Scegli la lingua en | es | fr | it

Q&A: Michel Hazanavicius • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Ho provato a fare un film il più umano possibile”

di 

- CANNES 2014: Cineuropa ha raccolto le dichiarazioni del regista premio Oscar Michel Hazanavicius al termine della proiezione di The Search

Q&A: Michel Hazanavicius  • Regista

Cineuropa ha raccolto le dichiarazioni del regista premio Oscar Michel Hazanavicius al termine della proiezione di The Search [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Michel Hazanavicius
scheda film
]
, presentato in anteprima in concorso al 67mo Festival di Cannes. Da una parte, il film mette in scena Bérénice Bejo, spettatrice dei danni collaterali del conflitto ceceno del 1999, e dall'altra, l'iniziazione alla violenza di un militare russo trascinato nel circolo vizioso della guerra.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dopo il successo di The Artist [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michel Hazanavicius
scheda film
]
, è stato più semplice fare questo film?
Michel Hazanavicius: Non ho mai avuto l'impressione di fare film semplici. Parto sempre da uno o più desideri. Volevo raccontare questa storia che è stata poco raccontata, eccetto che dai giornalisti che l'hanno trattata nell'ambito dell'attualità dell'epoca. La storia aveva questa temporalità limitata prima di cadere nell'oblio. Era essenziale per me raccontarla al cinema perché rimanesse. Nel fare The Artist, ho fatto una scommessa un po' folle facendo tutto quello che non andava fatto in quanto regista per ottenere un film che si è rivelato un grande successo commerciale. Dopo, mi sono ritrovato con molte porte aperte e mi sono detto che era il momento buono per andare su questa strada ambiziosa, ma necessaria. 

Qual è stato il vostro lavoro di adattamento al momento di rivisitare il film americano del 1948?
Il film è liberamente ispirato a quello di Fred Zinnemann. Ho complicato la storia aggiungendo l'itinerario del soldato che perde la sua umanità e incrociandola con quella del bambino che, nel film originale, è un soldato americano. Dopo, si trattava soprattutto di adattare questa storia con gli ingredient del conflitto moderno. Il conflitto ceceno è una guerra che ha fatto l'80% di vittime civili contro il 20% della Prima Guerra mondiale. Per la Seconda Guerra mondiale, la ratio era del 50/50. Tra il 1914 e il 2014, il rapporto tra le vittime civili e militari si è invertito. Per forza di cose, questi paramentri danno un film molto diverso dall'originale.

Ha concepito questo film come un messaggio politico?
Il film non mette in causa le persone. Ho cercato di farlo nel modo più umano possibile con personaggi che non hanno convinzioni politiche. Mentre giravamo questa storia, non sapevamo che si sarebbe ripetuta di lì a poco con gli stessi protagonisti. Tutto questo è decisamente molto attuale e riguarda necessariamente la politica, soprattutto europea.

Uno dei segmenti del film è molto simile al Full Metal Jacket di Stanley Kubrick. Questo riferimento evidente ha messo una pressione ulteriore sulle riprese?
Sì. Non pretendo di giocare nello stesso campo di Kubrick ovviamente, ma ho rivisto Full Metal Jacket prima di fare il mio film per ispirarmi al suo trattamento e alla sua costruzione molto complessa. Il personaggio del mio film cambia completamente, come nel film di Kubrick. Questo mette tanta pressione, ma oggi non puoi filmare più niente senza l'ombra di un maestro che lo ha perfettamente fatto prima di te. Bisogna lanciarsi e appropriarsi della materia, altrimenti non fai proprio nulla.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: The Search
titolo originale: The Search
paese: Francia
rivenditore estero: Wild Bunch
anno: 2014
regia: Michel Hazanavicius
sceneggiatura: Michel Hazanavicius
cast: Bérénice Bejo, Annette Bening

premi/partecipazioni principali

Cannes Film Festival 2014 In concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Cannes NEXT
Italian Pavilion Cannes