Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Carlos Vermut • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Sono un novellino nel mondo del cinema”

di 

- Dopo il suo debutto a Toronto, il secondo film del regista spagnolo Carlos Vermut, Magical Girl, vince a San Sebastian la Concha d'Oro del miglior film e la Concha d'Argento del miglior regista

Intervista: Carlos Vermut • Regista

Dopo il successo del suo primo lungometraggio, Diamond Flash, debuttato in rete, il regista 34enne madrileno, Carlos Vermut, passa in prima divisione con Magical Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Carlos Vermut
scheda film
]
, che si è rivelato uno dei film più sorprendenti del Festival di San Sebastian del 2014, dopo la prima mondiale al Festival del Cinema di Toronto

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il suo primo film, Diamond Flash, debuttato in rete, è diventato un cult. È stato sorpreso dal successo che ha riscosso?
Carlos Vermut: Non ho mai pensato di fare del cinema il mio mestiere. Avevo girato alcuni cortometraggi e avevo in mente di fare un film: pensavo di caricarlo su YouTube o proiettarlo nel bar di qualche amico. Il film è cresciuto grazie all'accoglienza degli spettatori. Dato che non sono mai stato a San Sebastian, il festival non mi preoccupa: la prenderò come una vacanza, senza sentire la pressione come i veterani del settore. Sono un novellino nel mondo del cinema. 

Quindi Toronto, dove era un paio di giorni fa, è stato il suo primo festival?
No, prima sono stato al Festival di Austin, dove si passa la giornata a mangiare nachos e a sparare con il fucile: è molto divertente. Pensavo che fossero tutti così, ma mi sbagliavo: a Toronto ci si perde tra così tanti film. Magical Girl è andato bene e le critiche sono state positive. Ma mi sarei sorpreso se fosse piaciuto a tutti perché è un film molto radicale.

Com'è stato passare da un film da 20.000 euro a uno con un budget di mezzo milione?
Più che nel risultato finale, la differenza sta nel fatto che puoi concentrarti nella regia invece di perdere tempo a fare panini. Ma l'esperienza di produzione guerrilla per Diamond Flash mi è servita anche per Magical Girl: siamo stati molto pragmatici ed è per questo che il film sembra più costoso di quello che è in realtà. 

Le piace che l'abbiano soprannominata il portabandiera del cinema low cost?
Appoggio il desiderio di coloro che vogliono fare cose creative con la telecamera. Incoraggio tutti quelli che vogliono girare un film; tuttavia, temo che i produttori sfruttino questo fattore per abbassare i salari e per non pagare la gente. Preferisco girare con una piccola troupe in cui tutti vengano pagati, piuttosto che averne una enorme in cui nessuno venga retribuito. 

Sebbene il suo primo film abbia debuttato in rete, preferisce che i suoi film vengano visti nelle sale cinematografiche?
Il rapporto tra lo spettatore e lo schermo del cinema è diverso da quello con il computer: in questo caso, si può decidere quando far iniziare il film, è possibile metterlo in pausa o spegnerlo e non si è circondati da persone in silenzio. Ciò significa che il film deve essere così interessante da non farti venire voglia di metterlo in pausa, come succede nel caso delle serie TV, che hanno le sceneggiature migliori. Invece, i film al cinema sono destinati ad essere degli spettacoli visivi perché bisogna sfruttare la grandezza dello schermo. A casa è diverso: siamo nell'era dei Transformers e degli eroi della Marvel. Al giorno d'oggi, sono le società specializzate in effetti digitali a regnare su Hollywood. 

Il cast di Magical Girl è eccezionale. Sono stati gli attori a ispirarle le storie che interpretano?
Assolutamente sì! Ho iniziato a scrivere lo sceneggiatura nell'agosto del 2012 e poi Sara Bilbatúa mi ha aiutato con il casting. Abbiamo cambiato i personaggi: quello di Bárbara Lennie doveva essere una donna di 50 anni e quello di José Sacristán doveva essere più giovane di lei. Si fanno varie prove e la sceneggiatura diventa come un cubo di Rubik: prima di completare una faccia, bisogna stravolgere le altre. 

Nel film si parla anche di problemi economici, come ad esempio nel caso del personaggio che vende i suoi libri a peso...
Non volevo girare un film a sfondo sociale e non sono un moralista, ma la realtà va di pari passo con i miei personaggi. Al giorno d'oggi, i contenuti si comprano a peso, come ad esempio in televisione. Vogliamo delle tariffe standard per vedere tanti contenuti, anche se sono mediocri: alla qualità, preferiamo la quantità. È così che vanno le cose oggi. 

Lei viene paragonato a Tarantino, Kaurismaki, Haneke...
Abbiamo bisogno di punti di riferimento, fanno parte della nostra educazione, ma temo che più si faccia cinema, più ci si allontani dalla realtà. Non si può vivere in un mondo fatto di film, la realtà è molto più interessante. Non voglio perdere contatto con il mondo reale che mi circonda. Bisogna lottare affinché ciò non accada. Tarantino ha perso contatto con la realtà, ma non è il caso di Almodóvar, il quale ha recentemente parlato dei suoi video preferiti su YouTube, elemento che ho voluto inserire nel mio film.

(Tradotto dallo spagnolo)

photogallery

titolo internazionale: Magical Girl
titolo originale: Magical Girl
paese: Spagna, Francia
rivenditore estero: Films Distribution
anno: 2014
NOTFOUND_filmregia_it: Carlos Vermut
NOTFOUND_filmsceneggiatura_it: Carlos Vermut
NOTFOUND_filmattori_it: Bárbara Lennie, José Sacristán, Luis Bermejo, Israel Elejalde, Alberto Chaves

premi/partecipazioni principali

Toronto International Film Festival 2014 
San Sebastián International Festival 2014 Conchiglia d’oro
Goyas 2015Miglior attrice
Beaune International Thriller Film Festival 2015 
Brussels Mediterranean Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Film Business Course

Newsletter

WBImages Locarno