Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Nessuno vuole la notte: una valanga di emozioni

di 

- BERLINO 2015: Isabel Coixet ha inaugurato la Berlinale 2015 con un film ambizioso, coinvolgente e bellissimo ambientato in uno scenario gelido e dove brillano Juliette Binoche e Rinko Kikuchi

Recensione
Juliette Binoche e Rinko Kikuchi in Nobody Wants the Night (©Leandro Betancor)

Le valanghe vanno di moda nel cinema di oggi. Una di esse provoca l’implosione di un nucleo familiare nel magnifico Force majeure [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
. Un’altra è protagonista più che simbolica della pellicola con cui la catalana Isabel Coixet ha inaugurato il 65° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, città altrettanto gelida in questa stagione. E’ in mezzo a paesaggi innevati – il viaggio fino al Polo Nord – che si svolge interamente l’odissea di una donna (la francese Juliette Binoche), e che un’altra, totalmente opposta (incarnata da Rinko Kikuchi) incrocerà il suo cammino per cambiarle la vita per sempre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nobody Wants the Night [+leggi anche:
trailer
making of
film focus
intervista: Isabel Coixet
scheda film
]
è il film più ambizioso della regista di Elegy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Dopo la sua non riuscita incursione nel genere fantastico, Another Me [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Isabel Coixet
scheda film
]
(leggi la recensione), Coixet torna ai suoi temi preferiti abbracciando eroine forti per offrirci uno spettacolo iper energetico di avventura, bellezza ed emozione. In certi momenti Nobody... ricorda un film di Peter Weir, con le sue panoramiche aeree di paesaggi e cordigliere bianche. In altri punti, alcuni personaggi sembrano uscire da un’avventura folle di Werner Herzog. Ma la impronta di Coixet finisce per spiccare, come il sangue schizzato sul ghiaccio più puro: è lì che troviamo queste donne testarde, romantiche e combattive, che vedranno i loro sogni sgretolarsi mano a mano che vi si avvicineranno, aprendosi così ad altre realtà.  

Affermare che Binoche recita in modo straordinario può suonare come un’ovvietà, ma di fatto il suo bel volto si trasforma insieme al suo personaggio, Josephine Peary, una nordamericana di classe alta, equipaggiata come una regina, che parte in cerca del marito, impegnato a realizzare il suo sogno: essere il primo uomo a piantare una bandiera nel punto più settentrionale del pianeta. Siamo agli inizi del XX secolo e Joss è una donna che ama il suo uomo tanto intensamente che desidera condividere la sua temeraria avventura. Ma, durante il cammino, scoprirà alcuni aspetti di lui – e di se stessa – che non conosceva.

Neanche di Gabriel Byrne, che incarna un navigato esploratore individualista, ripeteremo che è un attore magnifico. Ma sottolineeremo, quello sì, il lavoro drammatico di Rinko Kikuchi, che torna a lavorare con Coixet dopo Mapa de los sonidos de Tokio [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
: l’attrice giapponese dà vita – con grande fascino, freschezza e sintonia con la sua collega francese – a una esquimese che aspetta un uomo, anche lei. Il confronto iniziale tra le due donne rappresenta due mondi, due modi opposti di intendere la vita e di confrontarsi con la natura. E, unite senza volerlo, lotteranno contro la crudele oscurità del titolo, per niente desiderata.

Coixet ci coinvolge nel viaggio físico ed emozionale delle due donne senza risparmiare dolore, disperazione, tenerezza e freddo. Anche se nelle scene di maggiore azione si percepisce la sua limitata competenza, nei momenti più intimi la capacità di emozionare di Coixet raggiunge i livelli di Mi vida sin mí [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Per questo non sorprende che il suo decimo lungometraggio di finzione apra una manifestazione tanto selettiva come quella tedesca, diventando così la prima cineasta spagnola a farlo.

Nobody Wants the Night è una coproduzione tra Spagna, Francia e Bulgaria, con la collaborazione di TVE, TV3 e Canal+, e l’appoggio di Eurimages e il programma MEDIA. Il film è stato girato – in inglese, a partire da una sceneggiatura di Miguel Barros – per gli esterni in Norvegia e su set in Bulgaria e Tenerife (dove gli sgravi fiscali sono inferiori a quelli della penisola). Delle sue vendite internazionali si occuperà Elle Driver (leggi la news).

(Tradotto dallo spagnolo)

photogallery

titolo internazionale: Nobody Wants The Night
titolo originale: Nadie quiere la noche
paese: Spagna, Francia, Bulgaria
rivenditore estero: Metro Films International
anno: 2015
regia: Isabel Coixet
sceneggiatura: Miguel Barros
cast: Juliette Binoche, Rinko Kikuchi, Gabriel Byrne, Velizar Binev

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2015In concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

WTW My Sweet Pepperland IT
ArteKino