Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

24 Weeks: un dramma che arriva fin sotto la pelle

di 

- BERLINO 2016: Interpretazioni magnifiche per il nuovo film della tedesca Anne Zohra Berrached, presentato in concorso a Berlino

Recensione
Julia Jentsch in 24 Weeks

Tre anni dopo la presentazione da parte della sceneggiatrice-regista tedesca Anne Zohra Berrached del suo primo lungometraggio, Two Mothers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, nella sezione Perspektive Deutsches Kino, ecco il suo ritorno alla Berlinale, questa volta in competizione, con 24 Weeks [+leggi anche:
trailer
film focus
Q&A: Anne Zohra Berrached
scheda film
]
, che parla sempre di gravidanza - ma in un modo molto diverso. Mentre nel suo film d'esordio due donne affrontavano problemi sociali e giuridici nel tentativo di avere un bambino come coppia di lesbiche, in 24 Weeks, una donna viene messa sotto pressione dalla società per dare alla luce un figlio disabile. Girato in parte come un documentario e con i suoi intensi primi piani, il dramma sembra reale e arriva fin sotto la pelle. Un critico cinese ha persino detto che è stato il miglior film tedesco che ha visto negli ultimi 12 anni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La storia inizia con la donna, che fa la comica, sul palco e, ovviamente, non vede alcun motivo di nascondere in pubblico il fatto che è incinta. La sua vita sembra perfetta, con un marito affettuoso, una figlioletta e una casa con giardino. Ma durante il suo esame di gravidanza, girato in uno studio medico, viene fuori che il nascituro è affetto da sindrome di Down. È uno shock enorme, ma i futuri genitori sono fortemente convinti di riuscire a gestire la situazione. Non hanno alcun dubbio al riguardo e si arrabbiano quando la giovane baby-sitter, la figlia piccola e anche la madre della moglie mettono in discussione la loro decisione. Sebbene cerchino di tenere tutto segreto, la notizia in qualche modo trapela e diventa di dominio pubblico.

Il direttore della fotografia Friede Clausz, che aveva già lavorato con Anne Zahra Berrached per Two Mothers, riflette i diversi stati d'animo dei personaggi principali tramite i colori del film, permeando le immagini con crescenti toni di grigio. Il punto di svolta è un altro esame che dimostra che il cuore del bambino batte molto velocemente. Il montatore Denys Darahanpermette al pubblico di vivere in tempo reale il momento in cui la donna incinta è in attesa della diagnosi del ginecologo. E i risultati dei test non potrebbero essere peggiori: il bimbo ha una grave patologia cardiaca e dev'essere operato subito dopo la nascita.

Mentre pensa alle conseguenze per il bambino, la sua vita e la sua famiglia, la donna incinta non è più sicura di quale sia la cosa giusta da fare. Nel frattempo, la pressione sociale esterna cresce, quasi schiacciandola. I sostenitori e le madri di neonati gravemente malati si congratulano con lei per la sua forza, mentre lei è sempre più insicura. La cosa più difficile è la differenza di opinioni con il marito, il quale ammette che un aborto lo farebbe sentire in colpa. Guidato dal suo credo religioso, cerca in ogni modo di far prevalere la sua volontà - contro le intenzioni della moglie e contro la legge che rispetta la decisione di una donna. Il comico e attore tedesco Bjarne Mädel, che qui interpreta il suo primo ruolo drammatico, è convincente e colmo di impetuosa rabbia.

Con 24 Weeks, Anne Zohra Berrached fa una dichiarazione forte per il diritto delle donne all'autodeterminazione in una storia che parla dell'affrontare questo profondo dilemma morale. L'ostetrica nel film afferma che il 90% delle donne abortisce in casi come questo, ma dice sempre di aver avuto un aborto spontaneo. Lei e il medico sono in realtà veri professionisti che la regista ha filmato nella loro clinica - forse questo è il motivo per cui il film sembra così realistico. L'attrice principale tedesca Julia Jentsch, che ha già vinto un Orso d'Argento per Sophie Scholl - Gli Ultimi Giorni [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nel 2005, consegna un'interpretazione magistrale, rompendo la barriera del dolore. A questo proposito, 24 Weeks potrebbe essere un possibile vincitore degli Orsi della Berlinale.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: 24 Weeks
titolo originale: 24 Wochen
paese: Germania
anno: 2016
regia: Anne Zohra Berrached
sceneggiatura: Anne Zohra Berrached, Carl Gerber
cast: Julia Jentsch, Bjarne Mädel, Emilia Pieske, Johanna Gastorf, Maria Dragus, Karina Plachetka

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Concorso
Arras Film Festival 206 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

EAVE Home
filmitalia_site