Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tarde para la ira: l’uomo che perse il sorriso

di 

- VENEZIA 2016: Il primo film da regista dell’attore Raúl Arévalo è selvaggio, audace, duro e autoriale, girato con un nerbo e una forza sorprendenti per un’opera prima

Recensione
Antonio de la Torre e Luis Callejo in Tarde para la ira

Era atteso con grande curiosità il debutto dietro la macchina da presa di un interprete tanto richiesto dai cineasti spagnoli come Raúl Arévalo. Da quando bucò lo schermo, una decina di anni fa, nel ruolo di Israel in Azuloscurocasinegro [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Daniel Sánchez Arévalo, non ha smesso di inanellare lavori eccezionali con cui ha dimostrato di meritare la qualifica di “attore a tutto campo”: non c’è genere che gli resista. Mentre aspettiamo ansiosi la sua performance in Oro, l’ambizioso film sull’epoca delle conquiste di Agustín Díaz Yanes (leggi la news), esce alla sezione Orizzonti della Mostra di Venezia Tarde para la ira [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Raúl Arévalo
scheda film
]
, dove il cineasta madrileno dimostra di aver imparato molto da quanto ha visto, vissuto e sofferto sui set diretti da altri. Perché questo film che non lascia indifferenti emana un senso del rischio, una maturità e uno stile proprio che non hanno nulla da invidiare ai tanti film cui Arévalo ha partecipato, iscrivendosi nella serie A degli attori spagnoli del momento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sostenuto da Beatriz Bodegas (leggi la news), produttrice che si è giocata tutto con il suo quinto film, poi ha confidato sin dalla sceneggiatura nell’esordiente Arévalo, Tarde para la ira è un esempio di cinema spagnolo di alto livello, con una storia e una messa in scena che lascia sbalorditi, con una verve che toglie il respiro e una visceralità che deve molto al carattere veemente di questo nuovo regista.

Il film, fin dalla sua prima scena, girata dentro un’automobile, ci afferra con le unghie e ci invita a seguire i personaggi attaccati alla loro nuca. Dapprima gli spettatori saranno quasi come fratelli siamesi di Luis Callejo, per fare lo stesso poi con Antonio de la Torre. Entrambi sono animali in prigione, fisicamente ed emotivamente, arrabbiati e feriti, capaci di mordere furiosamente: il primo col suo temperamento vulcanico e il secondo attraverso un piano meditato. La trama ha guizzi sorprendenti e come una lepre salta in mezzo a questa caccia umana degna di un allievo del primo Saura (e di Peckinpah): il sudore gocciola dalle pareti unte di bar e palestre di quartiere, la violenza schizza sporcando lo sguardo, e il rancore cui allude il titolo si respira fino a soffocare.

Arévalo alterna misura e contenimento narrativo con impeto ed eccessi stilistici nello sviluppo di una trama claustrofobica, che sale dalle viscere, che richiede molto nerbo e intuizione. L'obiettivo è incollato ai volti e gli gira attorno, li ritrae senza filtri. Il suono (il rumore del vento o di un motore) martella come un ricordo doloroso e la musica schietta di Lucio Godoy aggiunge, senza enfatizzare. Il paesaggio urbano della periferia di Madrid e quello rurale della provincia di Segovia aggiungono una bruttezza epica che rimanda al western partorito da entrambe le sponde dell’Atlantico. E la violenza si mastica, ma non è indigesta, giacché Arévalo - e il suo team - hanno l’abilità di risparmiarci la visione diretta degli omicidi che vi si commettono.

Su sceneggiatura (con dialoghi molto naturali e ben scritti) dello stesso Arévalo e del suo amico David Pulido, psicologo di professione, Tarde para la ira si annuncia come candidato ideale a ricevere il Goya del miglior regista esordiente alla prossima edizione dei premi dell’Accademia del Cinema Spagnolo. I suoi incredibili attori secondari (persino le comparse), la tensione mantenuta durante tutto il tempo e la forza aspra di una regia che ben si adatta a una trama tanto dura, puntellano il debutto di un cineasta di grande talento che farà tanto parlar di sé come regista quanto lo ha fatto finora come interprete.

I film è prodotto da La Canica Films e venduto all'estero da Film Factory Entertainment.

(Tradotto dallo spagnolo)

photogallery

titolo internazionale: The Fury of a Patient Man
titolo originale: Tarde para la ira
paese: Spagna
rivenditore estero: Film Factory Entertainment
anno: 2016
regia: Raúl Arévalo
sceneggiatura: Raúl Arévalo, David Pulido
cast: Antonio de la Torre, Luis Callejo, Canco Rodríguez, Alicia Rubio, Ruth Díaz, Font García

premi/partecipazioni principali

Venice Film Festival 2016

Orizzonti
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250