Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Radim Spacek • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Volevamo semplicemente fare un film molto cupo”

di 

- Incontro col un regista ceco di 36 anni che proviene dalla celebre scuola di cinema della FAMU, di ritorno sul grande schermo dopo undici anni dedicati alla televisione e al documentario

Intervista: Radim Spacek  • Regista

Walking Too Fast [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Radim Spacek
scheda film
]
, si svolge in Cecoslovacchia nel 1982 e posa uno sguardo privo di sentimentalismi sulla corruzione morale di un uomo in un contesto di malessere generale causato dalla normalizzazione comunista. Il film è interpretato da attori poco conosciuti a partire da una sceneggiatura senza compromessi, la prima di Ondřej Štindl.

Cineuropa: Quando si è unito al progetto Walking Too Fast?
Radim Špaček: Quando sono arrivato, la sceneggiatura era interamente scritta. Ondrej aveva cominciato a scriverla nel 2001. Lui e alcuni amici avevano visto Casino di [Martin] Scorsese e, davanti a un bicchiere al bar, si sono chiesti se fosse possibile immaginare un thriller del genere nella Cecoslovacchia degli anni '80. Tre anni dopo, [il produttore] Vratislav Šlajer mi ha proposto di dirigere il film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ha deliberatamente evitato di ingaggiare star ceche. Perché?
Prima di tutto, ho sempre cercato di lavorare con attori non professionisti o poco conosciuti perché per me un film è più convincente se non è dominato dallo star system. So che un buon film richiede buoni attori, ma ne avevo comunque abbastanza di vedere sempre i soliti dodici volti in tutti i film cechi. Poi, anch'io sono un attore, ho studiato questo mestiere e so che ci sono buoni attori ai quali non è stata ancora data una possibilità.

Walking Too Fast non somiglia a nessuno degli altri film cechi perché non appartiene né al registro della commedia romantica, né a quello noir o ad altri generi ibridi.
Sì, è un vero thriller. Abbiamo insistito perché la malattia del cinema ceco è proprio fare commedie mischiate a qualcos'altro. Noi volevamo semplicemente fare un film molto cupo.

Che cosa significa il titolo?
Il titolo ceco è Pouta, che significa manette. È anche un gioco di parole perché rimanda alle relazioni, ai legami, agli affetti. Tuttavia, visto che ci sono già migliaia di film stranieri che contengono questa idea, per l'estero abbiamo scelto Walking Too Fast. È un amico di Ondřej che ha avuto l'idea: descrive il modo in cui Antonín [il personaggio principale] vede la sua vita.

L'ossessione di Antonín per Klara finisce per portarlo sull'orlo della pazzia. Perché è così squilibrato?
È soltanto un uomo infelice e pieno di tensioni che non ha altro modo per esprimere la sua rabbia e dare sfogo alla sua energia. Le circostanze in cui vive, rinchiuso nel suo piccolo appartamento insieme alla moglie, e il periodo comunista hanno leggermente deformato il suo carattere ed è per questo che è diventato quello che è. Perché non può avere ciò che vuole.

Walking Too Fast non contiene un messaggio politico, tuttavia sembra che denunci il sistema comunista.
Credo che si potrebbe raccontare la stessa storia in un contesto contemporaneo, ma quello dell'epoca che abbiamo scelto ha davvero dato un vantaggio a gente come Antonín. L'epoca gli permette di manipolare coloro che lo circondano e di fare quello che più gli piace. Sarebbe possibile anche oggi, ma forse sarebbe meno facile.

Perché il film lascia il pubblico all'oscuro circa la data e il luogo preciso dell'azione?
La sceneggiatura annunciava che si trattava della Cecoslovacchia del 1982, ma successivamente mi sono detto che sarebbe stato meglio non indicarla nel film, perché il pubblico già percepisce bene dove e quando si svolge la storia.

Al di là dei costumi e degli accessori, non offre allo spettatore alcun riferimento visivo, come il castello di Praga o altro.
Abbiamo discusso a lungo se il film dovesse svolgersi a Praga o no, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio aggirare la questione. Il film non dice esattamente che siamo nel 1982 e che si tratta di Praga; parla di una città cecoslovacca anonima, che potrebbe essere Praga, ma contiene elementi di Ostrava e Bratislava, tra le altre.

Ha utilizzato volutamente i movimenti di camera per creare un'atmosfera di malessere?
Jaromír [Kačer, il direttore della fotografia] e io abbiamo discusso dei modi per dare l'impressione che si è sempre seguiti e osservati. Abbiamo convenuto che avremmo girato tutto in focale lunga e che avremmo lavorato molto sulla focalizzazione per riprodurre quello che la polizia dell'epoca faceva. Riguardo ai movimenti di camera propriamente detti, sono frutto di un'idea di Jaromír durante le riprese.

photogallery

titolo internazionale: Walking Too Fast
titolo originale: Pouta
paese: Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia
rivenditore estero: Bionaut Films
anno: 2009
regia: Radim Spacek
sceneggiatura: Ondrej Stindl
cast: Martin Finger, Lukás Latinák, Ondřej Malý, Jitka Prosperi, Luboš Veselý

premi/partecipazioni principali

Ostrava Film Festival 2009 
Pusan International Film Festival 2010 
Warsaw Film Festival 2010 
Cottbus Film Festival 2010 
San Francisco International Film Festival 2011 
Karlovy Vary Film Festival 2011 
Toronto European Union Film Festival 2012 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01