Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Søren Stærmose • Produttore della trilogia Millennium

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il nostro primo pensiero era trovare Lisbeth Salander

di 

Intervista: Søren Stærmose  • Produttore della trilogia Millennium

Uomini che odiano le donne [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Niels Arden Oplev
intervista: Søren Stærmose
scheda film
]
, primo adattamento della serie di romanzi bestseller Millennium, è il film svedese di maggiore successo di sempre. Il produttore Søren Stærmose (Yellow Bird) ne ha parlato con Cineuropa.

Cineuropa: Quali sono i dati più recenti relativi a Uomini che odiano le donne?
Søren Stærmose: Al 31 marzo, il film aveva raccolto due milioni di spettatori in tutta la Scandinavia. È il maggiore successo in tutta la regione, di solito i nostri film non superano i confini nazionali. Questa è un'eccezione assoluta che segue i libri di Stieg Larsson. A Yellow Bird abbiamo fatto molta attenzione nel dare la stessa qualità dei libri al film, e siamo felici della positiva risposta del pubblico. La gente ha sentito di star rileggendo il libro mentre vedeva il film!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ci racconti qualcos'altro sulla sua compagnia, e dell'acquisizione della trilogia Millennium.
A Yellow Bird siamo concentrati sul cinema crime di qualità e su serie TV basate su libri ben scritti — non solo su investigazioni ma gialli in generale. Vogliamo esplorare i diversi aspetti del genere. Abbiamo acquisito i diritti sulla trilogia Millennium all'inizio del 2005, molto prima del suo successo internazionale. La nostra sfida era di soddisfare le aspettative del pubblico e trovare gli attori giusti. Sapevamo che un errore nella scelta del personaggio di Lisbeth Salander avrebbe portato al fallimento di tutta l'avventura, perché è un personaggio determinante nella trilogia. Il nostro primo pensiero era per lei, e Noomi Rapace è perfetta nel ruolo.

Perché avete scelto Niels Arden Oplev per il primo film?
Per noi era importante trovare la persona giusta, che conoscesse il genere e sapesse come misurarsi con i temi esplorati da Stieg Larsson, che aveva lottato per la libertà e odiava gli uomini che odiano le donne. Nella trilogia Millennium si parla molto dell'oppressione delle donne — nella famiglia nel primo libro, nel contesto della prostituzione nel secondo e nella politica nel terzo. Nel suo lungometraggio precedente, We Shall Overcome [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Oplev aveva descritto la lotta di un ragazzo contro il sistema danese negli anni '60. Ha diretto numerose serie TV di successo, e sapeva come girare film gialli.

Gli altri due film di Millennium — La ragazza che giocava con il fuoco [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e La regina dei castelli di carta [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, entrambi diretti dal filmmaker svedese
Daniel Alfredson ma con gli stessi attori — era stato pianificato inizialmente solo per la trasmissione televisiva. Ora uscirà in sala: dovreste esserne felici...
Era una cosa che speravamo accadesse, e sin dall'inizio avevamo in progetto di dare un tocco cinematografico anche agli altri due film. Daniel Alfredson è un regista affermato e pluri-premiato (il suo recente Wolf, con Peter Stormare, ha ottenuto due riconoscimenti a Montreal nel 2008) ed il direttore della fotografia di entrambe le pellicole, Peter Mokrosinski, ha lavorato con lui molte volte. I film sono stati girati in sequenza, e stiamo lavorando duramente sul montaggio, sul sound design e sulla musica, per fare in modo che la versione cinematografica del secondo film sia pronta per l'uscita nelle sale svedesi a settembre, e del terzo a novembre 2009. I due film saranno più brevi ma sempre molto fedeli ai romanzi.

Avete siglato un contratto per il remake americano di Uomini che odiano le donne?
Le compagnie statunitensi sono molte interessate ma ancora non abbiamo firmato nulla. Non faremo un remake di questo primo film, sarà un'opera nuova in inglese, diretta da un altro regista con una visione tutta sua.

Quali altri gialli adatterete?
Abbiamo rapporti stretti con i maggiori giallisti scandinavi, da Henning Mankell ed Helene Tursten in Svezia, fino a Anne Holst in Norvegia. Cerchiamo anche nuovi talenti, come Stieg Larsson. Abbiamo bisogno che i romanzieri costruiscano un loro profilo europeo prima di fare un film o una versione televisiva. Stiamo lavorando all'adattamento della serie Vik-Stubø di Anne Holst con la norvegese Monster Film.

photogallery

titolo internazionale: The Girl with the Dragon Tattoo
titolo originale: Män som hatar kvinnor
paese: Svezia, Danimarca
rivenditore estero: Zodiak Entertainment
anno: 2009
regia: Niels Arden Oplev
sceneggiatura: Nicolaj Arcel, Rasmus Heisterberg
cast: Michael Nyqvist, Noomi Rapace, Sven-Bertil Taube, Lena Endre, Ingvar Hirdwall, Peter Andersson, Peter Haber, Marika Lagerkrantz, Ewa Fröling
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01