2016_web300x250