Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Nikolaj Arcel • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Sono molto orgoglioso di non aver fallito”

di 

- Il regista danese racconta il suo abbandono del presente per un dramma politico e sentimentale del XVIII secolo.

Intervista: Nikolaj Arcel • Regista

Il primo film selezionato al Festival di Berlino del danese Nikolaj Arcel, A Royal Affair [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nikolaj Arcel
scheda film
]
, ha conquistato due Orsi d'Argento, alla Miglior Sceneggiatura (Arcel, Rasmus Heisterberg) e al Miglior Attore (Mikkel Boe Følgsgaard).

Cineuropa: Di solito sceglie temi contemporanei e persone comuni. Perché una storia d'amore di corte del 1770?
Nikolaj Arcel: Conoscevo la storia sin da bambino, e mi aveva sempre affascinato. L'idea è venuta per caso, mentre passeggiavo nei Giardini Reali a Copenhagen, e mia sorella aveva iniziato a parlarne. Primo ci ho scherzato, poi dalla sera stessa è diventata una sfida.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ben dieci registi hanno tentato di realizzarla, alcuni hanno lasciato perdere per il budget, altri perché non riuscivano a chiudere la storia - lo script era problematico. Abbiamo trovato la soluzione con la scoperta che la Regina Carolina Matilde era una donna bella e intelligente, quindi parte naturale della storia politica.

L'hanno intrigata i personaggi o la storia?
I personaggi sono molto interessanti, e così la loro ricerca individuale della felicità, che è possibile trovare solo insieme. Nella storia ci sono eroi e cattivi, ma né Struensee né la Regina meritavano la loro sorte: lui decapitato, lei esiliata. Possiamo solo farci domande sul carisma e la personalità di Struensee, ma gran parte delle persone è convinta che il suo potere derivasse dall'amicizia con Re Cristiano VII. Divenne una sorta di figura paterna per lui, che si fidava ciecamente. E perse anche il potere, perché era un riformatore idealista che voleva cambiare tutto subito - troppo per la nobiltà e la gente.

Il casting è stato difficile?
Sono un grande fan di Mads (Mikkelsen), ed è stato la mia prima scelta per Struensee - per fortuna ha accettato. La Regina era difficile, abbiamo allargato la ricerca in Svezia e trovato Alicia (Vikander), radiosa come il sole: e sapevo che era lei (la vera Regina era inglese, e parlava danese con un forte accento). Mikkel (Boe Følgsgaard) come Re era una scommessa, studiava recitazione e non aveva mai fatto film, ma sentivo che aveva talento ed era una brava persona, e sarebbe stato divertente lavorarci.

Perché avete girato nella Repubblica Ceca e in Germania?
Praga e il resto della Repubblica Ceca offrivano le migliori location, sia per la Copenhagen del XVIII secolo che per i vecchi castelli non ancora restaurati. Purtroppo la maggior parte di essi è stata dipinta di giallo o di rosa, e noi volevamo il vecchio Christiansborg in arenaria, che abbiamo trovato a Dresda.

Il vero problema era l'illuminazione delle scene notturne, abbiamo utilizzato l'intera fornitura di candele di Praga nelle sette settimane di riprese lì: dovevamo cambiarle di continuo. Ci sono circa 200 scene in digitale, cinque a Christiansborg e altre fatte per rimuovere gli elementi moderni o cambiare il colore dei cieli.

È il film del suo grande successo?
Non so se A Royal Affair lo sarà, forse è tardi. Sono orgoglioso di tutti i miei film, ma se la gente sapesse soltanto quanto è difficile mettere in produzione un film simile con un budget danese, con costumi, parrucche, cavalli, una vecchia lingua, amore, politica, esecuzioni… Sono enormemente orgoglioso del fatto di non aver fallito. Non dico mai che i miei film sono perfetti, ma penso che abbiamo realizzato una storia grande e difficile in maniera soddisfacente.

Sarà difficile fare meglio?
Certamente. Sto considerando il mio prossimo film da regista, e nel frattempo scrivo sceneggiature per Zentropa di tre film dai thriller del danese Jussi Adler-Olsen sul Vicecommissario Carl Mørck ed il suo Dipartimento Q per casi speciali.

Ha scritto anche il primo Millennium [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Niels Arden Oplev
intervista: Søren Stærmose
scheda film
]
ed è stato consulente allo script per i suoi colleghi, come Lars von Trier, che ha lavorato con lei a A Royal Affair. Cos'ha imparato da lui?

Da Lars ho imparato molto, soprattutto il suo atteggiamento senza compromessi. È un narratore intelligente e ci ha aiutato parecchio durante il montaggio. Ma ho imparato soprattutto che nessuno sa fare ciò che fa lui - non bisognerebbe neanche provarci.

photogallery

titolo internazionale: A Royal Affair
titolo originale: En kongelig affære
paese: Danimarca, Svezia, Repubblica Ceca
rivenditore estero: TrustNordisk
anno: 2012
regia: Nikolaj Arcel
sceneggiatura: Rasmus Heisterberg, Nikolaj Arcel
cast: Mads Mikkelsen, Alicia Vikander, Mikkel Boe Følsgaard, Trine Dyrholm, David Dencik, Bent Mejding, Cyron Melville

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2012 In concorso
Miglior Attore (Mikkel Boe Følsgaard)
Miglior Sceneggiatura
Telluride Film Festival 2012 
Toronto International Film Festival 2012 
Hamptons International Film Festival 2012 
São Paulo International Film Festival 2012 
Arras Film Festival 2012 
Santa Barbara International Film Festival 2013 
Guadalajara Film Festival 2013 
Ekenäs Film Fest 2013 
Skopje Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs report

Newsletter

WTW Men on the Edge
Unwanted_Square_Cineuropa_01