Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Eugenio Mira • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Il cinema è una tecnica, come un piano"

di 

- A 36 anni, il regista originario di Alicante, spalleggiato dal suo collega Rodrigo Cortes nel ruolo di produttore, lancia un thriller già selezionato a Austin, Sitges e Londra.

Intervista: Eugenio Mira • Regista

Eugenio Mira, compositore e regista, si fece notare nel 2004 con il suo film d'esordio, la commedia horror The Birthday; il suo lavoro successivo, Agnosia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, era un film romantico realizzato con una forma barocca, ripresa nel suo nuovo lungometraggio, Il ricatto [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Eugenio Mira
scheda film
]
(Grand Piano), girato tra la Spagna e Chicago, in inglese e con le star americane Elijah Wood e John Cusack nei ruoli principali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è nato l'ambizioso progetto Il ricatto?
Eugenio Mira: Sebbene Luces rojas di Rodrigo Cortés non sia stato un fenomeno come Buried [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rodrigo Cortés
scheda film
]
, le società di vendite internazionali in Europa e Stati Uniti hanno mostrato grande interesse per la sua casa di produzione, Nostromo Pictures: chiedevano che progetti avesse, perché questa compagnia punta su idee molto precise che si possono vendere facilmente, gli "high concept". I venditori hanno detto a Cortés e al suo socio, Adrián Guerra: "Se vi specializzate in questo genere di progetti, vi sosterremo". Questo permette di girare con il denaro delle pre-vendite e con la garanzia che gli investitori rientrino dei loro soldi, e ci guadagnino anche. In alcuni paesi, le imprese approfittano degli incentivi fiscali e decidono di destinare una parte dei loro ricavi all'audiovisivo. Tutto è sempre meno caro e l'insicurezza sui mercati internazionali è tale che la figura del produttore classico non esiste più, a meno che non sia un finanziatore di Abu Dhabi o cinese.

E' impossibile parlare del suo film senza citare i tanti riferimenti cinematografici che contiene…
E' normale: il VHS è stato molto importante nella mia formazione come cineasta, molto più delle sale di cinema. Vedevo i film a casa, con mia sorella, e commentavamo a voce alta. Il miglior cinema commerciale della storia è stato fatto negli anni Ottanta, Fritz Lang non fece mai film per ragazzi: un film come E.T., firmato da un genio come Spielberg, non era mai stato fatto prima. Così, a otto anni vedevo E.T. e rimanevo allucinato; o Gremlins, che oggi sarebbe vietato in tanti paesi. Non lo dico per nostalgia: è un film pazzesco. Adoro Brian de Palma, specialmente Blow Out, amo il modo in cui è girato. Ho conosciuto Quentin Tarantino a Sitges e abbiamo avuto un momento di complicità quando mi ha detto che anche per lui era il miglior film di De Palma. Mi piacciono anche i thriller di cospirazione di Alan J. Pakula e il cinema di Scorsese e Polanski.

Come è arrivata la sceneggiatura del film nelle sue mani?
Con questo film mi sento molto tranquillo perché non sono lo sceneggiatore. Dirigere significa raccontare qualcosa seguendo una cadenza, in modo concreto. Sia Bergman che Hitchcock, sebbene raccontassero cose diverse, dovevano usare la camera nello stesso modo, così come è necessario utilizzare un microfono in un concerto. Il cinema è una tecnica, come un piano. Io non avrei mai scritto Il ricatto; lo sceneggiatore, Damien Chazelle, stava per dirigerlo ma poi è passato a un altro progetto e il suo entourage gli ha raccomandato di metterlo sul mercato, perché anche se aveva degli elementi da aggiustare, qualcuno lo avrebbe comprato. E così è stato. Sono arrivato io e ho afferrato il progetto: Il ricatto è al 100% regia. Si è realizzato il mio sogno giovanile di avere qualcuno che mi scrivesse un soggetto, e sono molto contento. Il film funziona perché la sceneggiatura funziona, senza pensare all'assurdo e alla mancanza di logica che contiene: funziona in un modo che va oltre tutto questo. Non ho cambiato quasi niente: il merito è tutto di Damien. Mi piace pensare al film come a una canzone che puoi fischiettare, ma con un testo che ti fa riflettere… ma che è innanzitutto buona musica.

Qual sarà, ora, il percorso del film?
A gennaio sbarcherà negli Stati Uniti, distribuito da Magnolia Pictures, che lo lancerà sia in sala che in VoD: questa modalità di uscita è al momento la migliore. Prima di essere presentato, lo scorso settembre, al Fantastic Fest de Austin, Il ricatto era stato già venduto in oltre 30 paesi grazie all'audacia di Rodrigo e Adrián: per questo, non sono pionieri solo in Spagna, ma in tutto il pianeta Terra.

photogallery

titolo originale: Grand Piano
paese: Spagna
rivenditore estero: The Solution Entertainment Group/USA
anno: 2013
regia: Eugenio Mira
sceneggiatura: Damien Chazelle
cast: Elijah Wood, John Cusack, Tamsin Egerton, Alex Winter, Kerry Bishé, Allen Leech, Dee Wallace

premi/partecipazioni principali

Austin Fantastic Fest 2013 
Fantastic Fest 2013 
Sitges Film Festival 2013 
Torino Film Festival 2013 
Karlovy Vary Film Festival 2014 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01