Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Fiona Tan • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Il cinema è molto più del semplice obbedire alle leggi di Hollywood"

di 

- Cineuropa ha incontrato l'artista visiva Fiona Tan, regista di History’s Future, all'International Film Festival Rotterdam di quest'anno per saperne di più su cosa pensa del cinema e del festival

Intervista: Fiona Tan  • Regista

Profondamente influenzata da pittura, letteratura e dai libri di psichiatria della madre, Fiona Tan è molto stimolante intellettualmente. Sposandosi bene con l'interesse negli artisti visivi che passano al cinema dell'International Film Festival Rotterdam, l'artista avrà un'esposizione extra muros chiamata News from the Near Future e History’s Future [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Fiona Tan
scheda film
]
, opera prima inclusa nella Tiger Competition di quest'anno, quindi sembra di certo avere un futuro brillante davanti a sé.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Cos'ha significato per lei essere selezionata alla Tiger Competition 2016?
Fiona Tan: Beh, poiché di solito sono un'artista visiva, non sono molto informata sui festival cinematografici. Ma da quanto mi dicono, mi pare di capire che gli altri festival sono generalmente più orientati verso il mainstream, i film commerciali. Quindi sono molto entusiasta di essere stata scelta.

Crede anche lei che le modifiche alla struttura del festival di quest'anno siano state una buona idea?
Mi sembrava una buona idea rinnovare la competizione. E credo che consentirà di concentrarsi su meno film, ma spero anche su film di qualità migliore. Mi sembra una mossa intelligente.

Com'è stato per lei muoversi nel mondo del cinema per la prima volta?
Abbastanza estenuante [ride.] Molto emozionante e gratificante, però. In realtà è stato uno sviluppo molto organico. Lavoro principalmente con pellicole e video da molti anni ormai, quindi l'aspetto della produzione non mi è così estraneo.

In più, come artista mi sono interessata sempre più alla narrativa, suppongo. Ovviamente il cinema attuale è molto narrativo: si crede che i film debbano raccontare una storia. Quindi da regista, mi sembrava una cosa molto logica da esplorare. Un'altra cosa che mi ha incuriosito sempre più è stata lavorare con gli attori. Quindi questo progetto mi ha offerto la possibilità di fare entrambe le cose.

È una di quei registi che si impegnano a lavorare contro la credenza secondo cui i film dovrebbero raccontare storie lineari?
In un certo senso sì. Credo sia molto importante sfidare i propri confini e guardare a quanto lontano si può andare. Non voglio ripetere qualcosa che qualcun altro ha già fatto, o semplicemente rispettare le regole. Credo che il cinema sia molto più di un semplice obbedire alle leggi di Hollywood. Credo che lo limitino e lo rendano molto conservatore. Trovo che sia un vero peccato.

Voglio dire, se prendiamo i film francesi degli anni '60, ad esempio - e qui potrei citare un'infinità di esempi - credo che il loro desiderio di sperimentare manchi nel discorso cinematografico attuale.

Quant'è stato difficile ottenere finanziamenti per questo progetto audace, però?
Credo che sia sempre difficile per i film artistici. Bisogna solo essere molto perseveranti, come quei giocattoli per bambini che si buttano giù e rimbalzano. Bisogna essere così. Per un anno o due, almeno. Non è divertente... non è affatto divertente.

Il finanziamento dell'Irish Film Board che ha ricevuto mi è sembrato interessante, perché ho potuto sentire davvero la voce di Samuel Beckett nel suo film.
Sì, è interessante, perché in realtà Mark, che interpreta M.P., è anche uno sceneggiatore. Quindi conosce benissimo Beckett. È interessante però, perché proprio l'altro giorno pensavo che dovrei ispirarmi a Beckett di nuovo. Lo amo. Ha fatto davvero grandi cose. Quel film che ha fatto con Buster Keaton, ad esempio. Come si chiamava? Film? Era fantastico.

Potremmo vedere la sua influenza nei suoi prossimi lungometraggi, allora?
Forse. Sono nel bel mezzo del montaggio di un altro film in questo momento, in realtà. Il titolo provvisorio è Ascend, e le dirò una cosa in merito e basta. Sto cercando di fare un lungometraggio composto interamente da fotografie. Dico solo questo.

Anche questo è stato piuttosto spontaneo, ma è abbastanza difficile, devo dire. È stato bello, però, lavorarci. Cercavo di capire come fare cinema con il minor numero di elementi possibile - e credo che sia una cosa molto utile da provare.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: History's Future
titolo originale: History's Future
paese: Paesi Bassi, Germania, Irlanda
anno: 2016
NOTFOUND_filmregia_it: Fiona Tan
NOTFOUND_filmsceneggiatura_it: Fiona Tan, Jonathan Romney
NOTFOUND_filmattori_it: Denis Lavant, Anne Consigny, Mark O'Halloran, Hristos Passalis, Manjinder Virk, Rifka Lodeizen, Brian Gleeson, Johanna ter Steege

premi/partecipazioni principali

International Film Festival Rotterdam 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

DPC

Newsletter

WBImages Locarno
Swiss Locarno