Scegli la lingua en | es | fr | it
Humidity

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Humidity: un dramma ambiguo con la tensione di un thriller

di 

- BERLINO 2016: Il nuovo dramma atmosferico del regista serbo Nikola Ljuca ha avuto la sua prima mondiale nella sezione Forum della Berlinale

Recensione
Tamara Krcunović e Slaven Došlo in Humidity

Humidity [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Nikola Ljuca
scheda film
]
del regista serbo Nikola Ljuca è una gemma rara: un dramma atmosferico sull'identità e su una generazione privata dei suoi ideali, con una narrazione in cui non sembra accadere molto in termini di trama, ma che ha comunque una tensione da thriller, è un risultato inaspettato per un regista esordiente. Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Forum della Berlinale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scritto da Ljuca e Staša Bajac, Humidity si apre con una scena spinta di sesso tra Mina (Tamara Krcunović, finora criminalmente sottoutilizzata nel cinema serbo) e Milan (Slaven Došlo, salito alla ribalta lo scorso anno con Panama [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Next to Me [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stevan Filipović
scheda film
]
). È un caldo fine luglio a Belgrado e dopo che il sudore si asciuga, Mina va in auto in aeroporto a prendere il marito Petar (Miloš Timotijevic, di Figlio Di Nessuno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e il suo collega Srdjan (Dragan Bakema).

Lavorano per una società edile e quella sera c'è una festa nella casa estiva di uno dei loro colleghi. Quando Mina e Petar tornano a casa, si stendono per un pisolino, e al suo risveglio la compagna è scomparsa. Non risponde al telefono, ma l'uomo non vede il motivo di preoccuparsi. Va alla festa, e quando non la trova lì, inventa una scusa.

Mina non torna neanche il giorno dopo e Petar va a lavoro, dov'è incoraggiato dal suo capo a chiudere un affare losco che ruota attorno alla costruzione di un ponte, che mette potenzialmente in pericolo migliaia di vite umane in un futuro abbastanza lontano da non doversene preoccupare in questo momento - una pratica quotidiana nella corrotta società serba.

Passano i giorni, ciascuno con un titolo narrativo diverso, ma di Mina non c'è traccia. Petar va a trovare la suocera, parla con gli amici di lei, fingendo sempre che vada tutto bene. Passa le notti facendo jogging o alle feste, alla ricerca di una fuga dall'ansia e preservando l'immagine di una vita perfetta.

Petar appartiene alla generazione cresciuta negli anni '90, che ha vissuto le guerre jugoslave, l'embargo delle Nazioni Unite e il bombardamento della NATO, che ha protestato contro Milošević ed è rimasta delusa quando, dopo la caduta del dittatore, la società è diventata solo più brutale, con l'afflusso di grandi capitali.

Petar ora guida una BMW e quando ottiene una promozione ne compra una nuova, un po' più grande. Nel frattempo la sorella di Petar, Bojana (Katarina Marković) e suo marito hanno aperto un ristorante di lusso. Non è un ambiente per chi vuole riflettere su qualcosa che non sia il denaro e lo status. "Non ho tempo per essere depressa", dice Bojana, sdraiata a bordo piscina in una spa elegante.

Ljuca fa aumentare gradualmente la tensione mentre Petar fugge da tutto ciò che potrebbe rispecchiare la sua identità imperfetta, creata artificialmente. A questo proposito, il regista fa una citazione dotta di Strade Perdute di Lynch.

Timotijevic è una rivelazione nel ruolo principale. Ci vuole un attore dalla sensibilità speciale per interpretare un personaggio le cui azioni irrazionali sembrano così plausibili. La Krcunović appare per poco tempo, ma dà al film esattamente ciò di cui ha bisogno con poche sobrie espressioni facciali e battute misurate perfettamente. Mentre Timotijevic regge tutto il film, lei - o meglio, la mancanza di lei - è l'elemento che ci emoziona e ci fa pensare.

La stessa Belgrado svolge un ruolo importante nella pellicola. Con il tocco rinfrescante della direttrice della fotografia emergente Maja Radošević (Next to Me), Ljuca ha ritratto la città con un misto di amore e di rimprovero, che può venire solo da chi la conosce bene, dai suoi scantinati più sporchi ai suoi tetti più scintillanti.

Humidity è un'opera prima impressionante, e la cosa migliore di tutte è che quella che state leggendo ora è solo una possibile interpretazione. Ci sono numerosi dettagli apparentemente insignificanti che potrebbero ispirare una particolare linea di pensiero nello spettatore, e le discussioni sui temi e sul significato del film dopo la proiezione sono garantite.

Co-prodotto dalle serbe Dart Film e Cinnamon Production, l'olandese Lemming Film e la greca 2.35, Humidity è gestita a livello internazionale dalla Soul Food di Belgrado.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Forum
Sarajevo Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

ArteKino
Digital Production Challenge II - v2