Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Guidovan Driel • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Il film spiega meno del fumetto originale”

di 

- Il graphic novelist olandese ha adattato una delle sue opere per il suo primo lungometraggio, The Resurrection of a Bastard.

Intervista: Guidovan Driel • Regista

Il graphic novelist olandese Guido van Driel ha adattato una delle sue opere per il suo primo lungometraggio, The Resurrection of a Bastard [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Guidovan Driel
festival scope
scheda film
]
. Il risultato è un film proposto di recente all'International Film Festival Rotterdam nel concorso Tiger.

Cineuropa: Qual è la prima idea che ha portato al graphic novel, adattato in seguito in un film?
Guido van Driel: La prima idea o scena che avevo in mente era quella di un uomo al quale sparano in un bagno dell'Arena di Amsterdam. È un criminale e ha un'esperienza ultraterrena e lascia il suo corpo, e vola sul pubblico durante la White Sensation [party dance nel quale sono tutti vestiti di bianco]. Mi fu commissionato un graphic novel sulla città di Dokkum [nella provincia settentrionale della Frisia]. Ero libero di fare ciò che volevo, e ho scelto una storia contemporanea ambientata in parte a Dokkum, anche se l'occasione era l'assassinio di San Bonifacio a Dokkum, avvenuto esattamente 1250 anni fa [nel 2004, anno della pubblicazione del graphic novel].

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come ha sviluppato la storia?
All'epoca c'era molta attenzione nei confronti della severa riforma dell'immigrazione nel paese e volevo farne qualcosa, e alla fine ho avuto una storia su un criminale di Amsterdam la cui personalità è cambiata dopo un'esperienza ultraterrena e si reca a Dokkum per trovare il suo assassino, e la storia di un rifugiato africano così traumatizzato da non riuscire a parlare della sua esperienza, e questo rende impossibile anche richiedere l'asilo politico, dato che non può raccontare cosa gli è successo. La prima volta che sono andato a Dokkum in macchina, il primo edificio che ho visto ospitava dei rifugiati, e ho capito che la storia che avevo inventato era qualcosa che poteva accadere nella vita vera.

Com’è arrivato al cinema?
Ho fatto un documentario nel 2000. Ho comprato una videocamera e iniziato a seguire uno che diceva: ‘Hai una videocamera? E allora seguimi!’. Era un uomo che cercava di allineare le tre religioni monoteiste in base ai diritti umani. Mi era sembrato subito giusto guardare attraverso la videocamera e vedere svolgersi la storia.

La sua esperienza di autore di graphic novel l’ha aiutata nel costruire il film?
Quando fai un graphic novel, pensi subito a come narrare la storia e dove mettere la ‘macchina da presa’. Sono stato fortunato a lavorare con il direttore della fotografia Lennert Hillege, che vede le cose anche meglio di me — è fenomenale. Avevamo parlato a colazione, durante le riprese, del lavoro della macchina da presa e ha portato delle grandi idee all’ultimo minuto. Ho fatto lo storyboard del film, perché è nella mia esperienza, ma ho scoperto che devi essere aperto ai cambiamenti perché sul set nulla sarà come l’avevi immaginato.

Cosa preferisce oggi, il graphic novel o il film?
Alcune scene del film sono state prese direttamente dal graphic novel, come la trota con i semi di melograno. Altre cose sono nel film ma non nel novel, ma ci sono disegni del graphic novel dei quali sono molto orgoglioso. Quello che amo del film è che spiega meno di quanto non facesse il fumetto originale. Quanto alla lista dei dialoghi non c’è quasi nulla, è spaventoso pensare di aver lavorato alla sceneggiatura per sei anni con il mio sceneggiatore Bas Blokker, e che il risultato finale sia giusto un paio di pagine di dialoghi. Abbiamo tagliato molto in fase di montaggio e preferisco che lo spettatore unisca lui stesso i puntini.

Conoscere così bene il materiale è stato un vantaggio? Molti esordienti non ce l'hanno…
Naturalmente sì, non ho dovuto preoccuparmi della storia né dell'aspetto visivo perché era già tutto chiaro, e mi sono potuto concentrare sul lavoro con gli attori e altre cose che conosco meno e di cui ho meno esperienza. È stato un grosso vantaggio.

photogallery

titolo internazionale: The Resurrection of a Bastard
titolo originale: De wederopstanding van een klootzak
paese: Paesi Bassi, Belgio
rivenditore estero: Wide Management
anno: 2013
regia: Guido van Driel
sceneggiatura: Bas Blokker
cast: Yorick van Wageningen, Goua Robert Grovogui, Juda Goslinga, Jeroen Willems

premi/partecipazioni principali

International Film Festival Rotterdam 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01