Scegli la lingua en | es | fr | it
Mother

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Mother: una poesia cinematografica su una madre e una figlia

di 

- Il regista sloveno Vlado Skafar torna a Rotterdam con Mother, seguito del film del 2010 Dad

Recensione

Vlado Skafar è una figura unica nel cinema sloveno. Regista, sceneggiatore e co-fondatore della Slovenian Cinematheque e dell'International Film Festival Kino Otok di Izola, paradiso dei cinefili con una programmazione senza compromessi e suggestive proiezioni all'aperto, i suoi lungometraggi Letters to a Child (Rotterdam 2009) e Dad [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Vlado Škafar
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
(Settimana della Critica Veneziana 2010) possiedono una bellezza singolare, e un approccio poetico che unisce documentario e finzione per ottenere il massimo effetto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È anche il caso del suo nuovo film, Mother [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
, che ha appena avuto la sua anteprima mondiale nella sezione Bright Future di Rotterdam. Mentre Dad narrava la storia di un padre e un figlio, qui abbiamo una madre (Nataša Tic Ralijan) e sua figlia (Vida Rucli). La mamma di mezza età, ma giovanile, (con i capelli corti e scarpe Dr Martens) porta la figlia, più o meno maggiorenne o poco più che ventenne, in una vecchia casa rurale in collina e la rinchiude in una stanza.

Successivamente, la madre parla con un prete, che spiega vari modi di combattere una dipendenza, e presto ci troviamo in una comune, dove una decina di giovani sono impegnati in attività agricole, laboratori di musica e partite di pallavolo... Sentiamo alcune delle loro confessioni, chiaramente una parte documentaristica del film, e finalmente riusciamo a vedere la figlia.

Mentre la prima ora del film è totalmente dedicata alla madre, gli ultimi 20 minuti ci mostrano la situazione dal punto di vista della figlia. In modo molto suggestivo, attraverso azioni simboliche, la ragazza mostra come vede se stessa e cosa sta cercando di raggiungere.

Tuttavia, Skafar non si astiene dall'utilizzare strumenti più diretti, come ad esempio i titoli in lenta dissolvenza dentro e fuori dallo schermo, che descrivono pensieri o sentimenti. Uno particolarmente significativo è: "Ora so perché a mamma piacciono i fiori. Vuole che le cose crescano. Ma a modo suo."

Ma l'esile trama non è il punto principale del film. Non è una storia di dipendenza o di perseveranza; parla di come genitori e figli si percepiscono e si influenzano a vicenda. Non vi è alcuna sceneggiatura di per sé - in realtà, i titoli di testa dicono: "Ispirato agli scritti di Jelena Maksimović, Vida Rucli, Nataša Tič Ralijan, Gabriella Ferrari, Margita Stefanović, JW Goethe e Lily Novy."

La Maksimović è una montatrice serba che conta al suo attivo I Ponti Di Sarajevo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e il prossimo titolo del Forum della Berlinale Depth Two [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, che ha montato il film insieme a Škafar. La Stefanović è stata una leggendaria tastierista serba morta nel 2002, nota anche per una lunga dipendenza da eroina, mentre la Novy è stata una delle poetesse più importanti della Slovenia. La Ferrari interpreta (o forse in realtà lo è?) una musicoterapeuta della comune.

Mentre il tono del film è tranquillo e lirico, molto simile a quello di Dad, la musica utilizzata è molto diversa, e va da composizioni di ispirazione religiosa di Vladimir Godar basate soprattutto sui cori femminili, a "Ribbon Bow" di Karen Dalton. Si uniscono perfettamente alla camera leggiadra e semplice di Marko Brdar (Dad) e al ritmo lento del montaggio. In effetti, i due film sono compagni perfetti, e si spera ci sia l'occasione per un doppio appuntamento, meravigliosamente stimolante, almeno a qualche prossimo festival.

Mother è una co-produzione tra la slovena Gustav Film, l'italiana Transmedia e la bosniaca SCCA/Pro.ba. I diritti internazionali sono disponibili.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Mother
titolo originale: Mama
paese: Slovenia, Italia
anno: 2016
regia: Vlado Škafar
sceneggiatura: Vlado Škafar
cast: Nataša Tič Ralijan, Vida Rucli, Gabriella Ferrari, Pierluigi Di Piazza

premi/partecipazioni principali

International Film Festival Rotterdam 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250