Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Jeppe Rønde • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Come si può spiegare il senso della vita?"

di 

- Ci sono voluti sette anni al documentarista danese per terminare Bridgend - il suo primo lungometraggio di finzione - su fatti realmente accaduti.

Intervista: Jeppe Rønde • Regista

Dopo una serie di premiati documentari, il regista danese Jeppe Rønde ha presentato il suo primo lungometraggio di finzione, all'inizio di quest'anno - ma erano eventi di vita reale quelli che voleva descrivere in Bridgend [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
scheda film
]
: un'ondata di suicidi tra adolescenti in un'ex città mineraria nel Galles meridionale, Regno Unito. Il film è ora in tour nei festival internazionali - e più di recente ha vinto tre premi al Tribeca di New York: Miglior Attrice, Miglior Fotografia e Miglior Montaggio Narrativo. Il film uscirà in Danimarca tramite Camera Film il 25 giugno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Cineuropa: Com'è venuto a conoscenza dei suicidi a Bridgend, e perché ha deciso di trattare l'argomento?
Jeppe Rønde: Dopo aver letto un articolo sui suicidi in un giornale danese nel 2008, ho deciso di andare a Bridgend e scoprire se ci fosse del vero in ciò che suggeriva - che i suicidi erano collegati, magari attraverso un culto suicida di internet, perché tutti i giovani erano sul web e si conoscevano nella vita reale. Quando sono arrivato a Bridgend la prima volta sentivo che c'era qualcosa nell'aria, che ho riconosciuto da quando vivevo a Gerusalemme durante la seconda intifada nel 2002 e giravo Jerusalem My Love, circa la natura della fede durante la guerra. Sia la guerra che la religione prevalgono sul tuo ego - riguardano un noi comune - ed è ciò che ho incontrato a Bridgend. C'era una mancanza di ego tra i giovani, che più o meno consapevolmente agivano come un gruppo, guidati da un potere universale condiviso, seducente e totalizzante - qualcosa che ci possiede, qualcosa di più grande, di strano e violento, in cui probabilmente si può trovare la propria identità.

È stato un processo di ricerca di sei anni?
Ci vuole tempo per conquistare la fiducia dei giovani, e molte famiglie avevano avuto esperienze spiacevoli con i giornalisti che avevano finto di essere venditori o anche Testimoni di Geova per entrare nelle loro case. Sono stato con loro per diversi anni, siamo diventati amici, e penso che è stato importante. Una sera sono sicuro di essere stato messo alla prova - a una festa mi diedero un drink con qualcosa dentro che mi fece dimenticare tutto. La mattina seguente mi svegliai con le ginocchia fracassate e sangue su tutto il mio letto. Quando chiesi loro cosa fosse accaduto, mi risposero: "Beh, sei tornato a casa, no?", e ne ridono ancora.

Originariamente voleva risolvere il mistero?
Come si può spiegare il senso della vita? Certo, avrei preferito scoprire il grande perché, e lo chiedevo a tutti, ma nessuno aveva la risposta, non a parole. Quindi bisognava scoprire un altro linguaggio, un linguaggio cinematografico in grado di abbracciare l'oscurità e il fascino di ciò che fanno i giovani, la perdita di coscienza comune, dentro di noi. Cercando di dare una visione artistica delle forze che operano. Il film è dunque uno studio dei giovani che hanno commesso il suicidio, ma anche di tutti gli altri, perché tutti noi ce l'abbiamo dentro - e coloro i quali dicono che è successo solo in Galles, non hanno capito che può succedere ovunque.

Perché ha deciso di fare un film e non - come di consueto - un documentario?
Per me non c'è differenza tra documentario e finzione - per me la questione sta nello scegliere il linguaggio più adatto a raccontare la storia: come artista, è mia responsabilità morale. Se una storia è narrata da persone reali, da attori o entrambi - come in Bridgend, non rende la storia più o meno vera; sarà sempre la mia visione della storia, la mia verità e il mio modo di raccontarla che conta.

I personaggi sono persone realmente esistenti - e come li ha scelti?
Tutti i personaggi del film sono costruiti sulla gente che ho incontrato - molti di essi sono un mix di più persone, per evitare di renderli riconoscibili, altrimenti sarebbero esclusi dalla società o peggio. Ho anche promesso di non ringraziarli nei titoli di coda. Il casting è durato un anno e mezzo, durante il quale mi sono reso conto che per i ruoli principali - che hanno le esperienze più difficili - era fondamentale trovare attori molto forti, che non sarebbero crollati. È stato anche importante non farli recitare - volevamo che fossero esattamente come i giovani di Bridgend, quindi mischiare la gente del posto con gli attori sia davanti che dietro la macchina da presa ha fatto funzionare tutto perfettamente.

Difficile da girare?
Oltre ogni aspettativa - abbiamo girato nel pub del posto, nella chiesa, nella stazione di polizia, nella scuola e in molte case private - anche in quella del prete. Sono stati tutti molto disponibili, il che mi ha sorpreso - pensavo che avrei incontrato almeno qualche resistenza. E no, non ci sono stati suicidi nel corso della produzione.

photogallery

titolo originale: Bridgend
paese: Danimarca
anno: 2015
regia: Jeppe Rønde
sceneggiatura: Jeppe Rønde, Torben Bech, Peter Asmussen

premi/partecipazioni principali

44° International Film Festival Rotterdam 2015In concorso
Göteborg International Film Festival 2015The Ingmar Bergman International Debut Award 2015 | Selezione

Tribeca Film Festival 2015

Brussels Film Festival 2015 
Les Arcs International Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Home Sweet Home
Les Arcs