Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Iulia Rugina • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

Far emergere emozioni potenti

di 

- Il debutto di Iulia Rugina, Love Building, ha conquistato il pubblico del Transylvania International Film Festival

Intervista: Iulia Rugina • Regista

Il debutto della regista rumena Iulia Rugina, Love Building [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Iulia Rugina
festival scope
scheda film
]
, ha conquistato il pubblico del B’est International Film Festival di Bucarest e del Transylvania International Film Festival di Cluj-Napoca, e uscirà nel paese il 13 settembre. La regista racconta a Cineuropa l’insolita realizzazione del film e la situazione locale della distribuzione e dell’esercizio.

Cineuropa: Com’è nata l’idea di Love Building e come ha lavorato al film?
Iulia Rugina
: Love Building è il risultato di un corso privato di recitazione, dedicato ad attori amatori e professionisti interessati a recitare in un film, tenuto da Dragos Bucur, Dorian Boguta e Alexandru Papadopol. Ogni sessione del corso dura quattro mesi e si conclude con un corto. Con Love Building abbiamo deciso di mettere insieme tre gruppi e invece di fare tre corti abbiamo girato un lungometraggio.
Insieme [Rugina e gli sceneggiatori Oana Rasuceanu e Ana Agopian] abbiamo trovato un’idea per una storia che potesse includere 34 attori ed essere girata con sforzi finanziari minimi — una location, dieci giorni di riprese. E abbiamo avuto così l’idea del campo. Abbiamo scritto una breve sinossi con la premessa e iniziato a sviluppare i personaggi. Abbiamo fatto un elenco di tutti i problemi relazionali che ci venivano in mente e poi li abbiamo divisi fra le coppie. Abbiamo poi sviluppato ciascuno di essi e scritto una breve biografia delle coppie e della loro relazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un hit di pubblico come questo è raro nel cinema rumeno: lo ha fatto intenzionalmente?
Ho sempre pensato alla ‘gente’ quando facevo film. E i film che ho girato fino ad oggi nascevano da emozioni così forti da spingermi a condividerle, e ho capito che potevano arrivare al pubblico. Questo mi rende felice come filmmaker: nei miei film cerco di dare emozioni forti al pubblico.
Le emozionidi Love Building sono positive — dolci e amare, indubbiamente. Dopo tutto si parla di amore, dell’innamorarsi, delle relazioni, cose che abbiamo provato tutti a livelli diversi. È facile entrarci in contatto, è antidepressivo e ha toni da commedia e belle persone, probabilmente sarà un successo di pubblico.

Pensa che il cinema rumeno abbia il potenziale per rendere i film più accessibili e aumentare gli incassi ai botteghini?
Penso onestamente che il cinema rumeno possa prendere una direzione ancora inesplorata: film per il pubblico, commedie, allegre e divertenti, film da sabato sera e domenica pomeriggio. Penso che il pubblico rumeno ne abbia bisogno e che ora abbia due estremi: i film di valore artistico, complessi e apprezzati della Romanian New Wave e commedia di bassa qualità, di genere sitcom. Non c’è un livello intermedio e quindi la differenza fra i due è spesso troppo grande.
Penso che il pubblico rumeno abbia bisogno di una educazione cinematografica. Non puoi aspettarti che facciano un salto dalla TV (dove guardano programmi di intrattenimento basato sul gossip o terribili soap opera) e apprezzino film come 4 Mesi, 3 Settimane, 2 Giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
o Police, Adjective [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Corneliu Porumboiu
scheda film
]
. Il pubblico rumeno non è né stupido né ultra-intellettuale, ma a volte rifiuta di andare al cinema a vedere un film rumeno proprio perché è rumeno. Se questo cambierà, se il pubblico rumeno avrà fiducia nella capacità del cinema rumeno di intrattenere, penso ci siano buone opportunità che le sale tornino a riempirsi di film locali. E questo potrebbe causare un effetto a cascata su produzione e distribuzione.

Qual è il suo ultimo progetto? 
Sono in post-produzione di un corto prodotto da Actoriedefilm.ro, la stessa scuola di recitazione che ha prodotto Love Building, con nove attori del film.
E poi c’è un progetto di lungometraggio a cui lavoro da anni, Breaking News, prodotto da Libra Film, che spero di riuscire a girare in inverno. Doveva essere il mio debutto ma a volte la vita supera le nostre intenzioni, e Love Building è diventato il primo.
In termini estetici e narrativi, Breaking News è l’opposto di Love Building — è ambientato in inverno, in un ambiente glaciale, ed esplora la cupezza e i tormenti dell’animo umano. È il lato oscuro della mia personalità e voglio farlo uscire. 

photogallery

titolo originale: Love Building
paese: Romania
rivenditore estero: MediaPro Pictures
anno: 2013
regia: Iulia Rugină
sceneggiatura: Ana Agopian, Oana Rasuceanu, Iulia Rugină

premi/partecipazioni principali

Bucharest International Film Festival 2013 
Transylvania International Film Festival 2013 Romanian Days selection
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01