Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Nejc Gazvoda • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

Storie semplici, temi importanti

di 

- A 26 anni, il promettente regista sloveno firma un'opera prima generazionale, girata in 14 giorni con 180 000 euro.

Intervista: Nejc Gazvoda • Regista

Nejc Gazvoda è un autore, sceneggiatore e regista sloveno di 26 anni. Il suo debutto A Trip [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
è stato proposto in anteprima mondiale in Concorso a Sarajevo, e ha successivamente partecipato a numerosi festival, vincendo sei premi allo Slovenian National Film Festival di Portoroz. Il film uscirà in patria il 19 gennaio 2012.

Cineuropa: Quali sono stati le sfide e gli ostacoli maggiori che ha incontrato durante la produzione?
Nejc Gazvoda: Il film è stato girato in 14 giorni, senza luci artificiali: avevamo denaro sufficiente per una camera car e per un solo giorno, e dovevo pensare bene ogni scena. Girare in auto è stato difficile a causa dello spazio ristretto, e ha richiesto molto tempo. Non potevo fare inquadrature troppo ampie, perché ci sarebbe stata troppa gente dentro e avrebbe richiesto troppo tempo spostare le attrezzature della troupe da un posto all'altro. L'unico modo per fare un film con poco denaro è essere preparati in tutto. Fare cinema-guerrilla non vuol dire improvvisare, ma essere preparati ad ogni piccola cosa. Avevo scritto scene per diversi scenari: per il cattivo tempo, se l'auto si fosse rotta… Volevo fare un film e nulla poteva fermarmi. In caso di pioggia, avremmo filmato la pioggia, senza aspettare che smettesse.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I suoi tre attori sono fantastici. Con loro ha lavorato molto bene…
Abbiamo frequentato insieme la Scuola di Cinema e Teatro, conoscevo il loro lavoro e le loro capacità. Tutti e tre hanno talento, e anche se la storia era stata scritta molto prima di conoscerli, avevo creato personaggi e dialoghi pensando a loro. Abbiamo fatto molte prove, parlato dei personaggi, delle situazioni del film. Conoscevano bene i personaggi - avevo chiesto loro di pensare al nome, al cibo preferito, alla musica preferita... Sapevano quello che fanno i personaggi per vivere, ciò che fanno i loro genitori… Nulla di questo è nel film, ma per loro era importante. Volevo dare ai miei attori tutte le informazioni e tutto il sostegno possibile. E sono contento che questo venga fuori nel film.

Perché ha deciso di fare un film su questi temi?
Volevo realizzare un'opera sulla mia generazione, sui nostri problemi, un film con molte emozioni, fatto di personaggi: una storia semplice su temi importanti. La storia breve che avevo tratto dal mio primo libro [Nothing Escapes the Squirrels] aveva tutti questi ingredienti, ed è stato quindi facile sceglierli. Non avevo problemi sugli argomenti, penso ci sia così tanto da dire a questo mondo, soprattutto ora.

Il punto di vista dei personaggi sulla vita è quello tipico dei giovani sloveni a quell'età (che è anche la sua)?
Penso che la maggior parte dei giovani sloveni senta di non poter cambiare nulla. I problemi sloveni hanno radici così profonde che è impossibile sradicarli. Siamo sempre stata una nazione polarizzata, soprattutto dalla II Guerra Mondiale, e i nostri politici ancora ne parlano, anche se non sono problemi della mia generazione. L'unico modo per riuscire è avere buone conoscenze. Non c'è lavoro e le case hanno prezzi assurdi. Quasi tutti i miei amici vivono coi genitori. Non abbiamo fiducia nel nostro sistema legale e penso che non c'importa più della Slovenia, perché neanche la generazione che dovrebbe guidarci non è interessata.

Qual è il suo prossimo progetto?
Una storia d'amore. Voglio girare un film senza luci e con una troupe minima. Un altro film incentrato sui personaggi. Con A Trip ho scoperto di non aver bisogno del 90% delle cose che la gente ti dice che è necessario avere per fare un film. Se hai grandi attori, una buona storia e sai cosa vuoi raccontare, alla gente piacerà e non guarderà altre cose. Voglio essere un regista libero, voglio che i miei attori siano liberi e non voglio pensare alle luci, alle lenti, ai microfoni - hanno solo bisogno di stare nel personaggio e recitare, e fare magie. E voglio essere lì quando questo accade.

titolo internazionale: A Trip
titolo originale: Izlet
paese: Slovenia
rivenditore estero: Insomnia World Sales
anno: 2011
regia: Nejc Gazvoda
sceneggiatura: Nejc Gazvoda
cast: Luka Cimprič, Jure Henigman, Nina Rakovec
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01