Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Stephan Richter • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Era un caso pieno di opinioni molto radicali"

di 

- SAN SEBASTIÁN 2015: Stephan Richter trova una nuova prospettiva su un caso realmente accaduto, in cui gli adolescenti vengono uccisi per un'incursione in un supermercato, in One of Us

Intervista: Stephan Richter  • Regista

Con il suo film d'esordio, One of Us [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Stephan Richter
scheda film
]
, il regista Stephan Richter affronta l'incidente realmente accaduto e tanto discusso di un adolescente ucciso dalla polizia in Austria. Durante il San Sebastián International Film Festival - in cui la produzione austriaca è stata presentata in anteprima - Richter ha parlato a Cineuropa delle sue esperienze in questa prima volta da regista di un lungometraggio e delle responsabilità che bisogna assumere con un tema così controverso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come ha pensato alla vera storia su cui il suo film è basato?
Stephan Richter: Questa storia è accaduta in realtà in Austria nel 2009. Un poliziotto ha sparato a un ragazzo di 14 anni alle spalle, ed è stato un enorme scandalo in Austria. Ne hanno parlato tutti i giornali. C'era una sorta di opinione condivisa secondo cui andava bene sparare ai criminali in generale. Quello che mi ha scioccato è che era un 14enne. Non era un reato grave; era più una prova di coraggio, un'idea stupida. E così ho iniziato a fare qualche ricerca sul caso. 

Aveva intenzione di condividere il suo punto di vista sulla storia attraverso il film?
Sì, l'ho trovato molto importante perché si trattava di un caso pieno di opinioni molto radicali. Ho trovato molto difficile fare un film trovando una nuova prospettiva, in modo che la gente avrebbe potuto farsi una propria opinione. Così ho iniziato a sviluppare questo settore del supermercato come una sorta di Zeitgeist o una metafora per qualcosa che coinvolge tutti. Perché quando si perpetrano atti di violenza contro dei ragazzini e li si uccide, è evidente che ci sia qualcosa di sbagliato nella società. Questo è stato il motivo per cui ho fatto questo film. Così mi ponevo la domanda: cos'è che non va? 

In termini di struttura del film, si inizia con la fine, in modo che il risultato sia evidente per lo spettatore. Di conseguenza, la questione del come sia successo è più centrale nel film. È d'accordo?
Sì, certo. Il film inizia con immagini che si rivedono alla fine. Credo che questa fosse un'immagine forte che avevo in mente fin dall'inizio, anche prima di scrivere la sceneggiatura: un bambino che giace morto in un supermercato. Per me è un'immagine molto toccante, perché è così insensata - è molto triste perché per me, morire in un luogo pieno di prodotti scintillanti è un'immagine molto forte, e incorpora l'insensatezza di tutto questo. E l'ho trovato quasi surreale; Ho pensato che fosse buono iniziare così perché tutto il resto viene giudicato sulla base di quest'insensatezza. 

Ha fatto diversi cortometraggi sperimentali e anche video musicali. È stato difficile realizzare il suo primo lungometraggio?
Sì, probabilmente c'è voluto più tempo del solito perché da una parte, ho dovuto imparare e girare allo stesso tempo, e dall'altra parte, il problema era, dato che si basa su una storia vera, che si ha anche la grande responsabilità di fare qualcosa di significativo o qualcosa che non sembri un'opera prima. Penso che la pressione sia maggiore in questo caso. I laboratori Sources2 e Ekran di regia cinematografica mi hanno aiutato molto - in particolare il laboratorio di regia a Varsavia con Wojciech Marczewski. Lì, ho veramente capito cosa vuol dire essere un regista. Ad esempio, quando si chiede, "Lavorare sul set da regista - che cosa significa?" non credevo si trattasse tanto di recitazione e di concentrarsi sugli attori. Questo soprattutto mi ha aiutato sul set - sapere che l'obiettivo principale è garantire che gli attori siano bravi. Devo capire che cosa vogliono, e devo interagire con loro tutto il tempo. Lo sanno tutti in un certo senso, ma bisogna davvero lottare per averne il tempo.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: One of Us
titolo originale: Einer von uns
paese: Austria
anno: 2015
regia: Stephan Richter
sceneggiatura: Stephan Richter
cast: Jack Hofer, Simon Morzé, Christopher Schärf, Dominic Marcus Singer, Andreas Lust, Markus Schleinzer, Rainer Wöss, Birgit Linauer

premi/partecipazioni principali

San Sebastián International Film Festival 2015 New Directors
Vienna International Film Festival 2015 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Digital Production Challenge II - v1
Les Arcs 350x250