Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Roy Andersson • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Film universali e senza tempo"

di 

- VENEZIA 2014: Cineuropa ha incontrato Roy Andersson per parlare delle sue fonti d'ispirazione e di come ha finanziato il suo ultimo film, Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Intervista: Roy Andersson  • Regista

Il premiato regista svedese Roy Andersson si è costruito una reputazione internazionale col suo esordio, A Swedish Love Story, vincitore di quattro riconoscimenti al Festival di Berlino nel 1970. Nel 1981, ha creato il suo Studio 24 a Stoccolma e prodotto pubblicità per finanziare indipendentemente i suoi film. Ha creato uno stile cinematagrafico unico per The Living Trilogy, e Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Roy Andersson
scheda film
]
, Leone d'Oro a Venezia

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Nei suoi film ama combinare età, assurdità e morte: vengono ricevuti allo stesso modo da culture diverse?
Roy Andersson: Èstupefacente il fattodi essere simili ovunque viviamo. Abbiamo delle cose basilari in comune, che sentiamo, come il rispetto, la paura, la felicità e la tristezza. A volte la pensiamo in modo diverso, ma nei più profondi recessi dell'anima siamo molto vicini. Anche le persone di un piccolo villaggio africano pensano alle stesse cose; come sopravvivere, essere felici, mangiare, bere e avere figli. 

Qual è il significato del suo film?
La tensione che esiste fra banale e serio, lo spettro ampio della vita, dell'esistenza. Per me, tre sono i temi più importanti: uno è la mancanza di empatia, una cosa molto brutta; soprattutto oggi; lo mostra la crescente mancanza di rispetto. La vulnerabilità è un altro dei miei temi. Per me è triste vedere persone vulnerabili essere umiliate. E anche l'umiliazione è un tema che mi preoccupa. 

Quali sono le sue fonti di ispirazione?
La vita. Ho visto e vissuto alcune situazioni. A volte la vita è molto comune, banale e poco interessante. A volte è molto interessante, affascinante e anche spavetosa. Amo davvero questo mix, e mi piace mischiare i tempi. Nel film ci sono molti anacronismi, che uniscono passato e giorni nostri. Sono felice di essere riuscito a farlo, prima ero più realista. Dopo 15 anni ero stanco e mi sono sentito coraggioso abbastanza da abbandonare il realismo e passare all'astrazione.

Cosa le ha fatto cambiare approccio?
Mi sono ispirato ad un tedesco che aveva vissuto esperienze cruente durante la I Guerra Mondiale. Otto Dix è il numero uno nella Nuova Oggettività, i suoi quadri hanno un campo visivo profondo. All'inizio della carriera non ce l'avevo e mi concentravo molto sui volti, lasciando la nebbia sullo sfondo. Oggi per me è impossibile girare una scena senza un ampio campo visivo, ma richiede più tempo e denaro. Ecco perché preferisco stare in studio. Come Matisse, dico togli tutto quello che non serve per le immagini. Le mie immagini oggi sono purificate, voglio che siano universali e senza tempo. Per ottenere la qualità universale, preferisco avere lo stesso colore della pelle sugli attori e abiti dai colori tenui. Non tornerò più al realismo. 

Che tipo di esperienza ha fatto con Ingmar Bergman alla scuola di cinema?
Era un osservatore nella nostra scuola di cinema in Svezia, quando mi diplomai, tanti anni fa. Due volte l'anno dovevamo andare in ufficio da lui e ci diceva cosa fare. All'epoca ero molto impegnato in dimostrazioni contro la Guerra in Vietnam. Era un scuola generosa, potevamo prendere in prestito una macchina da presa per due anni e avere il materiale per girare, e i costi di sviluppo erano coperti. Quando Ingmar Bergman capì che usavamo quelle risorse per filmare le dimostrazioni si arrabbiò molto. Mi avvertì: "Se continui a usare le cose che hai il privilegio di ottenere qui non riuscirai mai a girare un film". 

E cosa fece?
Non prestai attenzione all'avvertimento. Sapevo che avrebbe perso la battaglia alla lunga. 

In passato ha finanziato i suoi film producendo pubblicità. Come ha finanziato questo film?
Ho creato un mio studio per produrre pubblicità, ma questa volta non ho avuto bisogno di interrompere il processo per girare pubblicità per denaro, e ne sono felice. Spero di non dover più girare spot per finanziare i miei prossimi film, la qualità della pubblicità è calata. Mi vergogno quasi di essere coinvolto in quel business. All'inizio della mia carriera, c'erano ottime pubblicità in giro.

Come ha finanziato Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza?
Ho ottenuto il supporto di Film- und Medienstiftung NRW in Germania, CNC in Francia, Eurimages, Arte, e Swedish e Norwegian Film Institute, oltre alle prevendite. In totale avevamo un budget di 40M di corone svedesi, circa 4M€.

Comè riuscito a lavorare ai suoi film per così tanto tempo e mantenere disponibili gli attori?
Devi trovare delle soluzioni. Penso che lavoriamo in modo molto economico: è possibile usando il mio studio, e nel mio tempo libero. Investo molto del mio e spero di avere qualcosa indietro in futuro. Per questi tre film ho dovuto prendere un prestito in banca. Voglio controllare il mio lavoro, e non voglio cederlo ad un'altra compagnia. 

Di cosa parlerà il suo prossimo film?
Sarà ispirato ai quadri Los Caprichos di Goya. Lo girerò nuovamente in digitale.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence
titolo originale: En duva satt på en gren och funderade på tillvaron
paese: Svezia, Germania, Norvegia, Francia
rivenditore estero: Coproduction Office
anno: 2014
regia: Roy Andersson
sceneggiatura: Roy Andersson
cast: Holger Andersson, Nisse Vestblom

premi/partecipazioni principali

Venice Film Festival 2014In concorso
Leone d'oro del miglior film
Fribourg International Film Festival 2015 
Belfast Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Astra

Newsletter

EPI Distribution
LIM