Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Ivan I. Tverdovsky • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Le scuole speciali sono come prigioni”

di 

- Con Corrections Class, il regista russo Ivan I. Tverdovsky si è portato a casa il Premio Speciale della Giuria e il Premio Cineuropa nella 16ma edizione del Festival del Cinema Europeo di Lecce

Intervista: Ivan I. Tverdovsky  • Regista
© Michal Cizek/Agence France-Presse

Nato nel 1988, il regista russo Ivan I Tverdovsky, autore di una serie di documentari premiati ai festival internazionali, ha realizzato la sua opera prima, Corrections Class [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ivan I. Tverdovsky
scheda film
]
, girato in una classe speciale di bambini disabili. Il film, co-prodotto con la società tedesca Jomami Filmproduktion e già premiato a Karlovy Vary (leggi la recensione), a Cottbus, a Salonicco e a Marrakesh, si è portato a casa il Premio Speciale della Giuria e il Premio Cineuropa durante la 16ma edizione del Festival del cinema europeo di Lecce.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: La storia di Corrections Class è basata sul romanzo della psicologa Ekaterina Murashova. Come ha realizzato il progetto del film? Che differenze ci sono rispetto al libro?
Ivan I Tverdovsky: I miei produttori mi hanno invitato a prendere parte al loro progetto. Ho letto una sceneggiatura basata sul romanzo Corrections Class di Ekaterina Murashova. Ho pensato che fosse una storia obsoleta e molto noiosa. Voglio dire: una vecchia signora scrive una storia che parla di amicizia e tradimento, ma senza riuscire a capire questo tipo di ambiente o la vita reale dei suoi personaggi. Ho detto di voler vedere una vera classe differenziale in Russia. Abbiamo provato a vedere con i nostri occhi la situazione reale nelle scuole speciali. Sembrava di essere in prigione. Mi ha sconvolto e sentivo il bisogno di parlarne.

Questo film è un ritratto crudo del sistema scolastico russo per i bambini disabili. È stato proiettato nelle sale russe? Quali reazioni ha suscitato?
Penso che la fortuna sia stata dalla nostra parte. Dopo la premiere al Kinotavr Russian Film Festival, la 20th Century Fox e la A-Company volevano distribuire il film nei cinema russi. È stato proiettato in circa 300 sale e ha ottenuto buoni risultati al botteghino. Uno dei maggiori canali televisivi russi ha anche mandato in onda Corrections Class sul piccolo schermo.

Come si è preparato per il film? Che genere di ricerche ha fatto?
Mi piacciono molto i film documentari: prima di Corrections Class, ne ho realizzati otto. Questa volta l’intenzione era quella di mescolare finzione e documentario. Ci ho messo del mio nella sceneggiatura, poiché la reputavo la parte più importante. Prima di iniziare le riprese, ho frequentato davvero delle lezioni tenute nelle classi differenziali. Ho constatato che agli insegnanti non piace molto questo programma scolastico e che lo vedono come un fardello parte della routine quotidiana. Non avevo comunque intenzione di creare un film di nicchia, ma piuttosto di realizzare un film che parlasse di crescita, nel quale chiunque sia stato studente a 15 anni possa immedesimarsi.

Ha dichiarato che Dancer in the Dark ha influenzato la realizzazione di questo film. Può dirci di più a proposito e parlarci delle sue referenze cinematografiche?
Sono cresciuto in una famiglia di registi. Mio padre è un famoso regista e documentarista russo ed europeo. Quando a casa è arrivato un videoregistratore, abbiamo noleggiato gli ultimi film di Von Trier. Avendoli visti da bambino, hanno avuto un forte impatto su di me. Mi piacciono davvero molto i registi di documentari indipendenti russi e sovietici, nonché Von Trier.

Il film ha partecipato a molti festival ed è stato premiato più volte. È stato venduto in altri Paesi europei per essere distribuito nelle sale cinematografiche? Ci sono altri festival all’orizzonte?
Ci sono un paio di eventi in programma – per esempio, il Taipei International Film Festival, dove il film compete nella sezione Young Talents. Purtroppo la distribuzione è complicata e non parteciperemo a nessuno dei tre eventi chiave (Venezia, Berlino, Cannes), non abbiamo nessun attore famoso nel cast e trattiamo un argomento delicato, quindi è difficile abbattere le barriere della distribuzione. Per il momento, abbiamo venduto solo a Taiwan. Ci auguriamo che il Premio Cineuropa abbia un’eco e ci aiuterà nella ricerca di distributori europei. 

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Corrections Class
titolo originale: Klass korrektsii
paese: Russia, Germania
anno: 2014
regia: Ivan Tverdovsky
sceneggiatura: Ivan Tverdovsky
cast: Maria Poezhaeva, Filipp Avdeyev, Nikita Kukushkin, Artem Markaryan, Irina Vilkova

premi/partecipazioni principali

Karlovy Vary Film Festival 2014 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

courgette oscar shortlist
suspi_2016_web300x250