Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Tomáš Weinreb, Petr Kazda • Registi

email print share on facebook share on twitter share on google+

"La questione del singolo e della società è più attuale che mai"

di 

- BERLINO 2016: I registi cechi Tomáš Weinreb e Petr Kazda parlano della loro meticolosa opera prima, I, Olga Hepnarová, film d'apertura della sezione Panorama alla Berlinale di quest'anno

Intervista: Tomáš Weinreb, Petr Kazda  • Registi

Il tandem creativo ceco composto da Tomáš Weinreb e Petr Kazda prepara la sceneggiatura, dirige e produce progetti cinematografici. Entrambi hanno studiato al FAMU di Praga: Kazda si è dedicato alla sceneggiatura, mentre Weinreb ha studiato cinema documentario. Insieme hanno girato diversi film studenteschi, hanno scritto sceneggiature e hanno fondato la propria casa di produzione, Black Balance, nel 2011. I, Olga Hepnarová [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
film focus
intervista: Tomáš Weinreb, Petr Kazda
scheda film
]
 è il loro primo lungometraggio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Cineuropa: Perché fare un film sull'ultima donna giustiziata della Cecoslovacchia?
Tomáš Weinreb: Volevamo affrontare in primo luogo il destino di Olga, che la gente in Repubblica Ceca e Slovacchia potrebbe non conoscere. Tale situazione estrema è stata la spinta principale per noi, e poi Petr ed io abbiamo contattato Roman Cílek, che ci ha aiutato con i fatti sulla storia. Ci è sembrata interessante - le situazioni, come Olga si comporta in termini della sua anomalia, anche se non abbiamo mai dimenticato le vittime. Sapevamo che era importante pensare a loro, e volevamo anche evitare qualsiasi tipo di approccio da tabloid. Era ed è ancora un'assassina. Abbiamo fatto questo film anche come monito.

Petr Kazda: Le circostanze dell'atto ci hanno portato alla Hepnarová e anche il fatto di come si scusò per le sue azioni. L'ho percepito su un piano personale, ma anche queste cose tra un individuo e la società, in particolare alla sua età, dalla pubertà ai 22 anni, sono universali, la formazione e la difficoltà di venire a patti con il mondo.

Il cinema ceco recente presta molta attenzione a figure storiche come Jan Palach nel caso di Burning Bush [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 o recentemente Lída Baarová nel film omonimo.
TW: Non era nostra intenzione prendere parte a qualsiasi tipo di tendenza. Il film oscilla tra la biografia e il nostro parere, il modo in cui percepiamo questa figura, il nostro commento sulla pena di morte... Definiamo il film dramma esistenzialista e non vi è una nemesi diretta in tal caso, a differenza del teatro classico - non c'è un antagonismo in senso stretto. Il destino esistenziale del film riguarda l'ansia di Olga, il suo isolamento e la relazione con i suoi sentimenti più intimi e fuori dalla società. La protagonista porta l'antagonismo dentro e in parte l'antagonismo è causato anche dalla società. È esistenzialista nel senso che se qualcuno decide di fare una cosa del genere sulla base del proprio codice morale, definito da sé, accade questo. E la questione dell'individuo e della società è più attuale che mai, ma oggi è più legata alla religione o alla politica, il che non era proprio il caso di Olga Hepnarová.

Com'è stato il processo di ricerca?
TW:
 Oltre alla letteratura, abbiamo cercato di incontrare persone vicine alla Hepnarová, ma non erano molto aperte su di lei. Avevano più che altro una sensazione o un ricordo, forse, non molto chiaro; abbiamo cercato di incorporare nel film quello che credevamo fosse più autentico da parte loro, ma più in termini di emozioni che di fatti, perché non sapremo mai le circostanze reali. Non abbiamo incontrato i sopravvissuti delle vittime; abbiamo cercato di contattare la famiglia di Olga Hepnarová e abbiamo parlato con sua sorella. In questa storia non si può semplicemente puntare il dito contro qualcuno.

Il film ruota anche intorno alla rappresentazione di una minoranza sessuale.
TW: Beh, la sua storia è sempre l'intento principale, ma allo stesso tempo, la corporalità e l'incapacità di trovare un partner soprattutto a quel tempo è parte integrante della sua storia. E il tema che potrebbe essere approfondito, la dura vita di lesbica di Olga Hepnarová negli anni '70 non era l'obiettivo principale. Non avevamo obiettivi primari o logline. Anche questo è stato un problema quando cercavamo di ottenere finanziamenti, dal momento che non c'era una chiara pista da seguire nella sceneggiatura e qualcuno si sarebbe potuto sempre lamentare del fatto che il progetto non avesse un tema chiaro. Ma sicuramente, la sua vita affettiva e sessuale è stata la chiave, come nella vita di tutti. Se non si è felici e si ha qualche indisposizione psicologica, è una combinazione pericolosa.

Come hanno partecipato la Francia e la Polonia?
TW: C'è una lunga genesi di quei Paesi che stanno dietro al progetto. In sostanza, la Polonia ci ha dato la protagonista. Abbiamo capito subito che volevamo che la protagonista fosse interpretata da qualcuno al di fuori della Repubblica Ceca. La selezione lì è più grande e in termini di tipologie, abbiamo trovato tre attrici che erano più simili alla Hepnarová rispetto a quelle ceche. Sapevamo anche che la Polonia era in grado di sostenere i progetti in cui crede. Ciò è più difficile nel nostro Paese. La Francia ha partecipato tramite Guillaume de Seille, con il quale ci siamo consultati sul progetto durante la scrittura e ha apprezzato la prima versione, partecipando come co-produttore. E la Slovacchia è stata una scelta logica dal momento che è una questione cecoslovacca. Abbiamo usato anche le musiche del compositore slovacco Marián Varga del Collegium Musicum del suo miglior album degli anni '70, e un ruolo molto importante di non protagonista è interpretato dall'attore slovacco Juraj Nvota. Abbiamo dovuto sacrificare molto del nostro tempo personale e denaro sopravvivendo al minimo al fine di concentrarci pienamente sul film e ultimarlo. 

Le location e le scenografie sono impressionanti.
TW: Abbiamo avuto un architetto eccellente, Alexander Kozák, che ha acquisito grande esperienza ai Barrandov Studios da František Vláčil a Alexander Sokurov. Ci ha aiutato con i sopralluoghi alle location specie in Polonia intorno a Breslavia. La combinazione di fotografia in bianco e nero, Alexander Kozák, le luci e le ambientazioni polacche ci hanno permesso di creare quello che volevamo. Abbiamo avuto nove giorni di riprese in Repubblica Ceca, due in Slovacchia e 18 in Polonia.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: I, Olga Hepnarova
titolo originale: Já, Olga Hepnarová
paese: Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia, Francia
anno: 2016
regia: Petr Kazda, Tomás Weinreb
sceneggiatura: Petr Kazda, Tomás Weinreb
cast: Michalina Olszańska, Marta Mazurek, Ondřej Malý, Lukás Bech

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Panorama
Febiofest International Film Festival 2016 
Sofia International Film Festival 2016
Miglior Regia
Crossing Europe 2016 
Seville European Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Seneca's Day Lithuania
Home Sweet Home