Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Michael Noer • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Pare che il crimine abbia un effetto magnetico su di me, ma almeno non sono solo"

di 

- Il regista danese Michael Noer parla del suo Key House Mirror, film pluripremiato con protagonisti Ghita Nørby e Sven Wollter, ambientato in una casa di riposo.

Intervista: Michael Noer  • Regista

Se il titolo Key House Mirror [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michael Noer
scheda film
]
sembra poco chiaro, probabilmente è perché non siete mai stati visitati per malattia mentale e demenza - fa parte di un test della memoria eseguito, tra gli altri, nelle case di cura danesi.

Il regista danese Michael Noer è al suo terzo lungometraggio. Dopo due su dei giovani criminali: nel suo debutto, R [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- co-diretto da Tobias Lindholm - erano dietro le sbarre, e nel secondo, Northwest [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michael Noer
festival scope
scheda film
]
, camminano liberamente per i quartieri di Copenaghen - ha diretto un dramma romantico sulla terza età, interpretato dalla grande-dame del cinema e del teatro danese, Ghita Nørby, e dall'attore svedese Sven Wollter.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lily (Nørby) e Max (Jens Brenaa) sono sposati da più di 50 anni, ma dopo l'ictus di Max sono andati a vivere in una casa di cura, dove Max è in cura professionale, e Lily ha accantonato i suoi bisogni - ma è alla disperata ricerca di emozioni e intimità nella sua vita. Quando Erik, il Pilota (Wollter), si trasferisce nella stanza accanto, lui e la sua passione per la vita affascinano immediatamente Lily, ma né la famiglia di lei né gli altri residenti sono contenti della sua nuova conoscenza. Incompresa dalla sua famiglia e intrappolata nella sua vita con Max, decide di lottare per sfuggire alle sbarre della sua prigione invisibile e rivendicare la sua libertà.

Prodotto da Tomas Radoor e René Ezra per Nordisk Film Production, Key House Mirror ha finora girato 13 festival internazionali, nei quali ha vinto il premio KNF della Critica Olandese al Festival Internazionale di Rotterdam e il premio della critica italiana alla Miglior attrice europea al Festival del Cinema Europeo di Lecce.

Cineuropa: L'ultima volta che abbiamo parlato, ha detto "il mio prossimo film è tutta un'altra storia - quando lo annuncio, la maggior parte delle persone scuoterà la testa e dirà che è impossibile". Ma una casa di cura?
Michael Noer: Mia nonna ha sempre avuto paura di finire in una casa di riposo, come suo marito, e le ho scritto una nota, "Te lo prometto, non finirai mai in una casa di cura", che teneva vicino al telefono. Mio nonno ci è finito dopo un ictus, quando avevo otto anni, e ripetevo sempre a mia nonna, "Leggi la nota," ma lei è lì adesso. E ho deciso di fare un film sulla vita in una casa di riposo.

Com'è passato dai giovani criminali agli anziani pazienti di una casa di riposo?
Per molti versi Key House Mirror è molto simile a R - una casa di cura NON è una prigione, ma per la protagonista del film - Lily - diventa una prigione, così è costretta a prendersi una pausa dalla sua autocomprensione e dai sogni sul resto della sua vita.

Era sua intenzione raccontare una storia d'amore tra persone anziane, oppure no?
Sono stato fortemente influenzato dalla ricerca e, in secondo luogo, dalla Nørby - la vita non è finita finché non è finita - è per questo che il film è diventato molto più leggero di quanto avevo previsto - ma va benissimo anche con la luce al posto dell'oscurità. Sappiamo tutti bene che moriremo.

Come ha fatto il casting?
Ho sempre pensato alla Nørby come protagonista - non avevo in mente nessuna, nessun'altra a parte lei. E a mio parere Wollter è il migliore in Scandinavia per interpretare proprio il ruolo del vulnerabile-grande-ammaliatore, che era assai importante in un film sull'amore e il coraggio. Erik ha vissuto così tante esperienze nella sua vita - così crede - ma Lily no; quindi la casa di riposo è totalmente diversa per loro, per lui è solo un altro tipo di hotel, per lei una prigione.

Combina un cast di attori professionisti con veri lavoratori e pazienti della casa di cura. Ritiene che aiuti a creare autenticità
Aiuta sempre ascoltare la realtà - qui, ascoltare le persone che lavorano o i pazienti della casa di cura, ma allo stesso tempo ascoltando e traendo ispirazione dalle idee e dai sentimenti degli attori.

E il suo prossimo film?
Ho di nuovo bisogno di sangue sulle mani - pare che il crimine abbia un effetto magnetico su di me, ma almeno non sono solo.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Key House Mirror
titolo originale: Nøgle hus spejl
paese: Danimarca
rivenditore estero: TrustNordisk
anno: 2015
regia: Michael Noer
sceneggiatura: Anders Frithiof August, Michael Noer
cast: Ghita Nørby, Sven Wollter

premi/partecipazioni principali

44° International Film Festival Rotterdam 2015In concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

CASI HECHO Home
Doc Spring