Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Terence Davies • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Se non si perdona, non ci si lascia mai il passato alle spalle"

di 

- SAN SEBASTIÁN 2015: Cineuropa ha intervistato il regista inglese veterano Terence Davies, in competizione per la Conchiglia d'Oro con il suo nuovo film, Sunset Song

Intervista: Terence Davies  • Regista

Un appassionato e critico Terence Davies, autore di grandi titoli inglesi come Voci Lontane...Sempre Presenti, Il Lungo Giorno Finisce e, più di recente, The Deep Blue Sea [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Terence Davies
scheda film
]
, ci ha raccontato molto di Sunset Song [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Terence Davies
scheda film
]
, adattamento del romanzo di Lewis Grassic Gibbon su una famiglia di contadini che lotta per sbarcare il lunario nel nord-est della Scozia. Il film è stato accolto molto bene al 40° Toronto Film Festival, ed è ora in competizione per la Conchiglia d'Oro del 63° San Sebastián Film Festival. Abbiamo chiacchierato con lui.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: In precedenza, ci sono stati altri adattamenti del romanzo di Lewis Grassic Gibbon (dalla BBC, per il teatro e così via). Come affronta un progetto come questo?
Terence Davies: È considerato un grande romanzo scozzese, e tutti lo conoscono lì. Volevo catturarne lo spirito, poiché non è solo una storia, è un argomento, e volevo mostrare per bene la sua essenza. Posso fare solo le cose che vedo nella mia mente - se non riesco a vederle, è una perdita di tempo. Volevo solo essere sincero. L'ho letto circa 40 volte, ma adattare qualcosa è difficile e ho preso un sacco di appunti. Questo romanzo parla di speranza e di perdono, e queste cose sono importanti: se non si perdona, non ci si lascia mai il passato alle spalle. È difficile perdonare qualcuno che ci fa male davvero, e il mio film parla di questo. 

Questo film è un moderno ritratto di una femminista che cerca di non mollare - e quindi la sua forza sta nell'essere senza tempo, potrebbe essere fatto in ogni epoca...
Sono d'accordo. Volevo essere sincero, e a volte è sufficiente guardare il dramma che si sviluppa. Quando lei si avvicina alle scale, è incinta, prova un dolore terribile, ed è terrificante quando le persone provano dolore. Mio padre è morto di cancro, ed è stato orribile, perché non si può fare nulla. Queste cose possono accadere in qualsiasi momento. Mi piace l'idea di mostrare qualcosa, lo spettatore decide poi se è moderno, femminista, senza tempo o qualsiasi altra cosa. A molta gente non piace quello che faccio, perché pensano che sia troppo lento, ma è così che vedo le cose. Vorrei che il mio lavoro piacesse a più persone, ma bisogna essere fedele al proprio cuore.

Lei mostra un'eroina senza farla cadere nel vittimismo. Qual è stato il processo di creazione di personaggi tanto forti, sebbene già presenti nel libro?
È stato in parte logico e semplice grazie al libro, ma sono anche cresciuto intorno a donne forti - le mie sorelle e mia madre in particolare, che non era una donna dura, ma era forte e molto affettuosa. Quand'ero piccolo, mi portavano spesso al cinema, e in quei giorni, tutti i grandi film di Hollywood erano sulle donne. Tuttavia, non si tratta solo di ciò che si legge o si scrive, ma di quello che si vive. Ad esempio, lei sa di essere incinta, ma non ha intenzione di dirlo al marito. Fa quel monologo da sola. Lo spettatore non lo vede affatto: la scena del letto non c'è nel libro, ma ho deciso che avrebbe potuto aggiungere più intensità alla narrazione. Bisogna solo essere fedele allo spirito del libro e ai personaggi, siano essi uomini o donne. Come in Jane Eyre, il primo grande romanzo - non c'è mai stata una Jane buona...

Quali consigli o suggerimenti ha dato ad Agyness Deyn e Kevin Guthrie per aiutarli nelle loro interpretazioni?
Ho solo detto, "Per favore, non recitate - siate!" Mi piace catturare la spontaneità del momento perché è molto fresco. La recitazione britannica è terribile, ma non è una novità. Spengo la televisione e dico: "Vi prego, basta recitare."

Sunset Song è il primo libro della trilogia A Scots Quair. Pensa che ci sarà una seconda e terza parte?
Credo di no. Costerebbe un sacco di soldi, e nessuno me li darebbe. Che sciocchezza! Io non faccio parte del mainstream, e quando non ci sei dentro, non puoi farlo. Per esempio, non ho potuto inserire la gente nel cast solo perché famosa.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Sunset Song
titolo originale: Sunset Song
paese: Regno Unito, Lussemburgo
rivenditore estero: Fortissimo Films
anno: 2015
regia: Terence Davies
sceneggiatura: Terence Davies
cast: Agyness Deyn, Peter Mullan, Kevin Guthrie

premi/partecipazioni principali

Toronto International Film Festival 2015Special Presentations
San Sebastián International Film Festival 2015 In Concorso
Stockholm International Film Festival 2015 
Luxembourg City Film Festival 2016 
Luxembourg City Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

CASI HECHO Home
Doc Spring