Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione

email print share on facebook share on twitter share on google+

Réparer les vivants: trasmigrazione di un cuore

di 

- VENEZIA 2016: Katell Quillévéré realizza un adattamento appassionante del romanzo di Maylis de Kerangal, presentato a Venezia e in concorso a Toronto

Recensione
Gabin Verdet e Tahar Rahim in Réparer les vivants

Come tutti sanno, la natura umana può riassumersi in due fenomeni: la vita e la morte. E uno dei motori fisici primordiali dell’esistenza è il cuore, i cui battiti scandiscono il tempo dei nostri giorni facendo allo stesso tempo da cassa di risonanza delle nostre emozioni. Se smette di battere, finisce tutto… Ma se continua a pulsare, l’onda della vita può sempre riformarsi, anche in un altro corpo. E’ questo il tema trattato da Maylis de Kerangal in Réparer les vivants [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Katell Quillévéré
scheda film
]
, un romanzo di successo trasposto ora in un appassionante film da Katell Quillévéré.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Presentato alla 73a Mostra di Venezia, nel programma Orizzonti, prima di partecipare alla sezione competitiva Platform del Festival di Toronto, il terzo lungometraggio della talentuosa regista di Un poison violent [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Quinzaine des réalisateurs 2010) e di Suzanne [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Katell Quillévéré
festival scope
scheda film
]
(Semaine de la Critique cannense 2013) si rivela un’opera ben diretta, in equilibrio fluido tra un fortissimo potenziale drammatico ben controllato, una dimensione scientifica e chirurgica di grande precisione, e un orizzonte di interrogativi metafisici aperto alla libertà di ciascun spettatore. Un’opera che sulla carta si presentava come una sfida, visto che il racconto del trapianto di un cuore e di tutti i passaggi che implica poteva scadere facilmente nel melodramma e nel documentario medico. Tutti ostacoli che la cineasta supera con abilità e in perfetta sintonia con il proposito della storia, con le scene d’atmosfera (in particolare l’eccezionale apertura del film e le sequenze di surf che preludono a un incidente messo in scena in modo altrettanto brillante) e intimiste che si alternano felicemente con l’aspetto tecnico del circuito della donazione di un organo (in particolare le operazioni di prelievo e di trapianto dettagliate con un realismo impressionante).

Raccontando tutte le tappe del viaggio del cuore di Simon (la rivelazione Gabin Verdet), giovane vittima di un grave incidente stradale e in stato di morte cerebrale, verso il corpo di Claire (la luminosa Anne Dorval), una cinquantenne che sopravvive grazie a un defibrillatore, Réparer les vivants traccia il ritratto al contempo impressionista e profondo di diverse famiglie: quella del personale ospedaliero (tra gli interpreti, Tahar Rahim, Bouli Lanners, Monia Chokri, Dominique Blanc, Karim Leklou e Alice de Lencquesaing), quella di Simon (con Emmanuelle Seigner e Kool Shen nei panni difficili di genitori sotto choc per la morte del figlio e messi di fronte alla decisione delicata e urgente di consentire o meno la donazione degli organi) e quella di Claire (i suoi figli interpretati da Finnegan Oldfield e Théo Cholbi, e la sua ex amante da Alice Taglioni). Una miriade di personaggi che coesistono brillantemente grazie a una sceneggiatura sottile scritta dalla regista con Gilles Taurand che offre un turbinio di respiri intorno al nucleo della trama, questo cuore in attesa nel limbo, tra la vita e la morte, in una sorta di gara di fondo che dà vita a una catena di solidarietà umana oltre l’ultimo sonno.

Coproduzione franco-belga, Réparer les vivants è venduto nel mondo da Films Distribution.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Heal the Living
titolo originale: Réparer les vivants
paese: Francia, Belgio
rivenditore estero: Films Distribution
anno: 2016
regia: Katell Quillévéré
sceneggiatura: Katell Quillévéré, Gilles Taurand
cast: Anne Dorval, Emmanuelle Seigner, Tahar Rahim, Kool Shen, Bouli Lanners, Monia Chokri, Dominique Blanc, Alice Taglioni, Karim Leklou, Alice de Lencquesaing, Théo Cholbi

premi/partecipazioni principali

Venice Film Festival 2016

Orizzonti
Toronto International Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Seneca's Day Lithuania
Home Sweet Home