Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Claudio Giovannesi • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

Un Alì pasoliniano, tra sentimenti e integrazione

di 

- Claudio Giovannesi approda al cinema di finzione con Alì ha gli occhi azzurri, applaudito dal pubblico al Festival di Roma, dove era in Concorso

Intervista: Claudio Giovannesi • Regista

Continuando la ricerca sulle problematiche adolescenziali e dell'integrazione culturale nelle periferie, iniziata con il mediometraggio Welcome Bucarest nel 2007 e il documentario Fratelli d'Italia nel 2010, Claudio Giovannesi approda al cinema di finzione con Alì ha gli occhi azzurri [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Claudio Giovannesi
scheda film
]
, applaudito dal pubblico al Festival Internazionale del Cinema di Roma, dove era in Concorso. Un film ricco di spunti ma che rimane essenziale e misurato, senza ostentare proclami sulle "primavere arabe". "Non è mia intenzione dare soluzioni. Tutto quello che ho fatto è stato mettere in evidenza un conflitto e le contraddizioni che sono alla base dell'integrazione. Probabilmente nel confronto e nel dinamismo di queste soluzioni possiamo intravedere speranza per il futuro" afferma Giovannesi nell'incontro con la stampa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è l'origine del titolo del film?
Claudio Giovannesi: Sono stato ispirato da Profezia, una poesia scritta da Pier Paolo Pasolini nel 1962, in cui prefigurava già l'avvento di una società multirazziale. Nei suoi versi si parla proprio di popoli che vengono dal mare per deporre sulle nostre rovine il germe della Storia antica. Inoltre, la prima volta che ho incontrato Nader indossava proprio delle lenti a contatto colorate e, ripensandoci dopo, mi è sembrato proprio una casualità interessante.

Dalla scelta di ambientare la vicenda sul litorale romano alla natura stessa dei personaggi, il film omaggia i "ragazzi di vita" di Pasolini. In che modo questi ragazzi di periferia si differenziano da quelli degli anni Sessanta?
Il mio non vuole essere un riferimento culturale ma un omaggio estetico e sentimentale. In modo particolare mi ha sempre emozionato lo sguardo puro con cui Pasolini riusciva ad osservare quel mondo. I ragazzi sono molto cambiati. Oggi ci troviamo di fronte ad una realtà interrazziale in cui le radici si scontrano con la società dei consumi. E' esattamente quello che accade a Nader quando, nonostante l'opposizione della famiglia, sceglie di confrontarsi con il mondo attuale.

Il film deriva dal tuo documentario Fratelli d'Italia, presentato proprio al Festival di Roma nel 2009. Perché ha scelto di riprendere il discorso e trasformarlo questa volta in un racconto cinematografico?
Volevo continuare a lavorare sul tema dell'adolescenza in un territorio piuttosto marginale come quello della periferia. Certo, rispetto alla realizzazione del documentario, abbiamo dovuto cambiare molte cose, soprattutto l'approccio dei ragazzi alla recitazione. In modo particolare, se prima spingevo Nader e i suoi compagni a non agire mai in funzione delle macchine da presa, questa volta li ho condotti verso una maggiore consapevolezza del lavoro di messa in scena. In questo modo ho potuto approfondire meglio anche gli aspetti sentimentali e quelli che riguardano la microcriminalità che li circonda.

Come avete realizzato in fase di scrittura la trasformazione di persone reali in personaggi?
Con il cosceneggiatore Filippo Gravino abbiamo frequentato i ragazzi per settimane, seguendoli sul treno che da Roma li riporta sul litorale di Ostia e trascorrendo con loro giornate intere. Poi, una volta raccolto tutto il materiale, abbiamo ragionato sul modo migliore per dargli la forma del racconto.

photogallery

titolo internazionale: Alì Blue Eyes
titolo originale: Alì ha gli occhi azzurri
paese: Italia
rivenditore estero: Intramovies
anno: 2012
regia: Claudio Giovannesi
sceneggiatura: Claudio Giovannesi, Filippo Gravino
cast: Nader Sarhan, Stefano Rabatti, Brigitte Apruzzesi, Marian Valenti Adrian, Cesare Hosny Sarhan, Fatima Mouhaseb

premi/partecipazioni principali

Festival Internazionale del Film di Roma 2012 In Concorso
Premio speciale della giuria
Premiers Plans Festival d'Angers 2013 
Göteborg International Film Festival 2013 
Stockholm Filmfestival Junior 2013 
Tribeca Film Festival 2013 
Brussels Film Festival 2013 
Sarajevo Film Festival 2013 
Gindou Film Festival 2013 
Thessaloniki International Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01