Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Danis Tanović • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

La regia è una visione del mondo

di 

- An Episode in the Life of an Iron Picker è stato proposto in prima mondiale in Concorso alla Berlinale. Gran Premio della Giuria e l'Orso d’Argento al Miglior Attore per Nazif Mujic.

Intervista: Danis Tanović • Regista

An Episode in the Life of an Iron Picker [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Danis Tanović
festival scope
scheda film
]
del regista bosniaco Premio Oscar Danis Tanović è stato proposto in prima mondiale in Concorso alla Berlinale. Tanović parla della realizzazione del film con attori non professionisti e della sua rabbia per le carenze del sistema nei Balcani.

Cineuropa: Come ha scoperto la storia di Nazim e Senada e perché ha deciso di fare un film con la coppia nel ruolo di se stessa?
Danis Tanović
: Un anno fa ho letto un articolo di giornale che raccontava la loro storia e mi ero arrabbiato. Sono andato a incontrare Nazif e Senada e all’inizio non sapevo cosa fare, sapevo solo di voler fare un film su di loro ma non sapevo che tipo di film. La terza volta che sono tornato lì ho avuto questa strana idea e ho detto ad Amra Bakšić Čamo [produttore], l’unico modo per fare questo film è che interpretino se stessi, perché per questo genere di storia non ha senso aspettare i finanziamenti di un film normale. Abbiamo fatto richiesta al fondo bosniaco e ricevuto 17.000 euro, e questo è stato il budget. Sono andato lì con una piccola troupe fatta di amici con i quali avevo lavorato ai miei film precedenti, hanno lavorato a salario minimo.
L’intero film è nato d’istinto, non lo avevo pianificato: credo molto nell‘istinto. Dopo tutti questi anni ho capito che la regia è il tuo punto di vista sul mondo. Puoi insegnare a chiunque le tecniche di base, ma il resto è fatto di sentimenti, che hai o non hai. E il mondo io lo vedo così.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Aveva una sceneggiatura?
No. Ho chiesto a Nazif di raccontarmi la storia e ho scritto i momenti che mi sembravano importanti per il film. Poi ogni giorno rimettevamo in scena quello che era successo: non c’era una sceneggiatura, raccontavamo la loro vita giorno per giorno. Nel film non ci sono attori, né production design o effetti speciali. Ci sono solo due medici che non sono i medici che c’erano nella realtà, per ovvie ragioni, ma erano comunque medici veri.

Com’è stato lavorare con attori non professionisti?
Dicevo loro di non recitare, perché non sanno farlo. Ogni ripresa del film era un primo o una secondo ciak — alla terza ripresa iniziavano a “recitare”, ed era la fine. Un non professionista riesce a dare al film qualcosa che un attore non sa dare.

La rabbia contro il sistema o la sua assenza e le circostanze nelle quali siamo costretti a vivere è addirittura più ovvia in questo film che in altri di paesi della ex-Jugoslavia.
L’unico sistema più o meno esistente è in Slovenia. Il resto sono tattiche di sopravvivenza al posto di una strategia per trovare una via d’uscita. Nessuno vuole ammetterlo, ma il sistema sta crollando. Tutti questi paesi hanno un alto debito e presto il diavolo verrà a prendersi la sua parte. Lo ha già fatto, nella categoria delle minori entrate — sono i primi ad affogare nei periodi duri.
Amo davvero il mio paese ma non mi sento felice quando accadono queste cose — anzi, arrabbiato e triste. L’unica cosa che ci salva è la gentilezza delle persone. Quando non c’è più, siamo finiti. La ragione di questo film è che ho capito che queste persone sono gentili e affettuose. Non siamo in contatto con la popolazione rom, li incontriamo solo quando chiedono l’elemosina per strada o ti lavano il parabrezza. Non ero mai stato in un villaggio rom o passato del tempo con loro. Un mio caro amico, quando ha visto il film, mi ha detto che non li avrebbe più guardati nella stessa maniera. E per me è la cosa più importante di questo film.

photogallery

titolo internazionale: An Episode in the Life of an Iron Picker
titolo originale: Epizoda u zivotu beraca zeljeza
paese: Bosnia-Erzegovina, Francia, Slovenia
rivenditore estero: The Match Factory
anno: 2013
regia: Danis Tanovic
sceneggiatura: Danis Tanovic
cast: Nazif Mujic, Senada Alimanovic, Semsa Mujic, Sandra Mujic

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2013 Orso d'argento - Gran premio della giuria
Orso d'argento del miglior attore (Nazif Mujic)
Hong Kong International Film Festival 2013 
Sydney Film Festival 2013 
Karlovy Vary Film Festival 2013 
Jerusalem Film Festival 2013 
New Horizons Film Festival 2013 
Sarajevo Film Festival 2013 
Film by the Sea Film Festival 2013 
Toronto International Film Festival 2013 
Rio de Janeiro International Film Festival 2013 
London Film Festival 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01